GUINNESS PRO12, LE ZEBRE PERDONO 39-22 CONTRO GLI OSPREYS PDF Stampa E-mail
Campionati
Domenica 06 Dicembre 2015 19:52

Mischia Zebre Ospreys 1516Parma, Stadio Lanfranchi – 6 Dicembre 2015

Guinness PRO12 2015/16, Round 9

Zebre Rugby Vs Ospreys 22-39 (p.t. 12-22)

Marcatori:  5‘ m Van Zyl tr Violi (7-0); 14‘ m Hassler tr Davies (7-7);  30‘ cp Davies (7-10); 36‘ m Walker (7-15); 38‘ m Tipuric (7-22);  40‘ m Violi (12-22); s.t. 5‘ cp Canna (15-22); 8’ cp Davies (15-25); 18‘ m Tipuric tr Davies (15-32); 21‘ m Spratt tr Davies (15-39);  35‘ m Van Zyl tr Padovani (22-39);

Zebre Rugby: Muliaina (8’ s.t. Palazzani), Berryman, Boni, Garcia (3’ s.t. Bisegni), Van Zyl, Canna (18’ s.t. Padovani), Violi; Van Schalkwyk (24’ Derbyshire), Meyer, Sarto J., Biagi (cap), Bernabò (16’ s.t. Bortolami), Chistolini (20 ‘ s.t. Roan), Manici (24’ Fabiani), Lovotti (22’ s.t. De Marchi) All.Guidi 

Ospreys: Evans D, Hassler (18’ s.t. Dirksen), Spratt, Matavesi (29’ s.t. Roberts), Walker, Davies S., Habberfield; King (38’ Jones A.W., 1’ s.t. King), Tipuric (cap), Cracknell, Ardron (21’ st. Thornton), Ashley, Arhip (20’ s.t. Fia), Parry (21’ s.t. Otten), James (16’ s.t. Smith) (Non entrato: Biggar) All.Tandy

Arbitro: John Lacey (Irish Rugby Football Union)

Assistenti: Eliz Rizzo e Luca Trentin (entrambi Federazione italiana rugby)

TMO: Stefano Penné (Federazione Italiana Rugby)

Calciatori: Violi (Zebre Rugby) 1/1, Canna (Zebre Rugby) 1/3, Padovani (Zebre Rugby) 1/1, Davies (Ospreys) 4/6

Man of the match: Tipuric (Ospreys)

Note: Cielo coperto. Temperatura 7° .Terreno in buone condizioni. Spettatori 2308

Commento: Le Zebre sono scese in campo quest’oggi ritrovando il pubblico dello Stadio Lanfranchi di Parma dopo tre successi interni consecutivi. Avversari di oggi i gallesi Ospreys gia affrontati nella gara di andata d’inizio Novembre a Swansea. La gara ha visto l’esordio stagionale dell’azzurro Garcia e l’esordio assoluto di Muliaina, l’ex AllBlacks giunto a Parma nell’ultima estate. Biagi e compagni hanno vestito per la prima volta la nuova seconda maglia nera prodotta da Erreà, fornitore tecnico ufficiale del XV del Nord-Ovest. Rispetto alla formazione annunciata venerdì recupera per i bianconeri il sudafricano Van Schalkwyk mentre al terzo minuto arriva il primo fischio della gara: Zebre in fuorigioco e Davies va per la rimessa nei 22 italiani. I bianconeri difendono bene la maul gallese: Van Schalkwyk intercetta il multifase ospite e serve rapidamente l’ovale all’ala sinistra dove Van Zyl segna la prima meta della sfida. AL 9° due falli in ruck contro le Zebre danno agli Ospreys la possibilità di mettere ancora pressione con la propria rimessa ma lo sforza di Tipuric e compagni si chiude con un velo. Sul terzo assalto al 15° arriva la meta ospite con Hassler che trova il varco al largo destro: Davies trasforma per la parità. Il primo ingaggio sorride alle Zebre che ricevono il fallo a favore sul centro campo: il calcio di Canna da 50 metri è però corto. Biagi ruba una rimessa gallese al 22° con Meyer che strappa 40 metri: il vantaggio è portato nei 22 degli Ospreys con Muliaina fermato con un in avanti. La mischia bianconera da un buon possesso multifase concluso dal fischio di Lacey per un tenuto. Il gioco si ferma qualche minuto, ne hanno la peggio le Zebre con Van Schalkwyk e Manici costretti a lasciare il campo per infortunio. La gara riprende con gli Ospreys in attacco costretti ad usare il piede dopo diverse fasi ben difese. L’attaco del XV di Guidi concede un piazzato sul centro campo fischiato in modo discutibile da Lacey. Davies da il primo vantaggio ai gallesi al 30°. Ancora al piede arriva la pressione per la difesa italiana: Muliaina annulla portando dentro l’area di meta l’ovale e così gli Ospreys si ritrovano ad introdurre in mischia chiusa ai 5 metri. L’azione gallese si sposta prima sull’out destro per poi trovare il varco al largo sinistro con Walker abile a sfruttare la superiorità e segnare la seconda meta. Ospreys sugli scudi: arriva la terza meta col capitano Tipuric che sfrutta un calcio di liberazione sul quale è impreciso il triangolo allargato italiano. I padroni di casa reagiscono subito ricevendo un fallo in attacco: capitan Biagi decide di andare in rimessa al 40°. La maul italiana avanza prima che sia Violi a staccarsi dal lato chiuso e segnare la meta che manda la squadre negli spogliatoi sul 12-22.

Ancora la maul bianconera ad inizio ripresa a dare territorio alle Zebre: touche in attacco trovata da Canna dopo il fallo contro la difesa gallese. Canna fallisce il drop dai 22 ma sul vantaggio precedente centra i pali al 45°. Gli Ospreys sono abili a recuperare un pallone viscido e riproporsi in attacco. Sostegno non corretto da parte delle Zebre e così Davies allunga dalla piazzola. Al 52° la mischia del XV del Nord-Ovest costringe al fallo gli Ospreys: la rimessa in attacco fa avanzare le Zebre nei 22 con diversi raccogli e vai prima che il possesso sia perso sul punto d’incontro. Bella l’azione d’attacco gallese che vede Arhip servito da Davies per la meta in mezzo ai pali ma è bravo Palazzani a contrastare il pilone e fargli perdere il possesso a pochi centimetri dalla segnatura. Nuovo attacco pochi istanti dopo e quarta meta gallese trovata da Tipuric, bravo a trovare il varco nella difesa italiana per la sua personale doppietta. All’ora di gioco arriva il primo fallo a favore della mischia ospite prima che Tipuric trovi il break sui 22 che porta Spratt a segnare in mezzo ai pali la quinta meta degli Ospreys. Le Zebre reagiscono con Fabiani bravo a placcare Walker ed alimentare l’azione d’attacco chiusa però col tenuto fischiato a Berryman. Ancora tanta l’aggressività degli ospiti sul punti d’incontro che ridà nuovamente il possesso al XV di Tandy. Le Zebre provano a chiudere con orgoglio in attacco: é Van Zyl a 10 dal termine ad accendere il pubblico di Parma con un’azione personale dopo diversi minuti con le squadre a confrontarsi a viso aperto ad alto ritmo di gioco. Violi gioca veloce un fallo ricevuto sui 22 ma la difesa gallese trova il turn-over. Lo sforzo paga al 75° con Van Zyl che trova la meta alla bandierina sinistra dopo un'altra bella pressione italiana. Il XV di Guidi non molla e preme alla ricerca della quarta meta che frutterebbe un punto in classifica ma è costretto a farlo in 14 per l’uscita per infortunio di Violi ad un minuto dalla fine. C’è tempo per due mischie italiane: sull’ultimo assalto arriva il turn-over che chiude la sfida sul 22-39. Dopo tre successi consecutivi casalinghi sono gli Ospreys a violare il Lanfranchi trovando la loro prima vittoria esterna stagionale.

Le impressioni dell’head coach Gianluca Guidi al termine del match :”Sapevamo di affrontare una grande squadra: oggi l’hanno dimostrato con una prestazione piena di contenuti. I gallesi ci hanno messo in difficoltà giocando sui nostri punti deboli. Abbiamo peccato nel gioco tattico al piede e avuto davvero poco possesso. Abbiamo pagato cari errori ed infortuni con Manici e Violi usciti malconci: dispiace per i due ragazzi. Oggi siamo andati bene in mischia chiusa in una gara dove siamo stati però tanto in difesa. Quando ti ritrovi a difendere tanto tempo gli errori arrivano in modo naturale. La partita di oggi è stata molto importante: ci ha detto in quale direzione dobbiamo lavorare e migliorare se vogliamo competere contro queste squadre: complimenti a loro. Noi dobbiamo limitare gli errori gratuiti e le indecisioni in momenti importanti della gara: con un po’ più di attenzione sarebbe arrivata la quarta meta ed il punto di bonus meritato. E’ stato un momento di verifica importante: la crescita passa soprattutto da pomeriggi come oggi”.

Le parole del capitano George Biagi :”Anche oggi siamo partiti bene ma la gara ci è scappata di mano: abbiamo fatto errori ingenui contro degli Ospreys che hanno qualità da tutte le parti del campo. Ci hanno messo pressione e hanno punti i nostri errori. Abbiamo cercato di risalire andando vicini al bonus mete ma non è arrivato. Ripartiremo dalla basi positive di questa gara per affrontare la difficile trasferta francese: nonostante gli infortuni i ragazzi nuovi che sono entrati in campo oggi hanno dato il loro contributo. Quest’oggi i sentimenti purtroppo sono quelli di frustrazione e rabbia”.

Il commento del neozelandese delle Zebre Mils Muliaina, ex All Blacks all’esordio assoluto con le Zebre Rugby :”Sono dispiaciuto per il risultato: penso che nel primo tempo siamo stati bene in partita cominciato bene la gara contro una squadra molto forte. Abbiamo molto su cui migliorare ma abbiamo dimostrato di essere una buona squadra con molti buoni giocatori.  Riusciremo a ricompattarci per giocare una trasferta difficile come quella de La Rochelle venerdì. Avevo voglia di tornare in campo e ritrovare queste sensazioni: il mio corpo ha risposto bene ma sono dispiaciuto per la sconfitta. Mi trovo bene a Parma e sono contento di avere giocato davanti ad un buon pubblico. Lo staff delle Zebre è stato davvero fantastico con me e sto cercando d’imparare l’italiano per migliorare la mia integrazione: spero di giocare tante tante partite qui in Italia”.

Le Zebre si ritroveranno martedì 8 Dicembre alla Cittadella del Rugby di Parma per preparare il terzo turno della coppa europea EPCR Challenge Cup che vedrà il XV del Nord-Ovest in trasferta a La Rochelle in Francia contro l’Atlantique Stade Rochelais il prossimo venerdì 11 Dicembre. 

 

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube

ticketing2018

banner live TOP12 neg

Banner Sito Federugby

 


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito