Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO FEDERALE FIR

FIR COMstampa
 
Rugby CS, condividi su: Facebook LinkedIn Twitter Google+

Federugby.it

#Faccedarugby

Facebook FIR

Twitter FIR

 Scritto da Andrea Cimbrico - Media Manager  Ufficio Stampa FIR

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO FEDERALE FIR

Bologna – Si è svolta ieri presso l’Hotel Airport di Bologna la quarta riunione del Consiglio Federale della FIR presieduto da Alfredo Gavazzi.

Di seguito i principali temi trattati dall’organo di governo del rugby italiano:

Sedi Cariparma Test Match 2014

Il Consiglio ha confermato le sedi di Genova e Padova per i Cariparma Test Match del 15 e 22 novembre contro Argentina e Sudafrica e conferito mandato al Presidente federale di definire la sede di Italia v Samoa dell’8 novembre, per la quale hanno manifestato interesse le Città di Ascoli, Palermo e Pescara.


Diritti TV Cariparma Test Match 2014

Il Consiglio ha conferito mandato al Presidente di gestire le trattative per la cessione dei diritti televisivi dei Cariparma Test Match 2014.


Sedi Test-Match e Torneo 6 Nazioni Squadra Nazionale Femminile

Il Consiglio ha deliberato le seguenti sedi di gara per gli incontri della Nazionale Femminile:

Italia v Scozia, novembre 2014, test-match: Avezzano

Italia v Francia, 16 marzo, IV giornata 6 Nazioni: Badia

Italia v Galles, 22 marzo 2015, V giornata 6 Nazioni: Padova Plebiscito (organizzazione Valsugana Rugby)

Resta da definire la sede di Italia v Irlanda dell’8 febbraio, turno inaugurale del 6 Nazioni Femminile, per la quale hanno manifestato interesse le Società Firenze 1931, Romagna RFC ed Amatori Torre del Greco.


Affari amministrativi

Il Consiglio Federale ha approvato all’unanimità la prima variazione al bilancio preventivo 2014.


Informativa tesserati

Il Segretario Federale ha informato il Consiglio del superamento dei 104.000 tesserati.


Modifiche regolamento organico

Sono state approvate all’unanimità le modifiche agli articoli 38 e 46 del Regolamento Organico regolamento organico art. 38 e 46 in tema di cessazione del vincolo sportivo volontario e di indennità di formazione. Il nuovo Regolamento Organico sarà pubblicato su Federugby.it


Lega Italiana Touch Rugby

Il Consiglio Federale ha deliberato la presa d’atto dell’associazione Lega Italiana Touch Rugby ASD, con sede amministrativa in Via Cal di Sopra 1 in Conegliano (Treviso) quale associazione rivolta all’attività del rugby in modalità “touch” sotto l’egida federale. Zeno Zanandrea sarà il referente federale presso la Lega.


Vincolo post-Accademia e Regime Giocatori Emergenti d'interesse nazionale

Il Consiglio ha deliberato di aumentare da due a tre anni il vincolo nei confronti della Federazione Italiana Rugby per i giocatori che hanno frequentato le Accademie Zonali U18.

La durata del vincolo rimane invariata a due anni per gli atleti dell’Accademia Nazionale U19 “Ivan Francescato” di Parma. Di concerto con le modifiche al Regolamento Organico, è stato abrogato il comma 3 dell'art. 6 del Regime Giocatori Emergenti d'interesse nazionale.


Commissione Tesseramenti

Il Consiglio ha nominato il vice-Presidente vicario Nino Saccà, il vice-Presidente Luisi ed il Segretario Federale Perruzza membri della Commissione Tesseramenti.


Nomina del Delegato Regionale del Molise

Il Consiglio ha deliberato la nomina del sig. Carmine Di Iorio a Delegato Regionale del Molise a seguito della conclusione del mandato di Gennaro De Falco.


Campionato Italiano d’Eccellenza 2014/2015 (Campione in carica: Cammi Calvisano)

Il Consiglio Federale ha deliberato composizione e formula del Campionato Italiano d’Eccellenza 2014/2015.

Parteciperanno al massimo campionato le seguenti squadre:

Cammi Calvisano (Campione d’Italia)

Vea-FemiCZ Rovigo

Marchiol Mogliano

Rugby Viadana

Petrarca Padova

Estra I Cavalieri Prato

M-Three San Donà

Fiamme Oro Roma

IMA Lazio

L’Aquila Rugby 1936 (neopromossa)

Il Campionato Italiano d’Eccellenza 2014/2015 prenderà il via il 4 ottobre, con formula di girone unico all’italiana con partite di andata e ritorno tra le dieci squadre partecipanti.

La stagione regolare si concluderà nel fine settimana del 9 maggio e qualificherà alle semifinali, al via la settimana seguente, le prime quattro classificate che si affronteranno in gare di andata (16/17 maggio) e ritorno (23/24 maggio) secondo il seguente schema:

4° classificata v 1° classificata

3° classificata v 2° classificata

Le vincenti del doppio turno di semifinale si affronteranno in gara unica, sabato 30 maggio, nella Finale che assegnerà il titolo di Campione d’Italia 2014/2015. Il Consiglio, sentito il parere delle Società di Eccellenza, ha deliberato di mantenere invariata la formula della Finale che si disputerà in gara unica in casa della finalista meglio classificata al termine della stagione regolare. 

Retrocederà in Serie A 2015/2016 la formazione classificatasi all’ultimo posto della stagione regolare.


Trofeo Eccellenza 2014/2015 (detentore: Fiamme Oro Roma)

Il Consiglio Federale ha deliberato composizione e formula del Trofeo Eccellenza 2014/2015, riservato alle squadre che non hanno acquisito il diritto a partecipare alle Coppe Europee.

Invariata la formula, con due gironi all’italiana da tre squadre ciascuno e partite di andata e ritorno tra le componenti delle due Pool.

Le squadre che, conclusa la fase a gironi, saranno classificate al primo posto si affronteranno nella Finale del Trofeo, in calendario in gara unica in campo neutro il 4 aprile.

Questa la composizione dei Gironi:

Girone 1: Petrarca Padova, Estra I Cavalieri Prato, M-Three San Donà

Girone 2: L’Aquila Rugby 1936, IMA Lazio, Fiamme Oro Roma


Campionato Italiano di Serie A 2014/2015 (Campione in carica: L’Aquila Rugby)

Il Consiglio Federale ha deliberato composizione e formula del Campionato Italiano di Serie A 2014/2015, al via il 5 ottobre 2014 e valido per l’assegnazione del titolo di Campione d’Italia di Serie A e per la promozione nel Campionato Italiano d’Eccellenza 2015/2016.

Confermate le ventiquattro squadre al via ma nuova formula per il campionato cadetto che si articolerà su due fasi.

La nuova composizione prevede la suddivisione delle ventiquattro squadre partecipanti in quattro Gironi da sei squadre ciascuno, su base territoriale, con formula all’italiana con partite di andata e ritorno tra le componenti di ciascuno dei gironi sottostanti:

Girone 1: Cus Genova, Pro Recco, Rugby Lyons, Piacenza Rugby, Rugby Reggio, Cus Torino

Girone 2: Rugby Brescia, Patarò Lumezzane, Rugby Colorno, ASR Milano, RC Valpolicella, Franklin&Marshall Cus Verona

Girone 3: Rugby Udine, Valsugana Padova, Rubano Rugby, Ruggers Tarvisium, Rangers Vicenza, Zhermack Badia

Girone 4: Gran Sasso Rugby, Accademia FIR, UR Capitolina, Firenze 1931, UR PratoSesto, Cus Perugia

Al termine della prima fase, le prime tre classificate di ciascun girone parteciperanno a due ulteriori gironi (Pool Promozione) da sei squadre ciascuno, con gare di andata e ritorno e qualificazione alla semifinali per la prima e la seconda classificata di ciascun girone secondo il seguente schema:

Pool Promozione 1: 1°, 2° e 3° classificata dei Gironi 1 e 4 della prima fase

Pool Promozione 2: 1°, 2° e 3° classificata dei Gironi 2 e 3 della prima fase

Le semifinali avranno luogo, con gare di andata e ritorno (10/17 maggio), secondo il seguente schema:

1° classificata Pool Promozione 1 v 2° classificata Pool Promozione 2

1° classificata Pool Promozione 2 v 2° classificata Pool Promozione 1

Le vincenti del doppio turno di semifinale si affronteranno, in gara unica in campo neutro, nella Finale-promozione del 24 maggio che conferirà alla vincente il titolo di Campione d’Italia di Serie A ed il diritto a partecipare al Campionato Italiano d’Eccellenza 2015/2016.

Le peggiori tre classificate di ciascun girone parteciperanno a due ulteriori gironi (Pool Salvezza) da sei squadre ciascuno, con gare di andata e ritorno, secondo il seguente schema:

Pool Retrocessione 1: 4°, 5° e 6° classificata dei Gironi 1 e 4 della prima fase

Pool Retrocessione 2: 4°, 5° e 6° classificata dei Gironi 2 e 3 della prima fase

Retrocederanno direttamente in Serie B le ultime due classificate di ciascun girone.


Campionato Italiano di Serie B 2014/2015

Il Consiglio Federale ha deliberato composizione e formula del Campionato Italiano di Serie B 2014/2015, al via il 5 ottobre 2014 con quarantotto squadre divise in quattro gironi geografici da dodici squadre ciascuno.

La formula della Serie B 2014/2015 è la seguente:

- Girone 1 e 3 a dodici squadre con partite di andata e ritorno. Si qualificano ai play-off promozione del 17 e 24 maggio le prime due classificate di ciascun Girone. Retrocedono in Serie C le squadre classificate al 12° ed 11° posto di ogni Girone.

- Girone 2 e 4 a dodici squadre, ognuno suddiviso in due Pool territoriali da sei squadre ciascuno. Prima fase territoriale con partite di andata e ritorno. Al termine della prima fase, le prime tre classificate di ciascun girone parteciperanno a due ulteriori gironi (Pool Promozione) da sei squadre ciascuno, con gare di andata e ritorno, mentre le squadre classificate dal quarto al sesto posto accedono alle Pool Retrocessione.

Le prime due classificate delle rispettive Pool Promozione si qualificano ai play-off promozione, retrocedono in Serie C le squadre classificate al 5° e 6° posto delle due Pool Retrocessione. 

I play-off per la promozione in Serie A, in calendario il 17 e 24 maggio con gare di andata e ritorno, si disputeranno secondo il seguente schema:

2° classificata Girone 1 v 1° classificata Girone 3

2° classificata Girone 3 v 1° classificata Girone 1

2° classificata Pool Promozione Girone 4 v 1° classificata Pool Promozione Girone 2

2° classificata Pool Promozione Girone 2 v 1° classificata Pool Promozione Girone 4

La composizione dei Gironi per la Serie B 2014/2015 è la seguente:

Girone 1: Rugby Parma, Amatori Parma, Rugby Bergamo, Gussago Rugby, Rugby Lecco, Rugby Parabiago, Rugby Grande Milano, Riugby Sondrio, Biella RC, VII Rugby Torino, Amatori Capoterra, Amatori Alghero

Girone 2, Pool 1: Rugby Noceto, Reno Bologna, Romagna RFC, Modena Rugby, Pesaro Rugby, Vasari Arezzo
Girone 2, Pool 2: UR Tirreno, Livorno Rugby, RC Emergenti Cecina, Paganica Rugby, Civitavecchia Centumcellae, UR Viterbo

Girone 3: Cus Brescia, Bassa Bresciana Leno, Cus Ferrara, Caimani Rugby, Cus Padova, Rugby Casale, Rugby Paese, Villorba Rugby, Rugby Silea, Rugby Mirano, Lyons VeneziaMestre, Rugby Villadose

Girone 4, Pool 1: Cus Roma, Primavera Rugby, UR Capitolina, Città di Frascati, Colleferro Rugby, Partenope Rugby

Girone 2, Pool 2: Rugby Benevento, Svicat Rugby Lecce, Amatori Catania, Rugby Reggio Calabria, Amatori Messina, Ragusa Padua


Campionato Italiano di Serie C – Girone 1

Il Consiglio ha deliberato la formula del Girone 1 del Campionato Italiano di Serie C 2014/2015 al via nel week-end del 4/5 ottobre e che determinerà 8 promozioni nella Serie B 2015/2016 e 13 passaggi nel Girone 2 della Serie C 2015/2016.

La struttura del Campionato di Serie C Girone 1 prevede:

a)    sei Gironi a dodici squadre (A-B-C-D-E-G) ognuno suddiviso in due Pool Territoriali da sei squadre, con sviluppo in due fasi. Ogni singolo Girone promuove una squadra in Serie B, mentre due squadre per ogni singolo Girone passano al Girone 2 della Serie C. 

b)   Un Girone (F) a sedici squadre organizzato in due Pool Territoriali (6 nella Pool della Sardegna, 10 nella Pool Umbro-Toscana). Una promozione in Serie B, un passaggio in Serie C Girone 2 per l’ultima classificata della Pool Umbro-Toscana) 

c)    Un Girone (H) a diciotto squadre suddiviso in tre Pool territoriali (6 squadre nella Pool campana, 6 nella Pool pugliese, 6 nella Pool siciliana). Una promozione in Serie B, mentre i passaggi al Girone 2 della Serie C saranno attribuiti ad ogni singolo Comitato Regionale in funzione del numero di squadre partecipanti.

Di seguito la composizione dei Gironi e le formule in dettaglio:

Girone A

Pool 1: Pordenone Rugby, Lussetti Venjulia, Leonorso Udine, Rugby Piave, Grifoni Oderzo, Rugby Lemene

Pool 2: Rugby Belluno, Rugby Feltre, Rugby Alpago, Rugby Conegliano, Lido Venezia, Riviera 2010

Formula: prima fase con partite di andata e ritorno tra le componenti di ciascuna Pool

Le prime tre classificate di ciascuna Pool si qualificano ad una Pool Promozione con partite di andata e ritorno la cui vincente sarà promossa in Serie B 2015/2016.

Le squadre classificate dal quarto al sesto posto di Pool 1 e Pool 2 accederanno ad una Pool Passaggio con partite di andata e ritorno. Quinta e sesta classificata della Pool Passaggio parteciperanno nel 2015/2016 alla Serie C Girone 2.

Girone B

Pool 1: Lupi di Canolo, Rugby Mantova, Petrarca Padova, Monsters Rugby, Rugby Monselice, Rugby Bassano

Pool 2: Botticino Rugby, Borgo Poncarale, Rugby Rovato, Ospitaletto Rugby, Sudtirolo Rugby, Rugby Trento

Formula: vedi Girone A

Girone C

Pool 1: Valle Camonica, Crema Rugby, Grande Brianza, Iride Cologno, Cus Milano, Amatori Milano Junio 2013

Pool 2: Rugby Lainate, Rugby Rho, Rugby Cernusco, Rugby Union, Cus Pavia, Rugby Varese

Formula: vedi Girone A

Girone D

Pool 1: Cuneo Pedona Rugby, Amatori Novara, Cus Torino, Ivrea RC, Rugby San Mauro, Rivoli Rugby

Pool 2: Cogoleto Rugby, RC Spezia, Savona Rugby, Rugby Alessandria, Acqui Terme, Asti Rugby

Formula: vedi Girone A

Girone E

Pool 1: Rugby Bologna 1928, Imola Rugby, Cesena 1970, Rugby Forlì, Highlanders Formigine, Faenza Rugby

Pool 2: Falconara Dinamis, Rugby Jesi 1970, Amatori Ascoli, San Benedetto, Amatori Macerata, Fano Rugby

Formula: vedi Girone A

Girone G

Pool 1: Holding Latina, Arvalia Villa Pamphili, Rugby Segni, Rugby Roma 2000, Rugby Anzio, Amatori Civita Castellana

Pool 2: Avezzano Rugby, Cus L’Aquila, Abruzzo Rugby, Rugby Tortoreto, Arieti Rieti, Rugby Roma Club

Formula: vedi Girone A

Girone F

Pool 1 (Toscana/Umbria): Firenze 1931, Elba Rugby, Lions Amaranto, UR Tirreno, Etruschi Livorno, Florentia Rugby, Cus Siena, Città di Castello, Rugby Gubbio, Terni Rugby

Pool 2 (Sardegna): 7 Fradis Rugby, UR Cagliari, Olbia Rugby, Amatori Alghero, Rugby Sassari, Bulldog Sassari

Formula: gare di andata e ritorno tra le dieci componenti della Pool 1; gare di andata e ritorno tra le sei componenti della Pool 2, con semifinali  di andata e ritorno secondo il seguente schema:

4° classifica Pool 2 v 1° classificata Pool 2

3° classificata Pool 2 v 2° classificata Pool 2

Le vincenti delle semifinali si affronteranno in una finale che qualificherà la vincente allo spareggio-promozione contro la prima classificata della Pool 1.

La squadra ultima classificata della Pool 1 parteciperà invece, nella stagione 2015/2016, alla Serie C Girone 2.

Girone H

Pool 1: IV Circolo Benevento, RC Santa Maria Capua Vetere, Amatori Torre del Greco, Alcott Amatori Napoli, Rugby Afragola, Rugby Salerno

Pool 2: Amatori Monopoli, Draghi Bat, Tigri Bari, Cus Foggia, Salento XV Trepuzzi, Amatori Taranto

Pool 3: Nissa Rugby, Cus Catania, Aquile del Tirreno, Messina RC, Amatori Palermo, Rugby I Briganti

Formula: gare di andate e ritorno tra le componenti delle singole Pool.

Le prime due classificate di ogni Pool si qualificano ad una Pool Promozione, la cui prima classificata sarà promossa in Serie B.

Le squadre non qualificate alla Pool Promozione disputeranno una seconda fase con le squadre della Serie C Girone 2 delle rispettive Regioni. La classifica finale determinerà le squadre che parteciperanno alla Serie C Girone 1 2015/2016. 


Campionato di Serie C – Girone 2

Parteciperanno al Campionato di Serie C Girone 2 tutte le squadre iscritte che non hanno acquisito il diritto a partecipare al Girone 1. La gestione sarà competenza dei rispettivi Comitati Regionali.


Progetto Rugby di Base

Il Consiglio Federale ha confermato il montepremi di 980.000€ (novecentottantamila euro) per il Progetto Sviluppo Rugby di Base a cui, da questa stagione, potranno accedere anche le Società che promuovano l’attività del rugby a sette.  


Commissione Nazionale Arbitri – Comitato di designazione arbitrale

Il Consiglio ha deliberato l’istituzione, dalla Stagione 2014/2015, di un Comitato di designazione arbitrale presieduto dal Presidente del CNAr Maurizio Vancini e composto dai membri Borgato, De Falco e Orlandi. 


Staff tecnico Nazionale Femminile

Il Consiglio ha deliberato la nomina del sig. Tito Cicciò a nuovo assistente allenatore della Nazionale Italiana Femminile per la Stagione Sportiva 2014/2015. Confermati il CT Andrea Di Giandomenico, la Team Manager Giuliana Campanella e la preparatrice atletica Elena Chiarella.


Quadri tecnici Nazionali ed Accademie

Il Consiglio ha deliberato la composizione degli staff tecnici delle Squadre Nazionali e delle Accademie per la Stagione Sportiva 2014/2015.

Nazionale Emergenti

Orlandi (Responsabile), Allenatori di Benetton Treviso e Zebre Rugby, Duodo A. (Manager), Vernieri (preparatore), Sisti (Video Analyst)

Nazionale 7s maschile

Andy Vilk (Responsabile), Gaetaniello F. (assistente), Arancio (Manager), Di Maio (preparatore)

Nazionale U20

Troncon (Responsabile), Roselli e Prestera (assistenti), Appiani C. (Manager), Vigna (preparatore), Gaetaniello N. (video-analyst)

Nazionale U18

Brunello (responsabile), Zaffiri (Manager), Biondi (preparatore), Pistore (Video Analyst)

Nazionale U17

Grassi (Responsabile), Dolcetto (assistente), Gaudiello (Manager), Della Ceca (preparatore), Lombardo (Video Analyst)

Accademia Nazionale “Ivan Francescato” di Parma

De Marigny (Responsabile), Prestera (assistente), Cavatorti (Manager), Zaghini (preparatore), Gaetaniello N. (Video-Analyst)

Accademia U18 di Mogliano

Sgorlon (Responsabile), Mazzariol (assistente), Ambrosini (Manager), Vigna (preparatore), Pistore (Video Analyst)

Accademia U18 di Rovigo

Brunello (Responsabile), Tellarini (assistente), Bortolato (Manager), Nalin (preparatore), Chiarion (Video Analyst)

Accademia U18 di Milano

Porrino (Responsabile), Grangetto (assistente), Fulgoni (Manager), Rosario (preparatore), Mizzon (Video Analyst)

Accademia U18 di Torino

Mazzantini (Responsabile), Eschoyez (assistente), Lentini (preparatore), Ungureanu (Video Analyst)

Accademia U18 di Remedello (BS)

Dolcetto (Responsabile), Ravazzolo (assistente), Biondi (preparatore)

Accademia U18 di Prato

Grassi (Responsabile), Nava (assistente), Isozio (Manager), Otano (preparatore), Lo Valvo (Video Analyst)

Accademia U18 di Roma

Roselli (Responsabile), Marrucci e Castagna (assistenti), Pighetti (Manager), Vernieri (preparatore), Lombardo (Video Analyst)

Accademia U18 di Benevento

(Responsabile), Fragnito (assistente), Zullo (Manager), Della Ceca (preparatore), Liguori (Video Analyst)

Accademia U18 di Catania

Cicciò (Responsabile), Costantino (assistente), Pezzano (Manager), Cafaro (preparatore), Failla (Video Analyst)


Nomina del Consiglio di Amministrazione di Zebre Rugby

La FIR ha definito la composizione del Consiglio di Amministrazione di Zebre Rugby:

Presidente: Pier Luigi Bernabò

Vice-Presidenti: Giorgio Bergonzi (Rugby Reggio), Artemio Carra (CUS Brescia)

Membri: Angelo Baroncelli (Noceto), Bernardo Borri (Rugby Parma), Giovanni Panzeri (Lyons Piacenza), Gianni De Vincenzo (Amatori Parma), Cosetta Falavigna (Colorno Rugby), Enrico Freddi (Modena), Daniele Margarita (Piacenza Rugby), Francesco Paolini (Bologna Rugby), Daniele Reverberi (Noceto), Gabriele Ruffolo (Noceto), Ennio Speranza (CUS Torino), Marcello Tedeschi (Conad)

Revisore dei Conti: Gianni Micheli

Stefano Cantoni è stato nominato delegato di FIR, socio unico di Zebre Rugby, all’interno del CDA della Franchigia. 

F.I.R. - FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY - www.federugby.it

Andrea Cimbrico
Media Manager

Federazione Italiana Rugby
Stadio Olimpico - Curva Nord
Foro Italico 00194-Roma

 Tel. +39.06.45.21.31.14
Fax +39.06.45.21.31.87
Mob. +39.320.78.77.687
@ acimbrico@federugby.it
Skype: andreacimbrico
Web: www.federugby.it
Facebook FIR: facebook.com/Federugby
Twitter FIR:
@Federugby
Facebook: facebook.com/acimbrico
  base nl
Cancellati | Modifica la tua Iscrizione
Fai click qui per visualizzare online