LA FRANCIA VINCE A ROMA CONTRO L’ITALIA 25-14 NEL QUINTO TURNO DEL GUINNESS 6 NAZIONI 2019 PDF Stampa E-mail
Slide
Sabato 16 Marzo 2019 15:31

 

italiafranciaguinness1Roma- Nel quinto turno del Guinness 6 Nazioni 2019 la Francia batte l’Italia 25-14 allo stadio Olimpico di Roma.

Parte subito bene l’Italrugby nella prima frazione, andando in vantaggio con due calci piazzati realizzati da Tommaso Allan al 6’ e all’11. Cinque minuti più tardi la Francia risponde con una meta al largo di Antoine Dupont e successivamente con un calcio piazzato trasformato da Romain Ntamack. Nonostante numerosi attacchi degli Azzurri a ridosso della linea di meta ospite il primo tempo si chiude con il punteggio di 10-6 in favore della Francia. Nella seconda frazione l’Italia accorcia subito le distanze al 43’ nuovamente con il piede di Tommaso Allan dalla piazzola, ma al 47’ la meta francese dell’ala Yoann Huget riporta gli ospiti sopra break. La reazione dell’Italrugby arriva prontamente al 54’, con la prima meta  dell’incontro azzurra realizzata dal mediano di mischia Tito Tebaldi su una ripartenza vicino ad una ruck, non trasformata però questa volta da Tommaso Allan. Dieci minuti dopo la Francia muove ancora il punteggio con il drop di Romain Ntamack che porta la Francia sul 14-20. Italrugby che anche nel secondo tempo attacca ripetutamente nei 22 francesi andando più volte vicina alla marcatura che avrebbe consentito il sorpasso, senza riuscire però a segnare. La meta finale in contrattacco dell’ala francese Damian Penaud consegna definitivamente la partita in mano dei francesi sul 25-14 conclusivo.

 

 

Roma, Stadio Olimpico – sabato 16 marzo, ore 13.30

Guinness 6 Nazioni, V giornata 

Italia v Francia 14-25 (6-10)

Marcatori: p.t. 6’ cp Allan (3-0), 11’ cp Allan (6-0), 16’ m. Dupont tr Ntamack (6-7), 20’ cp Ntamack (6-10); s.t. 43’cp Allan (9-10), 46 m. Huget tr Ntamack (9-17), 54’ m. Tebaldi (14-17), 63’ drop Ntamack (14-20), 78’ m. Penaud (14-25)

Italia: Hayward; Padovani, Zanon, Morisi, Esposito (68’ Sperandio); Allan, Tebaldi; Parisse (c), Polledri, Steyn (63’ Negri); Ruzza, Sisi (59’ Zanni); Pasquali (45’ Ferrari), Ghiraldini (57’ Bigi), Lovotti (68’ Traore’)

All. O’Shea

Francia: Medard; Penaud, Bastareaud, Doumayrou, Huget (69’ Ramos); Ntamack, Dupont (56’ Serin); Picamoles, Camara (75’ Aldegheri), Alldritt (57’ Iturria); Willemse (60’ Gabrillagues), Lambey; Bamba, Guirado (cap) (18’ Chat), Falgoux (65’ Priso)

All. Brunel

Arb. Carley (Inghilterra)

Assistenti: Owens (Galles), Brace (Irlanda)

TMO: Hughes (Inghilterra)

Calciatori: Tommaso Allan (Italia) 3/5, Romain Ntamack (Francia) 3/4

Cartellini: al 72’ cartellino giallo a Camille Chat (Francia)

Note: Spettatori presenti 48820.

Punti conquistati in classifica: Italia 0 – Francia 4

Man of The Match: Sergio Parisse (Italia)

 

 

LA CRONACA DEL MATCH

Il calcio d’inizio del mediano d’apertura francese Romain Ntamack apre il match tra Italia e Francia valido per il quinto ed ultimo turno del Guinness 6 Nazioni 2019.

Dopo 6 minuti di gioco sono gli Azzurri a muovere per primi il punteggio centrando i pali da calcio piazzato con Tommaso Allan dal centro dei 22.

All’11 è ancora Tommaso Allan a portare avanti l’Italrugby dalla piazzola, trasformando in punti un calcio di punizione concesso dal direttore di gara Matthew Carley a favore degli Azzurri.

Al 16’ la Francia marca la prima meta dell’incontro con il mediano di mischia Antoine Dupont servito all’interno dall’ala Yoann Huget. Il mediano d’apertura ospite Romain Ntamack non sbaglia nella trasformazione centrale, portando la Francia sul 7-6.

Tre minuti più tardi la Francia muove ancora il punteggio, questa volta trasformando un calcio piazzato di 30 metri con Romain Ntamack. Alla fine del primo quarto i francesi conducono a Roma per 10-6 contro gli Azzurri.

L’Italrugby si ripropone nella metà campo ospite e va vicinissima alla meta al 24’: su un assist kick di Tommaso Allan l’ovale si ferma però sulla base del palo, con l’arbitro che torna sul vantaggio precedente per gli Azzurri.

Dopo ripetuti attacchi a ridosso della linea di meta della Francia l’Italia non riesce a concretizzare. Mischia sui 5 metri a favore della squadra guidata da Jacques Brunel.

Nonostante numerosi attacchi degli Azzurri a ridosso della linea di meta ospite il primo tempo si chiude con il punteggio di 10-6 in favore della Francia.

La seconda frazione si apre con il piede di Tommaso Allan che porta ancora avanti gli Azzurri dopo 3’ di gioco dalla piazzola. Gli Azzurri accorciano così le distanze sul 9-10.

La Francia si riporta avanti andando sopra break al 47’ con l’ala Yoann Huget che schiaccia l’ovale in meta concretizzando un’apertura al largo su superiorità dei trequarti francesi. Romain Ntamack non sbaglia nella trasformazione, portando la Francia sul 17-9.

L’Italia non riesce ad accorciare le distanze al 50’ con Tommaso Allan, che non riesce nella trasformazione di un calcio piazzato concesso dal direttore di gara Matthew Carley.

La reazione dell’Italrugby arriva prontamente al 54’ con la marcatura pesante realizzata da Tito Tebaldi su una ripartenza vicino ad una ruck a ridosso della linea di meta. A Tommaso Allan non riesce la trasformazione della segnatura dalla piazzola: al 55’ gli Azzurri si riportano a meno tre lunghezze nel punteggio dai francesi.

Al 63’ gli ospiti allungano nello score concretizzando un’offensiva nei 22 italiani con il drop del mediano d’apertura Romain Ntamack.

Italia ancora vicina alla marcatura al 66’ con Tito Tebaldi, ma sulla chiamata del TMO la meta non viene assegnata per l’ovale perso in avanti dal mediano di mischia azzurro.

Al 72’ il direttore di gara punisce il pilone Camille Chat con un cartellino giallo per ripetuti falli francesi, consentendo così agli Azzurri di chiudere la gara in superiorità numerica.

Italia ripetutamente in attacco e vicina più volte alla meta nei 22 francesi, ma ancora una volta la chiamata del TMO annulla una meta azzurra per un pallone perso in avanti.

La meta finale in contrattacco dell’ala francese Damian Penaud consegna definitivamente la partita in mano dei francesi sul 25-14 conclusivo.

Eletto Guinness Man of the match il numero 8 e capitano degli Azzurri Sergio Parisse.

 

 

 

 

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube

  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR

ticketing2018

banner sitofederugby

 

banner-community-2019

seguici su Spotify


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito