Italia


GUINNESS 6 NAZIONI 2019, GLI ARBITRI DEL TORNEO PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Venerdì 07 Dicembre 2018 16:27

fotosportit 56007 prRoma – World Rugby, la federazione internazionale, ha annunciato oggi le designazioni arbitrali per il Guinness 6 Nazioni 2019, al via il prossimo 2 febbraio con gli Azzurri impegnati a Murrayfield contro la Scozia, match affidato all’inglese Pearce.

CLICCA QUI PER I BIGLIETTI DEL GUINNESS 6 NAZIONI 2019

CLICCA QUI PER LE DESIGNAZIONI ARBITRALI COMPLETE DEL TORNEO

In seguito l’Italia ospiterà il Galles in casa il 9 febbraio all’Olimpico con la direzione del francese Raynal, l’Irlanda il 24 sempre a Roma con la gara affidata al neozelandese Jackson e, negli ultimi due turni, sarà arbitrata dall’australiano Berry a Twickenham contro l’Inghilterra il 9 marzo mentre il 16 marzo a Roma, per la centesima gara della Nazionale nel Torneo, valida per il Trofeo “Garibaldi”, sarà l’inglese Carley a dirigere il test contro la Francia.

Queste le designazioni in dettaglio:

Edinburgo, sabato 2 febbraio
Scozia v Italia
arb. Pearce (Inghilterra)
g.d.l. Raynal (Francia), Kubo (Giappone)
TMO: McDowell (Irlanda)

Roma, sabato 9 febbraio
Italia v Galles
arb. Raynal (Francia)
g.d.l. Barnes (Inghilterra), Kubo (Giappone)
TMO: Grashoff (Inghilterra)

Roma, domenica 24 febbraio
Italia v Irlanda
arb. Jackson (Nuova Zelanda)
g.d.l. Barnes (Inghilterra), Dickson (Inghilterra)
TMO: Hughes (Inghilterra)

Twickenham, sabato 9 marzo
Inghilterra v Italia
arb. Berry (Australia)
g.d.l. Williams (Nuova Zelanda), Brace (Irlanda)
TMO: McDowell (Irlanda)

Roma, sabato 16 marzo
Italia v Francia
arb. Carley (Inghilterra)
g.d.l. Owens (Galles), Brace (Irlanda)
TMO: Hughes (Inghilterra)

 
IL PRESIDENTE GAVAZZI CONSEGNA ALLA FAMIGLIA BECCA IL CAP NUMERO 58 PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Venerdì 30 Novembre 2018 13:43

 

becca azzurro58Imola – La famiglia di Angelo Becca, trequarti centro dell’Amatori Milano negli Anni ’30 e ’40, ha ricevuto ieri sera dal Presidente federale Alfredo Gavazzi il cap ufficiale riconosciuto da FIR, a partire dal 2013, a tutti gli atleti internazionali che abbiano indossato la maglia azzurra in un test-match dal 1929 ad oggi.

A ricevere il cap numero 58 dalle mani del Presidente federale le figlie di Angelo Becca, scomparso nel 1996 all’età di 79 anni, Annamaria e Maria, che non era stato possibile rintracciare cinque anni orsono in occasione della cerimonia organizzata presso il Salone d’Onore del CONI e nel corso della quale erano stati consegnati oltre 400 caps agli Azzurri di ogni epoca o ai loro parenti più prossimi.

Becca, unico rugbista imolese ad aver indossato la maglia della Nazionale con 4 caps collezionati tra il 1937 e il 1940 – la consegna del cap è avvenuta all’autodromo “Enzo e Dino Ferrari” di Imola in occasione dei festeggiamenti per i 40 anni dell’Imola Rugby – è stato protagonista di tre scudetti dell’Amatori Milano negli anni precedenti il secondo conflitto mondiale, conquistando le sue quattro presente in azzurro in occasioni di test contro Romania e Germania, entrambe affrontate due volte.

Leggi tutto...
 
O’SHEA “ALL BLACKS SQUADRA DI ALTISSIMO LIVELLO. DOBBIAMO MIGLIORARCI IN OGNI PARTITA” PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 24 Novembre 2018 18:00

 

leoghiraRoma-Il commisario tecnico della nazionale Conor O’Shea ed il capitano dell’Italrugby Leonardo Ghiraldini si sono ritrovati nella sala stampa dello Stadio Olimpico per rispondere alle domande dei giornalisti presenti al termine del match tra Italia e Nuova Zelanda.

 “Ovviamente avevamo altre aspettative prima della partita - ha dichiarato nel corso della conferenza stampa il CT Conor O'Shea -ma sapevamo anche di doverci confrontare contro una squadra di altissimo livello. Abbiamo iniziato a subire la pressione forte sul 17-3, poi i nostri avversari hanno mostrato tutte le loro abilità. Noi vogliamo sempre fare meglio, ma dobbiamo anche essere realistici. Il modo per capire come vogliamo migliorarci è sempre fare meglio in ogni partita, soprattutto contro squadre come la Nuova Zelanda. Sappiamo che è una strada molto molto lunga, che il lavoro è duro. Abbiamo avuto tanta pressione in questi test match, giocando anche bene con Georgia e Australia. Oggi non abbiamo fatto molte belle cose ma anche loro erano rabbiosi e vogliosi di riscattare la sconfitta della scorsa settimana. Dobbiamo avere la responsabilità di volerci migliorare in ogni partita".

“Gli All Blacks oggi hanno dimostrato ancora una volta di essere la squadra più forte del mondo” parole del capitano dell’Italia Leonardo Ghiraldini “Sapevamo che squadra andavamo ad affrontare ed ora sta a noi vedere dove abbiamo sbagliato oggi. Nell’ultima settimana abbiamo lavorato duramente per arrivare pronti a questa partita. E’ normale però che anche gli errori che abbiamo commesso oggi sono dovuti certamente al grande avversario che avevamo di fronte. Dopo la partita è sempre difficile andare ad analizzare subito quali sono stati gli errori commessi, ma le capacità della squadra che avevamo di fronte sono sicuramente indiscutibili”.

 

 
A Roma gli All Blacks superano l’Italia 66-3 nel terzo dei Cattolica Test Match 2018 PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 24 Novembre 2018 17:04

 

tebaldiallRoma-Nel terzo dei Cattolica Test Match 2018 gli All Blacks superano l’Italia 66-3 allo stadio Olimpico di Roma. Nel primo tempo buon inizio dell’Italrugby che si proponeva più volte nella metà campo ospite riuscendo successivamente anche a contenere le offensive degli All Blacks. La meta realizzata però all’8’ dal mediano di mischia ospite TJ Perenara apriva le marcature muovendo il punteggio in favore della squadra guidata da Steve Hansen. L’Italia riusciva a reagire allo svantaggio, accorciando le distanze con il piede di Tommaso Allan al 12’, ma le successive quattro marcature dei campioni del mondo in carica chiudevano la prima frazione di gioco sul 31-3. Nella seconda frazione dominio da parte degli ospiti che trovano la via della meta in altre cinque occasioni, dopo l’avvio dirompente dei campioni del mondo con due marcature pesanti segnate nei primi 5 minuti di gioco.

Prossimo appuntamento in calendario per gli Azzurri guidati da Conor O’Shea fissato per l’inizio del 6 Nazioni 2019.

Roma, “Stadio Olimpico” – 24 novembre 2018
Cattolica Test Match 2018
Italia v All Blacks 3-66 (3-31)
Marcatori:p.t.8' m. Perenara (0-5); 12' cp. Allan (3-5); 18' m. McKenzie, tr. B. Barrett (3-12); 27' m. McKenzie (3-17); 30' m. J. Barrett, tr. B. Barrett (3-24); 40' m. J. Barrett tr. B. Barrett (3-31); s.t. 43' m. Laumape tr. B. Barrett (3-38); 45' m. B. Barrett tr. B. Barrett (3-45); 52' m. McKenzie tr. Mo'Ounga (3-52); 72' m. J. Barrett tr. Mo'Ounga (3-59); 80' m. J. Barrett tr. Mo'Ounga (3-66)
Italia: Hayward; Sperandio, Campagnaro, Castello, Sperandio (50' Padovani); Allan (54' Morisi), Tebaldi (66' Palazzani); Steyn, Polledri, Negri (70' Meyer); Budd, Zanni (37' Fuser); Ferrari (59' Pasquali), Ghiraldini (c, 59' Bigi), Lovotti (47' Traorè).
All. O’Shea
All Blacks: McKenzie; J. Barrett, Lienert-Brown, Laumape, Naholo (54' Ioane); B. Barrett (50' Mo'Ounga), Perenara (50' Tahuriorangi); Read (c), Savea (47' Papalii), Fifita; S. Barrett (59' Retallick), Tuipulotu; Laulala (53' Ta’Avao), Coles (59' Harris), Tungafasi (59' Tu’Inukuafe).
All. Hansen
Arb. Andrew Brace (Irlanda), dal 24' Pascal Gauzere (Francia)
Assistenti: Pascal Gauzere (Francia), dal 24' Manuel Bottino (Italia); Sean Gallagher (Irlanda)
Calciatori: B. Barrett (All Blacks) 5/7; Allan (Italia) 1/1; Mo'Ounga (All Blacks) 3/3
Cattolica man of the match: Jordie Barrett (All Blacks)
Note: giornata nuvolosa a Roma. Temperatura 18°. Spettatori presenti 53.204.

LA CRONACA

Il calcio d’inizio del mediano d’apertura neozelandese Beauden Barrett apre il terzo dei Cattolica Test Match 2018.

La prima marcatura dell’incontro è degli ospiti, che all’8’ riescono ad andare oltre la linea di meta con il numero 9 TJ Perenara sugli sviluppi di un due contro uno sul lato destro del campo. Beauden Barrett non riesce poi nella successiva trasformazione della marcatura da posizione defilata.

Al 13’ l’Italia accorcia le distanze dalla piazzola con il piede del mediano d’apertura azzurro Tommaso Allan, portando il punteggio sul 5-3 in favore della Nuova Zelanda.

Al 18’ altra meta neozelandese, questa volta realizzata dal numero 15 Damien Mckenzie, che su assist del seconda linea Tuipulotu schiaccia l’ovale oltre la linea di meta sotto i pali. La successiva trasformazione di Beauden Barrett porta poi gli All Blacks a condurre sull’Italia per 12 a 3 alla fine del primo quarto.

Al 27’ seconda meta personale dell’incontro per l’estremo Damien Mckenzie, che raccoglie un assist kick della linea veloce neozelandese e sigla la terza marcatura del match per i campioni del mondo. Beuaden Barrett non riesce nella trasformazione: alla mezz’ora di gioco gli All Blacks sono avanti 17 a 3 all’Olimpico di Roma.

La quarta meta degli All Blacks arriva al 30’, questa volta è l’ala Jordie Barrett ad andare oltre la linea concludendo nel migliore dei modi un’ottima azione corale dei trequarti guidati da Steve Hansen. Beauden Barrett trasforma anche la marcatura, portando gli All Blacks a condurre per 24 a 3.

Al termine del primo tempo Nuova Zelanda ancora in meta con l’ala destra Jordie Barrett, che su un calcio passaggio servito dal mediano d’apertura riesce a battere nella presa aerea Jayden Hayward e a schiacciare in meta, per la quinta marcatura ospite. La successiva trasformazione di Beauden Barrett chiude la prima frazione di gioco sul 31-3.

Ad inizio ripresa è il primo centro Ngani Laumape ad andare a segno al centro dei pali difesi dagli Azzurri. Beauden Barrett trasforma ancora per il provvisorio 38 a 3.

Due minuti più tardi sono ancora gli All Blacks a muovere il tabellino, questa volta con la marcatura pesante del numero 10 Beauden Barrett che dopo aver preso in volo l’ovale da una rimessa laterale lanciata lunga dagli All Blacks si invola verso la meta depositando il pallone ancora sotto i pali.

Al 52’ arriva la terza segnatura personale nell’incontro per l’estremo neozelandese Damien Mckenzie , bravo ancora una volta a sfruttare un assist kick ben direzionato dietro la difesa azzurra. Il neoentrato Mo’ounga trasforma per il provvisorio 52-3.

A dieci minuti dal termine arriva la terza meta anche per l’ala Jordie Barrett, che servito in corsa da un calcio passaggio dal neoentrato Nathan Harris porta gli All Blacks sul 59-3 grazie anche alla successiva trasformazione di Mo’ounga.

La quarta marcatura del Man of the Match di giornata Jordie Barrett sull’out di destra chiude l’incontro definitivamente sul 66-3 in favore degli All Blacks.

 

 
A Roma gli All Blacks superano l’Italia 66-3 nel terzo dei Cattolica Test Match 2018 PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 24 Novembre 2018 17:04

 

tebaldiallRoma-Nel terzo dei Cattolica Test Match 2018 gli All Blacks superano l’Italia 66-3 allo stadio Olimpico di Roma. Nel primo tempo buon inizio dell’Italrugby che si proponeva più volte nella metà campo ospite riuscendo successivamente anche a contenere le offensive degli All Blacks. La meta realizzata però all’8’ dal mediano di mischia ospite TJ Perenara apriva le marcature muovendo il punteggio in favore della squadra guidata da Steve Hansen. L’Italia riusciva a reagire allo svantaggio, accorciando le distanze con il piede di Tommaso Allan al 12’, ma le successive quattro marcature dei campioni del mondo in carica chiudevano la prima frazione di gioco sul 31-3. Nella seconda frazione dominio da parte degli ospiti che trovano la via della meta in altre cinque occasioni, dopo l’avvio dirompente dei campioni del mondo con due marcature pesanti segnate nei primi 5 minuti di gioco.

Prossimo appuntamento in calendario per gli Azzurri guidati da Conor O’Shea fissato per l’inizio del 6 Nazioni 2019.

Roma, “Stadio Olimpico” – 24 novembre 2018
Cattolica Test Match 2018
Italia v All Blacks 3-66 (3-31)
Marcatori:p.t.8' m. Perenara (0-5); 12' cp. Allan (3-5); 18' m. McKenzie, tr. B. Barrett (3-12); 27' m. McKenzie (3-17); 30' m. J. Barrett, tr. B. Barrett (3-24); 40' m. J. Barrett tr. B. Barrett (3-31); s.t. 43' m. Laumape tr. B. Barrett (3-38); 45' m. B. Barrett tr. B. Barrett (3-45); 52' m. McKenzie tr. Mo'Ounga (3-52); 72' m. J. Barrett tr. Mo'Ounga (3-59); 80' m. J. Barrett tr. Mo'Ounga (3-66)
Italia: Hayward; Benvenuti, Campagnaro, Castello, Sperandio (50' Padovani); Allan (54' Morisi), Tebaldi (66' Palazzani); Steyn, Polledri, Negri (70' Meyer); Budd, Zanni (37' Fuser); Ferrari (59' Pasquali), Ghiraldini (c, 59' Bigi), Lovotti (47' Traorè).
All. O’Shea
All Blacks: McKenzie; J. Barrett, Lienert-Brown, Laumape, Naholo (54' Ioane); B. Barrett (50' Mo'Ounga), Perenara (50' Tahuriorangi); Read (c), Savea (47' Papalii), Fifita; S. Barrett (59' Retallick), Tuipulotu; Laulala (53' Ta’Avao), Coles (59' Harris), Tungafasi (59' Tu’Inukuafe).
All. Hansen
Arb. Andrew Brace (Irlanda), dal 24' Pascal Gauzere (Francia)
Assistenti: Pascal Gauzere (Francia), dal 24' Manuel Bottino (Italia); Sean Gallagher (Irlanda)
Calciatori: B. Barrett (All Blacks) 5/7; Allan (Italia) 1/1; Mo'Ounga (All Blacks) 3/3
Cattolica man of the match: Jordie Barrett (All Blacks)
Note: giornata nuvolosa a Roma. Temperatura 18°. Spettatori presenti 53.204.

LA CRONACA

Il calcio d’inizio del mediano d’apertura neozelandese Beauden Barrett apre il terzo dei Cattolica Test Match 2018.

La prima marcatura dell’incontro è degli ospiti, che all’8’ riescono ad andare oltre la linea di meta con il numero 9 TJ Perenara sugli sviluppi di un due contro uno sul lato destro del campo. Beauden Barrett non riesce poi nella successiva trasformazione della marcatura da posizione defilata.

Al 13’ l’Italia accorcia le distanze dalla piazzola con il piede del mediano d’apertura azzurro Tommaso Allan, portando il punteggio sul 5-3 in favore della Nuova Zelanda.

Al 18’ altra meta neozelandese, questa volta realizzata dal numero 15 Damien Mckenzie, che su assist del seconda linea Tuipulotu schiaccia l’ovale oltre la linea di meta sotto i pali. La successiva trasformazione di Beauden Barrett porta poi gli All Blacks a condurre sull’Italia per 12 a 3 alla fine del primo quarto.

Al 27’ seconda meta personale dell’incontro per l’estremo Damien Mckenzie, che raccoglie un assist kick della linea veloce neozelandese e sigla la terza marcatura del match per i campioni del mondo. Beuaden Barrett non riesce nella trasformazione: alla mezz’ora di gioco gli All Blacks sono avanti 17 a 3 all’Olimpico di Roma.

La quarta meta degli All Blacks arriva al 30’, questa volta è l’ala Jordie Barrett ad andare oltre la linea concludendo nel migliore dei modi un’ottima azione corale dei trequarti guidati da Steve Hansen. Beauden Barrett trasforma anche la marcatura, portando gli All Blacks a condurre per 24 a 3.

Al termine del primo tempo Nuova Zelanda ancora in meta con l’ala destra Jordie Barrett, che su un calcio passaggio servito dal mediano d’apertura riesce a battere nella presa aerea Jayden Hayward e a schiacciare in meta, per la quinta marcatura ospite. La successiva trasformazione di Beauden Barrett chiude la prima frazione di gioco sul 31-3.

Ad inizio ripresa è il primo centro Ngani Laumape ad andare a segno al centro dei pali difesi dagli Azzurri. Beauden Barrett trasforma ancora per il provvisorio 38 a 3.

Due minuti più tardi sono ancora gli All Blacks a muovere il tabellino, questa volta con la marcatura pesante del numero 10 Beauden Barrett che dopo aver preso in volo l’ovale da una rimessa laterale lanciata lunga dagli All Blacks si invola verso la meta depositando il pallone ancora sotto i pali.

Al 52’ arriva la terza segnatura personale nell’incontro per l’estremo neozelandese Damien Mckenzie , bravo ancora una volta a sfruttare un assist kick ben direzionato dietro la difesa azzurra. Il neoentrato Mo’ounga trasforma per il provvisorio 52-3.

A dieci minuti dal termine arriva la terza meta anche per l’ala Jordie Barrett, che servito in corsa da un calcio passaggio dal neoentrato Nathan Harris porta gli All Blacks sul 59-3 grazie anche alla successiva trasformazione di Mo’ounga.

La quarta marcatura del Man of the Match di giornata Jordie Barrett sull’out di destra chiude l’incontro definitivamente sul 66-3 in favore degli All Blacks.

 

 


Pagina 1 di 388
 


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito