GALLES v ITALIA, LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA DI SMITH E BIGI PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 05 Dicembre 2020 21:12

smithlanelli
Llanelli (Galles) -
“C’è un progetto in cui crediamo fortemente e nel quale siamo tutti impegnati. Stiamo sviluppando il gruppo e la leadership, la nostra mediana di oggi aveva iniziato il 2020 giocando con l’Italia U20 e in queste settimane è approdata al rugby internazionale. Siamo cresciuti nel corso dell’anno, tutti quanti, e credo che oggi si siano visti una buona difesa e una meta ben costruita. Ci aspetta un mese importante con le nostre franchigie adesso tra PRO14 e Challenge Cup prima di ritrovarci per preparare insieme il Sei Nazioni”.

Luca Bigi analizza le ultime settimane di raduno dell’Italrugby, caratterizzate dai recuperi del Guinness Sei Nazioni e dall’Autumn Nations Cup. 

“Dobbiamo controllare maggiormente la nostra prestazione, specialmente quanto abbiamo il controllo del gioco, ed essere più efficaci nel secondo tempo. Purtroppo sia contro la Scozia che contro il Galles sotto questo punto di vista non lo siamo stati”. 

“In queste settimane abbiamo dimostrato di aver aumentato il numero di giocatori in grado di giocare per l’Italia a questo livello” ha dichiarato il capo allenatore Franco Smith “e torniamo a casa con una maggiore consapevolezza collettiva di cosa sia necessario per competere a questo livello. Tutti i giovani che hanno esordito in questa Autumn Nations Cup o nei recuperi del Sei Nazioni hanno mostrato di avere ciò che è necessario per giocare a questo livello. Trulla questa sera debuttava da estremo ed ha giocato da atleta esperto, Zilocchi e Fischetti hanno confermato di essere piloni di caratura internazionale e questa sera era giusto tenerli in campo il più a lungo possibile. Non ho rimpianti per come abbiamo gestito i cambi”.

“Da febbraio ad oggi abbiamo avuto una grande crescita fisica - ha detto Smith - e aumentato la conoscenza e la consapevolezza del gioco e del lavoro necessario per competere nei test. Mancano ancora molti dettagli da affinare, ma insieme ai tecnici delle franchigie, lavorando con Crowley e Bradley, muoveremo ulteriori passi avanti. Ci aspetta molto lavoro in vista del 2021, tutti sanno che nelle settimane a venire ci sarà da impegnarsi duramente per ricominciare da dove abbiamo concluso in vista del Torneo”.

“E’ frustrante chiudere la mia prima stagione alla guida dell’Italia senza vittorie - ha concluso Smith - ma sapevo che mi aspettava una grande sfida sulla panchina dell’Italia. Le sconfitte pesano, ma il nostro lavoro è far crescere il rugby italiano e tradurre in risultati la nuova energia che questo gruppo sta costruendo col proprio impegno”.

 
 

banner-newsletter-2020


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito