Italia U 20


MONDIALI U 20, A CREMONA I BABY BLACKS SALGONO SUL TETTO DEL MONDO PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 20 Giugno 2015 21:40

 

 MPR8318 celebratingCremona - Il World Rugby U20 Championship chiude i battenti con le finali di Cremona ed emette i suoi verdetti.

Con cinque finali vinte su cinque disputate in otto edizioni del Mondiale U20, la Nuova Zelanda si laurea Campione del Mondo, battendo l’Inghilterra detentrice del titolo 21 a 16.

È stato un match entusiasmante quello che si è disputato allo stadio “Zini” di Cremona aperto e chiuso con la Haka della vittoria dei Baby Blacks che, comunque, hanno dovuto faticare non poco per avere ragione della nazionale della Rosa. Gli inglesi, cui non è riuscita l’impresa di portare a casa il trofeo per la terza volta consecutiva, sono stati abili ad imbrigliare la potenza esplosiva della star dei “tutti neri”, l’ala Tevita Li che non ha incrementato il record di mete segnate (13 in due edizioni del Campionato), ma nulla hanno potuto quando, nella seconda frazione di gioco, i neozelandesi hanno iniziato a spingere il piede sull’acceleratore. Alla fine il computo delle mete, due a una, è sicuramente esiguo, ma la precisione nei calci dei Baby Blacks ha fatto la differenza instradando il trofeo verso emisfero Sud del globo.

Con questo titolo la Nuova Zelanda allunga il passo sulle altre nazioni con cinque trofei vinti contro i due degli inglesi e uno andato al Sudafrica.

Nella giornata conclusiva si sono giocate anche le altre gare che hanno definito la classifica finale del Mondiale U20.

Sarà Samoa a disputare nel 2016 il World Rugby U20 Trophy dopo aver perso il match che assegnava l’ultimo posto nell’élite del rugby mondiale. Ad aggiudicarselo, come accadde nel 2011 contro un’altra squadra del Pacifico (Tonga), è stata l’Italia a vincere in un match sofferto fino alla fine (20-19), con gli isolani che avrebbero potuto ribaltare il risultato con un calcio dalla piazzola in chiusura di partita.

Sono state alcune disattenzioni a non permettere al Giappone di agguantare il nono posto, che invece è andato all’Argentina (38-21), autrice di un ottimo secondo tempo e che le ha permesso di portare a casa il risultato contro i nipponici.

Al settimo posto si è classificata l’Irlanda che con il punteggio di 17 a 9, nel match giocato alle 13 allo “Zaffanella” di Viadana, ha avuto la meglio sulla Scozia.

Sempre a Viadana, l’Australia è riuscita a conquistare il quinto posto ai danni del Galles, battendo i Dragoni 28 a 23 e mantenendo la promessa fatta dal proprio allenatore pochi giorni fa di voler vincere la quarta partita su cinque disputate in questo Mondiale.

31 a 18 è stato invece lo score della “finalina” per terzo e quarto posto che si è disputata allo stadio “Zini” di Cremona e con il quale il Sudafrica ha chiuso il suo Mondiale sul gradino più basso del podio, battendo la Francia che, comunque, ha eguagliato il suo miglior risultato da quando si disputa il Mondiale U20.

Appuntamento per il 2016 in Inghilterra, a Manchester, sede del prossimo World Rugby U20 Championship.

Questi i risultati dell’ultima giornata e la classifica finale del World Rugby U20 Championship “Italia 2015”.

Argentina v Giappone 38-21
Irlanda v Scozia 17-9
Galles v Australia 23-28
Italia v Samoa 20-19
Francia v Sudafrica 18-31
Nuova Zelanda v Inghilterra 21-16

CLASSIFICA FINALE
1 – Nuova Zelanda
2 – Inghilterra
3 – Sudafrica
4 – Francia
5 – Australia
6 – Galles
7 – Irlanda
8 – Scozia
9 – Argentina
10 – Giappone
11 – Italia
12 – Samoa

CLICCA QUI PER I RISULTATI E I TABELLINI DI TUTTI I MATCH

 

 
L’ITALIA BATTE SAMOA E SI CONFERMA NELL’ELITE MONDIALE GIOVANILE PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 20 Giugno 2015 17:58

italia salvaA CREMONA GLI AZZURRINI DI TRONCON RIMONTANO E SI IMPONGONO 20-19

Cremona – Cremona porta bene all’Italrugby: allo Zini, nel 2013, la Nazionale di Brunel superò le Fiji e, un anno e mezzo dopo, gli Azzurrini di Alessandro Troncon passano in rimonta contro le Fiji nel play-out dei Mondiali U20: finisce 20-19 e Buonfiglio e compagni si confermano tra le prime dodici squadre al mondo di categoria.

Decisiva, nella ripresa, la prestazione della mischia italiana – che ha costretto al fallo sistematico il pack isolano – e l’errore dalla piazzola dalla lunga distanza del cecchino di Samoa Falaniko che, allo scadere del secondo tempo, ha fallito il calcio del controsorpasso.

Cremona, Stadio “Giovanni Zini” – sabato 20 giugno 

Mondiali U20, play-out 11° posto

Italia v Samoa 20-19

Marcatori: p.t. 3’ cp. Azzolini (3-0); 12’ cp. Falaniko (3-3); 15’ m. Tiatia tr. Falaniko (3-10); 19’ cp. Falaniko (3-13); 24’ cp. Minozzi (6-13); s.t. 4’ cp. Falaniko (6-16); 15’ m. di punizione Italia tr. Azzolini (13-16); 19’ cp. Falaniko (13-19); 32’ m. di punizione Italia tr. Azzolini (20-19)

Italia: De Santis (9’ st. Agabasse); Sperandio, Lamaro, Lucchin, Masato; Azzolini (15’-25’ pt. e 36’ st. Minozzi) Raffaele; Giammarioli, Polledri, Archetti (21’ st. Cornelli); Ortis (9’ st. Zanetti), Lazzaroni; Pavesi (1’ st. Cincotto), Ferraro (1’ st. Luus), Buonfiglio (cap, 30’ st. Dallavalle)

all. Troncon

Samoa: Tiatia; Winterstein, Faauli, Ioane, Falaniko; Leger, Taumateine; Dowsing (cap), Fetalaiga, Kueffner-Muitalo; Tuiomanufili, Fano (13’ st. Adams); Tamoaieta (28’ st. Fepulea’i), Mataena, Halafuka (23’ st. Jackett)

all. Sititi

arb. Conway (Irlanda)

Cartellini: 39’ pt. giallo Giammarioli (Italia); 9’ st. giallo Dowsing (Samoa), 12’ st. giallo Halafuka (Samoa), 28’ st. giallo Adams (Samoa)

Calciatori: Falaniko (Samoa) 5/9; Minozzi (Italia) 1/1; Azzolini (Italia) 3/3

 
MONDIALI U20, UN BILANCIO DEL TORNEO DALLE VOCI DEI 12 COACH PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Venerdì 19 Giugno 2015 16:15

10007363 1031291870215181 6156166449171951539 oBrescia – Domani allo stadio “Zini” di Cremona e, nella mattinata, allo “Zaffanella” di Viadana andrà in scena l’atto conclusivo del World Rugby U20 Championship “Italia 2015”.

Prima della finalissima che vedrà scontrarsi i Baby Blacks con i campioni uscenti dell’Inghilterra, i 12 allenatori delle squadre hanno risposto a quattro domande per tracciare un bilancio della partecipazione a questo Mondiale che si avvia alla conclusione.


1)    È soddisfatto della prestazione della sua squadra in questo Mondiale? Cosa è andato bene e cosa, invece, proprio non è andato?

2)    Qual è stata la squadra rivelazione?

3)    Di quali giocatori sentiremo sicuramente parlare in futuro?

4)    Chi vincerà il titolo tra Nuova Zelanda e Inghilterra?

Queste le loro risposte.

Nicolas Fernandez Lobbe - Argentina
1) Sono contento di come abbiamo affrontato tutte le partite, finora, tranne quella con la Scozia. La squadra ha mostrato una buona attitudine durante i match; i ragazzi hanno saputo rialzarsi sempre anche dopo gli errori commessi. Però sono state troppe le penalità che abbiamo subito durante il torneo e, inoltre, abbiamo creato molte azioni ma ne abbiamo finalizzate ben poche.

2) La Francia che è arrivata in semifinale. Non succedeva da un po’ di tempo

3) Ioane della Nuova Zelanda

4) -

Adrian Thomson - Australia
1) Siamo abbastanza delusi di non aver raggiunto le finali, ma contenti comunque di aver vinto 3 partite su 4 disputate finora. Ce la metteremo tutta perché diventino 4 su 5.

2) La grande sorpresa è stata sicuramente il Giappone, ma anche la Scozia trovo che abbia giocato molto bene in questo Mondiale.

3) Ioane e Li della Nuova Zelanda e Howells dell’Inghilterra.

4) La Nuova Zelanda

Fabien Pelous - Francia
1) Sono soddisfatto della nostra prestazione, perché quello di quest’anno è il miglior risultato degli ultimi 6 anni.

2) La Francia.

3) Credo che sentiremo parlare del numero 8 della Nuova Zelanda, Akira Ioane, dell’estremo australiano Jonah Placid e del numero 2 della Francia.

4) La Nuova Zelanda

Allan Lewis - Galles
1) Bene la continuità diretta e la voglia giocare velocemente ogni pallone. Male per come abbiamo preparato fisicamente le prime due partite, nelle quali molti giocatori si sono infortunati

2 Il numero 9 della mia squadra, Tomos Williams, e Tevita Li della Nuova Zelanda.

3) -
4) Penso che vincerà la Nuova Zelanda. È un match in cui si scontreranno due squadre dalle caratteristiche molto diverse: l’Inghilterra è fortissima in mischia e nelle fasi di conquista, mentre i Baby Blacks hanno una linea dei trequarti incredibile, sia per capacità che per velocità.

Ryuji Nakatake – Giappone
1) Sono molto soddisfatto della prestazione degli avanti, specialmente nella mischia e nei maul. Ciononostante, il nostro primo placcaggio in difesa e la seconda fase in attacco non hanno funzionato molto bene.

2) Samoa.

3) Il capitano della mia squadra, Kosuke Horikoshi.


4) La Nuova Zelanda.

Jon Callard - Inghilterra
1) Sì, perché ritengo che la mia squadra abbia fatto registrare dei progressi dal Sei Nazioni a oggi. All’inizio del Mondiale sapevo che avevamo un altro 20-30% in più da dare in attacco e posso dire che stiamo raggiungendo adesso questo obiettivo.

2) Non penso ce ne siano, perché tutte le squadre sono state all’altezza della competizione ed è per questo motivo che i team arrivano a disputare un Mondiale con le più forti squadre del mondo, per misurarsi con i migliori. La sfida vera è con noi stessi, sulle nostre prestazioni e con il programma che abbiamo messo in atto per raggiungere certe performance.

3) È difficile individuare un singolo giocatore, perché è il lavoro del gruppo che consente ad alcuni di emergere. Molti dei miei ragazzi sono stati inseriti nei “dream team” alla fine di ogni turno di questo campionato, ma questi giocatori sanno bene che devono tutto al lavoro dei propri compagni di squadra. Penso che ci saranno molti ragazzi di questo gruppo che in futuro rappresenteranno l’Inghilterra nelle maggiori competizioni; ci vorrà del tempo, ma saranno in molti.

4) Preferirei non rispondere a questa domanda…

Nigel Carolan - Irlanda
1) Non siamo molto soddisfatti. Abbiamo prodotto molto volume di gioco, creato molte occasioni, ma non siamo stati capaci di capitalizzarle, perché spesso i ragazzi, quando sono stati messi sotto pressione, non sono riusciti a rimanere focalizzati sugli obiettivi. È un percorso di crescita e maturazione che dobbiamo ancora completare.

2) Irlanda.

3) Gary Ringrose dell’Irlanda. Ha qualità fisiche, tecniche e l'attitudine giusta per esordire rapidamente nell'alto livello seniores.

4) Nessun dubbio: Nuova Zelanda. È la squadra con più equilibrio fra i reparti. Potenti ed efficaci con la mischia, rapidi e letali con i trequarti.

Alessandro Troncon - Italia
1) No, sia dal punto di vista del risultato sia dal punto di vista del gioco. Tanto rammarico per aver perso un’occasione davvero importante proprio con Samoa nella prima partita. Bene a sprazzi l'attitudine al combattimento. Non abbiamo saputo cogliere le occasioni che si sono presentate nelle diverse partite.

2) Francia.

3) L’argentino Domingo Miotti e Akira Ioane della Nuova Zelanda.


4) Inghilterra.

Paul Galletta (team manager) - Nuova Zelanda 
1) Sono veramente soddisfatto del percorso fatto finora, anche perché ritengo che abbiamo giocato un buon rugby, sia dal punto di vista dello spettacolo che da quello della fisicità. Dobbiamo migliorare nella difesa dei maul.

2) Giappone.

3) Un giocatore della mia squadra: Blake Gibson.

4) “…Black”.

Semo Sititi - Samoa
1) No, soprattutto per la nostra prestazione nella partita contro il Giappone. Ora ci troveremo a dover disputare la “finale salvezza” contro i padroni di casa, che dalla loro avranno anche il pubblico a sostenerli. Sarà dura.

2) Visto che ci ha battuti, devo dire il Giappone

3) Il rugby è uno sport di gruppo e preferisco non fare il nome dei singoli, soprattutto per quanto riguarda i miei ragazzi. Penso che, comunque, sentiremo parlare in futuro di molti giocatori che hanno disputato questo Mondiale, perché ho visto tante ottime individualità.

4) È una partita secca e in 80 minuti ci si gioca tutto, per cui un pronostico penso sia abbastanza difficile da fare, anche se vedo la Nuova Zelanda leggermente in vantaggio sugli inglesi.

Sean Lineen - Scozia
1) Sono davvero molto soddisfatto: partita perfetta con l'Argentina, i primi 25 minuti fantastici contro la Nuova Zelanda, ottimo primo tempo con l'Australia. Siamo arrivati nei primi otto al Mondiale per la prima volta e questo é un grande risultato. Se avessimo continuato così come abbiamo iniziato, ora staremmo parlando di un risultato diverso.

2) Il Giappone. Erano considerati già sconfitti e invece hanno lavorato duro, sia sul fisico che sulla testa e alla fine hanno ottenuto una fantastica vittoria contro Samoa. Al prossimo Mondiale sicuramente daranno del filo da torcere a tutti.

3) Blair Kinghorn. È molto giovane, fisicamente dotato e può giocare estremo o mediano di apertura. Ha un calcio fantastico e una visione di gioco totale, ha un grande futuro davanti. Ma scommetterei anche su Zander Fagerson: gran pilone, ottimo ball carrier, praticamente titolare a Glasgow in una squadra che ha vinto il Pro12.

4. Sarà una grande finale: la Nuova Zelanda ha le individualità per vincere in qualsiasi momento, ma l'Inghilterra ha 15 giocatori che vogliono ripetere l'impresa degli ultimi due anni. Partita imperdibile, ne uscirà un bel rugby.

Dawie Theron - Sudafrica
1) Sono ragionevolmente contento della nostra performance; abbiamo vinto tre partite e perso contro i campioni uscenti dell’Inghilterra e questo, chiaramente, non ci ha fatto piacere.

2) In questa competizione non si può sottostimare nessuna squadra

3) Il nostro Thomas du Toit, che ha già giocato nel Super Rugby e con i Barbarians. È un giocatore dotato di grandi potenzialità di crescita ancora.

4) Vincerà la squadra che sfrutterà al meglio le occasioni di segnare e che commetterà meno errori.

 
A PITTI BIMBO L'EVENTO IDO CON LA NAZIONALE U20 ITALIANA DI RUGBY PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Venerdì 19 Giugno 2015 13:35

FIR logo def RFirenze, Giugno 2015 – Prosegue la liaison fra iDO, brand di abbigliamento per bambini che fa capo alla toscana Miniconf SpA, e la Nazionale Italiana di Rugby. La collaborazione iDO e F.I.R. sarà sottolineata da un mini evento all’insegna dello sport e della moda durante Pitti Bimbo a Firenze.

L’evento, che si terrà a Firenze il 25 Giugno 2015 dalle 15:30 alle 17:30 presso lo stand iDO (stand K13/L7, piano terra del Padiglione Centrale della Fortezza da Basso) vedrà protagonista il capitano della Nazione Italiana Under 20 Paolo Buonfiglio con i compagni Enrico Lucchin e Lorenzo Casalini, che autograferanno le magliette iDO-F.IR. Per l’occasione sarà imbandita una bellissima sweet table colorata, con pasticcini e cupcakes a tema “rugby”, mentre per rinfrescarsi sarà possibile sorseggiare le bollicine delle Bibite Paoletti.

LA CAPSULE

La capsule, nata da un accordo di sub-licenza con adidas Italy per l’utilizzo del marchio F.I.R., è prodotta nelle taglie da 2 a 16 anni e venduta da iDO nei negozi mono e multimarca in Italia ed all’estero e nello store online www.miniconfshop.it.

La felpa è in 100% cotone blu e azzurro con l’interno del cappuccio stampato nei colori del tricolore. Sul fronte, la grafica “ITALIA” è ricamata sopra la tasca a marsupio; entrambe le maniche sono stampate. La polo a manica corta è in cotone di colore azzurro con striscia verticale bianca. Il collo tinto filo è in verde, bianco, rosso su base azzurra. La polo a manica lunga, sempre in 100% cotone, è realizzata bicolore con maniche blu e corpo bianco. La grafica “ITALIA” rimane frontale e riprende i colori della bandiera italiana; il logo F.I.R. spicca nelle nuance oro. Il pantalone lungo in felpa è di colore azzurro con scritta “RUGBY” sulla
gamba, proposto anche nella versione corta in cotone. Infine, la t-shirt con scritta frontale. La maglia, con le maniche e il corpo riprende sempre i tre colori della nostra bandiera. Tutti i capi sono caratterizzati dal logo ufficiale F.I.R.

 


Pagina 1 di 95

facebook bar2 Facebook Twitter Google plus YouTube Sound Cloud Rss Feed Dailymotion

  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR

biglietti_hospitality_2

keep_rugby_clean
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito