Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

Guinness PRO14
Guinness PRO14


WARRIORS 37 BENETTON RUGBY 21, NON BASTA LA BUONA PROVA DEI LEONI PDF Print E-mail
Campionati
Saturday, 30 September 2017 00:38
There are no translations available.

 

DFDS

Marcatori: 9’ meta Seymour tr. Horne, 16’ p. Horne, 23’ p. Banks, 26’ meta Harley tr. Horne, 28’ p. Banks, 40’ p. Banks, 49’ p. Horne, 54’ meta Horne tr. Horne, 56’ meta Lazzaroni, 68’ meta Ruzza tr. Banks, 70’ p. Thomson, 80’ meta Johnson tr. Thomson

Note: 48’ giallo a Esposito

 

Glasgow Warriors:

15 Ruaridh Jackson, 14 Tommy Seymour, 13 Nick Grigg, 12 Sam Johnson, 11 Lee Jones, 10 Peter Horne (65’ Brandon Thomson), 9 Henry Pyrgos (59’ Niko Matawalu), 8 Ryan Wilson (C), 7 Chris Fusaro (49’ Matt Fagerson), 6 Robert Harley, 5 Scott Cummings, 4 Brian Alainu’uese, 3 D’Arcy Rae (72’ Adam Nicol), 2 Pat MacArthur, 1 Alex Allan (65’ Jamie Bhatti)

A disposizione:
16 Fraser Brown, 19 Tim Swinson, 21 Ali Price

Head coach: Dave Rennie

 

Benetton Rugby:
15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Tommaso Benvenuti (73’ Ian McKinley), 12 Alberto Sgarbi, 11 Luca Sperandio, 10 Marty Banks, 9 Tito Tebaldi (46’ Giorgio Bronzini), 8 Marco Barbini (65’ Federico Ruzza), 7 Abraham Steyn, 6 Sebastian Negri (46’ Robert Barbieri), 5 Dean Budd (C), 4 Marco Fuser (46’ Marco Lazzaroni), 3 Simone Ferrari (59’ Tiziano Pasquali), 2 Luca Bigi, 1 Cherif Traore (46’ Alberto De Marchi) (52’ Federico Zani)

Head coach: Kieran Crowley

 

In uno Scotstoun tutto esaurito, i Leoni sono subito aggressivi e non permettono ai Warriors di liberarsi dell’ovale. Al 9’ da una touche in favore dei padroni di casa sulla linea dei 22 biancoverdi, Glasgow porta a terra la palla e sugli sviluppi dell’azione va in meta. La marcatura realizzata da Seymour viene trasformata da Horne. Poco dopo sono ancora i Warriors a rendersi pericolosi con una serie di pick and go, un calcio di punizione fischiato a loro favore manda Horne sulla piazzola: il suo calcio è preciso.

I Leoni provano presto a riorganizzarsi per trovare il varco, si entra nei 22 avversari e si conquista un calcio di punizione. Banks sistema l’ovale sulla piazzola e centra i pali. Gli scozzesi impongono ritmi di gioco veramente elevati, al primo tentativo vengono fermati dalla difesa biancoverde ma al secondo vanno in meta con Harley, trasforma Horne.

Alla ripresa del gioco ottima azione personale di Traore che liberato da un offload di Barbini riesce a guadagnare 40 metri conquistando anche un calcio di punizione. Banks non ha problemi a centrare i pali da posizione favorevole.

Nel finale di primo tempo i Warriors continuano ad attaccare ma sono i biancoverdi a trovare la via dei punti con una punizione di Banks da posizione defilata.

La prima frazione di gioco termina 17 a 9 in favore dei padroni di casa.

La ripresa comincia ancora con ritmi elevanti, coach Crowley al 46’ sostituisce quattro giocatori in un colpo solo: fuori Traore, Fuser, Negri e Tabaldi al loro posto De Marchi, Lazzaroni, Barbieri e Bronzini. Al 48’ i Leoni restano in 14 per il giallo ad Esposito.

Un minuto più tardi i padroni di casa allungano il divario con il piazzato di Horne. Al 52’ De Marchi è costretto a lasciare il campo per un infortunio al braccio, al suo posto entra Zani. Al 54’ Horne trova il varco che gli consente di superare la difesa biancoverde e va in meta, lo stesso trasforma.

Al 56’ punizione in favore dei Leoni, si decide di andare in touche. Da quest’ultima i Leoni costruiscono una maul avanzante che li conduce dritti oltre la linea di meta con Lazzaroni. Banks colpisce il palo da posizione defilata.

Al 64’ i Leoni tornano in touche a ridosso della linea dei 22 avversaria, i biancoverdi continuano a provarci. Serie di fasi che portano in touche dentro i 5 metri di Glasgow, dalla touche nasce l’azione che porta alla meta dell’appena entrato Ruzza; Banks trasforma facilmente.

Qualche minuto più tardi, calcio di punizione fischiato contro i Leoni e Thomson va per i pali e li centra. Al 76’ i Leoni hanno la possibilità di accorciare le distanze con Banks, il calcio dell’apertura neozelandese termina fuori di pochissimo. Nel finale di gara arriva la meta dei Warriors con Johnson, Johnson trasforma.

Allo Scotstoun Stadium di Glasgow i Warriors battono i Leoni 37 a 21.

 

 
GLASGOW WARRIORS VS BENETTON RUGBY, LA FORMAZIONE BIANCOVERDE PDF Print E-mail
Campionati
Thursday, 28 September 2017 13:09
There are no translations available.

 

2017 09 29-FORMAZIONE-SITO

Stamane lo staff tecnico del Benetton Rugby ha reso nota la formazione biancoverde, che domani sera scenderà in campo contro i Glasgow Warriors per il 5° round di Guinness PRO14. Allo Scotstoun si giocherà alle 19.35 locali 20.35 (italiane), la direzione della gara sarà affidata all’arbitro gallese Dan Jones.

Il match, non visibile in tv, potrà essere seguito tramite la diretta testuale sulla nuova app ufficiale Benetton Rugby.

Clicca qui per scaricare dall’App Store l’app ufficiale del Benetton Rugby per iOS

Clicca qui per scaricare da Google Play l’app ufficiale del Benetton Rugby per Android

I Warriors arrivano da quattro successi su altrettanti match ed affronteranno i Leoni reduci dal punto di bonus difensivo conquistato contro Ulster e dalla doppia vittoria contro Edimburgo e Ospreys.

Il XV biancoverde sarà così composto: linea dei trequarti vedrà ad estremo Jayden Hayward, sulle ali Angelo Esposito ed Luca Sperandio. Nel reparto dei centri Tommaso Benvenuti farà coppia con Alberto Sgarbi.

Novità in mediana con la coppia composta da Marty Banks e Tito Tebaldi.

Reparto degli avanti che vede Cherif Traore, insieme a Simone Ferrari ed al tallonatore Luca Bigi a comporre la prima linea. In seconda scenderanno in campo Marco Fuser affiancato da capitan Dean Budd. Infine la terza linea vedrà i flanker Sebastian Negri ed Abraham Steyn con Marco Barbibi a chiudere il pack con il numero 8.

Benetton Rugby:
15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Tommaso Benvenuti, 12 Alberto Sgarbi, 11 Luca Sperandio, 10 Marty Banks, 9 Tito Tebaldi, 8 Marco Barbini, 7 Abraham Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd (C), 4 Marco Fuser, 3 Simone Ferrari, 2 Luca Bigi, 1 Cherif Traore.

A disposizione:
16 Federico Zani, 17 Alberto De Marchi, 18 Tiziano Pasquali, 19 Federico Ruzza, 20 Marco Lazzaroni, 21 Robert Barbieri, 22 Giorgio Bronzini, 23 Ian McKinley

Head coach: Kieran Crowley

Giocatori indisponibili: Tommaso Allan, Andrea Bronzini, Andrea Buondonno, Whetu Douglas, Ornel Gega, Irné Herbst, Tommaso Iannone, Engjel Makelara, Nasi Manu, Luca Morisi, Nicola Quaglio, Marco Riccioni, Michael Tagicakibau, Alessandro Zanni, Matteo Zanusso.

Arbitro: Dan Jones (WRU)
Assistenti: Rhys Thomas (WRU), Cammy Rudkin (SRU)
Citing Commissioner: Beth Dickens (WRU)
 

COPERTURA TELEVISIVA – Nessuna copertura tv.

LIVE – La partita potrà essere seguita testualmente sull’app ufficiale Benetton Rugby:

Clicca qui per scaricare dall’App Store l’app ufficiale del Benetton Rugby per iOS

Clicca qui per scaricare da Google Play l’app ufficiale del Benetton Rugby per Android

e sull’account Twitter ufficiale di Benetton Rugby.

 

 
BENETTON RUGBY 16 OSPREYS 6, SECONDO SUCCESSO CONSECUTIVO DEI LEONI PDF Print E-mail
Campionati
Friday, 22 September 2017 23:47
There are no translations available.

 

CM3 0795
 
Marcatori: 2’ meta Minto tr. McKinley, 6’ p. Biggar, 10’ p. McKinley, 23’ p. McKinley, 29’ p. Davies, 78’ Banks
 
Note: 29’ giallo a Hayward
 
Benetton Rugby:
15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Tommaso Benvenuti, 12 Alberto Sgarbi, 11 Luca Sperandio, 10 Ian McKinley (55’ Martin Banks,), 9 Edoardo Gori (55’ Tito Tebaldi), 8 Dean Budd (C), 7 Abraham Steyn, 6 Francesco Minto (69’ Marco Barbini), 5 Federico Ruzza, 4 Marco Fuser (57’ Robert Barbieri), 3 Simone Ferrari (64’ Tiziano Pasquali), 2 Luca Bigi (64’ Federico Zani), 1 Alberto De Marchi (55’ Cherif Traore)

A disposizione:
23 Ignacio Brex

Head Coach: Kieran Crowley
 
Ospreys:
15 Dan Evans, 14 Keelan Giles, 13 Ben John, 12 James Hook (55’ Kieron Fonotia), 11 Jeff Hassler, 10 Dan Biggar (15’ Sam Davies), 9 Rhys Webb (55’ Tom Habberfield), 8 Dan Baker (35’ James King), 7 Justin Tipuric (C), 6 Olly Cracknell, 5 Adam Beard, 4 Bradley Davies (55’ Alun Wyn Jones), 3 Ma’afu Fia (73’ 18 Rhodri Jones), 2 Scott Baldwin (62’ Scott Otten), 1 Nicky Smith (60’ Gareth Thomas)

Head Coach: Steve Tandy
 
L’avvio di gara è sicuramente il migliore della stagione e lascia ben sperare. Trascorrono appena due minuti e i Leoni di Coach Crowley sono già in vantaggio con la meta di Minto, che finalizza un’ottima azione personale avviata da Sperandio. McKinley dalla piazzola trasforma facilmente.

Al 6’ in avanti biancoverde e sugli sviluppi della conseguente mischia, il direttore di gara concede un calcio di punizione ai gallesi che accorciano le distanze con Biggar. Il copione si inverte poco dopo, questa volta sono i Leoni a rubare l’ovale dalla mischia, gli Ospreys commettono fallo e possibilità per McKinley di aggiungere altri punti sul tabellino. Il calcio del numero 10 biancoverde è potente quanto basta per oltrepassare i pali ed i biancoverdi si portano a + 7.

I Leoni come già visto in altre occasioni in questo avvio di stagione sono molto precisi in fase difensiva e non concedono nulla alla squadra avversaria. Così al 21’ dopo aver conquistato un vantaggio conquistato, è ancora McKinley ad andare sulla piazzola ma l’ovale questa volta si stampa sul palo. L’arbitro ferma tutto, gli Ospreys erano corsi incontro prima del tempo e allora si ripete: questa volta il calcio è dentro.

Nel finale di primo tempo Davies subentrato all’infortunato Biggar segna tre punti facili, con i Leoni che restano in 14 per il giallo ad Hayward. Il primo tempo termina 13 a 6 in favore del Benetton Rugby.

Nella ripresa i ritmi calano e coach Crowley si affida alle sostituzioni per mantenere alta la vivacità dei suoi.

I gallesi provano a farsi sotto e vanno vicini alla meta ma il TMO prima e l’ottima difesa poi, rendono vano ogni tentativo ospite di schiacciare oltre la linea di meta e quindi di ridurre le distanze.

Al 75’ con gli Ospreys nei 22 metri dei Leoni, Banks recupera l’ovale e con un gran calcio lo sposta nella metà campo avversaria permettendo ai suoi di risalire. Proprio dalla pressione degli uomini di coach Crowley scaturisce il calcio di punizione che permette a Banks di chiudere i giochi.

I Leoni biancoverdi, dopo la vittoria della scorsa settimana ad Edimburgo, conquistano il secondo successo consecutivo battendo gli Ospreys 16 a 6.

 

 


Page 8 of 130

facebook bar2 Facebook Twitter Google plus YouTube Sound Cloud Rss Feed Dailymotion


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito