C.N.Ar. News


KENNET STREET SPONSOR UFFICIALE DEL SETTORE ARBITRALE FIR PDF Stampa E-mail
Martedì 05 Luglio 2016 12:42

 

arbitri 2Roma – La Federazione Italiana Rugby e Kennet Street, marchio facente parte della Genial Srl, hanno sottoscritto un contratto che prevede la fornitura di kit di abbigliamento formale per il settore arbitrale della FIR. L’azienda, attiva nella produzione e commercializzazione di capi sartoriali di elevata qualità e che nel 2015 ha venduto oltre 400.000 capi nel mondo, è sponsor ufficiale del Settore Arbitrale della Federazione Italiana Rugby.

Maurizio Vancini, Presidente della Commissione Nazionale Arbitri della FIR, sottolinea l’importanza dell’intesa raggiunta: “Come Presidente del Cnar della FIR sono molto soddisfatto del traguardo raggiunto. L'accordo con Kennet Street, azienda molto attenta alle dinamiche del mondo dello sport, rappresenta una novità ma, soprattutto, un motivo di vanto per tutto il settore arbitrale italiano riuscendo a fornire ai nostri arbitri, uomini e donne, un aspetto ancor più professionale al di fuori del rettangolo di gioco. In occasione delle finali del Campionato Italiano di Eccellenza e del Campionato di Serie A Femminile, tutti gli ufficiali di gara hanno indossato abiti firmati Kennet Street. Il nostro obiettivo in futuro sarà quello di raggiungere tutto il nostro movimento dando un'immagine definita alla classe arbitrale italiana del rugby italiano”.

Gli fa eco Vincenzo Laudano, amministratore unico della Genial Srl: "Siamo orgogliosi che il brand Kennet Street possa affiancare la Commissione Nazionale Arbitri della Federazione Italiana Rugby.
Metteremo in campo tutta la nostra esperienza nel mondo della moda , assicurando un aspetto professionale senza mai tralasciare la cura per i dettagli e l’eleganza. Daremo alla classe arbitrale del rugby italiano  un’immagine  caratterizzata dall’ artigianalità e dall’eccellenza che da sempre contraddistinguono il nostro marchio. Il risultato di questa partnership andrà sicuramente oltre le nostre aspettative e quelle della Cnar con la quale auspichiamo di avere collaborazioni in futuro sempre più solide e proficue."

 

 
ON-LINE IL REGOLAMENTO DI GIOCO 2016 CON LE VARIAZIONI IN VIGORE DA OGGI, 1° LUGLIO 2016 PDF Stampa E-mail
Venerdì 01 Luglio 2016 08:31

copertina-regolamento-2016 Pagina 1xjpgRoma - È pubblicato nella sezione C.N.Ar./Regolamento di gioco (scaricabile direttamente utilizzando il banner presente nelle sezioni dedicate a: Formazione, Tecnici e CNAR) l’edizione 2016 del Regolamento di Gioco della Rugby Union.

Il nuovo regolamento contiene le recenti priorità definite per il maul, chiarimenti e raccomandazioni intervenute nel corso della stagione sportiva appena conclusa e gli emendamenti definiti da World Rugby “Variazioni Minori” che saranno in vigore da oggi, 1° luglio 2016.Nuova veste grafica e impaginazione rendono il documento, realizzato per essere disponibile in formato digitale, quindi, con particolare attenzione alle modalità di consultazione tramite smartphone o tablet, molto più pratico e versatile consentendo a tutti di avere sempre a portata di mano il regolamento di gioco.

Regolamento che è al servizio del gioco e attraverso implementazioni o emendamenti alle regole che nascono a seguito di dettagliate analisi, in risposta alle richieste avanzate dalla varie Federazioni, da parte del Law Review Group (LRG) della World Rugby, la Commissione proposta alla studio di queste variazioni, cerca di rendere questo gioco sempre più sicuro e funzionale allo sviluppo di una efficace continuità di azioni di gioco.

I maggiori cambiamenti regolamentari (variazioni minori) riguardano:

  • La regola 3, soprattutto la riformulazione del comma 3.5 troppo complicato e ridondante (con la nuova formulazione ci dovrebbero essere minori difficoltà nella sua applicazione e interpretazione) e la regola 3.14 che prevede che la sostituzione di un giocatore infortunato a seguito di un fallo di antigioco (verificato dagli Ufficiali di Gara) non modifica il numero di giocatori della squadra che ha subito l'infortunio per antigioco che possono rientrare in campo.
  • Vantaggio da mischia potrà essere applicato nel caso di crollo della mischia se non c'è rischio per la sicurezza dei giocatori.
  • Simulazioni o sceneggiate da parte di giocatori che simulano un infortunio sono messe al bando nel gioco; questo formalizza la necessità di scoraggiare una pratica sgradevole comparsa negli ultimi anni che adesso potrà essere sanzionata.
  • Mischia: le squadre dovranno essere pronte a formare una mischia entro 30 secondi dal momento dell'assegnazione di questa ripresa del gioco, quando il pallone diviene ingiocabile a seguito della rotazione oltre 90° l'introduzione rimarrà alla squadra che precedentemente aveva introdotto il pallone, il mediano di mischia della squadra che non ha il possesso del pallone non si potrà posizionare nello spazio che si crea tra il flanker e il numero 8, quando il pallone è tra i piedi del numero 8 e se la mischia si ferma per 3-5 secondi l'arbitro chiamerà "usala" e la squadra in gestione del pallone dovrà immediatamente giocare il pallone.
  • Tutti i calci di punizione o liberi che sono concessi vicino alla linea di meta devono essere portati a 5 metri dalla linea di meta a prescindere dalla squadra (non più solo quella in attacco).
  • In aggiunta è stata definita una importante linea guida per il maul; nello specifico il pallone potrà essere spostato/mosso all'indietro manualmente una volta che il maul è stato formato. Un giocatore non è autorizzato a muoversi verso il fondo del maul quando ha il possesso del pallone e saltatore e alzatori devono restare sempre in contatto fino a che il pallone non ha raggiunto la parte posteriore del maul.

La conoscenza del regolamento è quindi essenziale per garantire la continuità e lo sviluppo del gioco e riguarda sia gli arbitri, in primis, sia tutte le altre figure che praticano questo sport: giocatori, allenatori, dirigenti e anche semplici appassionati.

L’aggiornamento del testo originale, prodotto dalla World Rugby, è stato realizzato dal Gruppo Tecnico Arbitrale della Commissione Nazionale Arbitri della FIR.

a cura della C.N.Ar.

 

 


Pagina 6 di 122

facebook bar2 Facebook Twitter Google plus YouTube Sound Cloud Rss Feed Dailymotion

kennet-street-logo-def

ticketing2017

fir-store2016

Banner Sito Federugby

Commissione Nazionale Arbitri

cnar@federugby.it
Federazione Italiana Rugby
Stadio Olimpico - Foro Italico - 00135 - Roma
Tel. +39.06452131.38
Fax +39.06.452131.85

irb_law

 

Regolamento di Gioco 2016

Copertina-Regolamento-di-Gioco-2016


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito