Guinness PRO14


I 23 LEONI SCELTI PER AFFRONTARE IL MUNSTER RUGBY PDF Stampa E-mail
Campionati
Giovedì 11 Aprile 2019 14:06

slide benetton-3-2-1024x576Dopo una grande prova mostrata all’RDS Arena di Dublino contro Leinster, i Leoni domani sera ore 20:00 allo Stadio Monigo ospiteranno il Munster Rugby.

La gara, valida per il 20° round di Guinness PRO14, verrà diretta dal fischietto gallese Ben Whitehouse insieme agli assistenti Gianluca Gnecchi e Simon Rees.

Biancoverdi che perdono per infortunio Luca Morisi (trauma cervicale) ed Alberto Sgarbi (frattura zigomo sinistro) entrambi subiti lo scorso weekend in Irlanda.

Leggi tutto...
 
GEORGE BIAGI SESTO ITALIANO A TAGLIARE LE 100 PRESENZE NEL GUINNESS PRO14 PDF Stampa E-mail
Campionati
Mercoledì 10 Aprile 2019 14:52

 

Biagi Zebre Connacht 1819

Parma, 10 Aprile 2019 –Sabato scorso allo Stadio Lanfranchi di Parma è stata un’altra giornata particolare per la seconda linea delle Zebre George Biagi. Il 33enne originario della provincia di Lucca quest’anno ha tagliato il traguardo delle 100 presenze in gara ufficiale con la franchigia federale nella trasferta in Sudafrica contro i Cheetahs del 26 Gennaio 2019 diventando il quinto centurione del club.  Il 16 Febbraio è tornato dopo 7 anni a Viadana guidando le sue Zebre per sfidare il Leinster campione d’Europa. Allo Stadio Zaffanella il 27 Novembre 2010 ha giocato la sua prima gara nel Guinness PRO14 con la maglia della franchigia degli Aironi Rugby, mentre lo scorso weekend la seconda linea -23 volte Azzurro con la maglia dell’Italia- ha giocato la sua centesima gara del torneo celtico.

La sfida contro il Connacht non é finita con una vittoria nonostante una grandiosa difesa delle Zebre a non concedere meta agli irlandesi; 21 dei 201 placcaggi sono stati eseguiti da Biagi, leader vero del XV del Nord-Ovest con all'attivo anche 12 palloni portati, primo tra gli avanti bianconeri. 

Nato a Irvine in Scozia e cresciuto a livello ovale nel prestigioso Fettes College di Edimburgo, Biagi è entrato così nel ristretto club dei giocatori italiani con 100 presenze nel prestigioso torneo dei due Emisferi che vede sfidarsi le migliori squadre di Galles, Irlanda, Italia, Scozia e Sudafrica. In particolare sono 21 le sfide giocate con i nero-argento mantovani e 79 quelle con i bianconeri di base a Parma, di cui 49 come capitano dei bianconeri in 8 stagioni. La stagione 2012/13 la seconda linea ha giocato nel Championship inglese con la maglia del Bristol Rugby.

Sono sei i giocatori italiani che possono vantare questo riconoscimento, 4 di essi ancora in attività. Nello specifico tre di essi hanno raggiunto le 100 presenze grazie anche alle gare disputate con la franchigia federale. 

A livello di presenze nel Guinness PRO14 è il mediano di mischia Guglielmo Palazzani il leader delle presenze in maglia zebrata con 93.

 


 

I giocatori italiani con più di 100 presenze nel Guinness PRO14:

Sgarbi 120 (Benetton Rugby)

Tebaldi 113 (39 Aironi Rugby, 16 Zebre Rugby, 16 Ospreys, 42 Benetton Rugby)

Bernabò 112 (61 Benetton Rugby, 51 Zebre Rugby)*

De Marchi Al. 109 (36 Aironi, 73 Benetton)

Nitoglia 106 (Benetton)*

Biagi 100 (79 Zebre 5 mete, 21 Aironi 1meta) 16 presenze 1819 con 933 minuti

* = non più in attività

 


 

I giocatori delle Zebre con più presenze nel Guinness PRO14 con la maglia bianconera:

Palazzani 93 (Zebre)

Chistolini 89 (Zebre)

Fabiani 86 (Zebre)

De Marchi An. 95 (84 Zebre)

Biagi 100 (79 Zebre)

 


 

La scheda del giocatore:

Nome:George

Cognome:Biagi

nato a:Irvine (SCO)

Il:04/10/1985

Altezza:198 cm

Peso:115 kg

Ruolo:Seconda linea

Honours: Italia

Caps:23

Presenze in Guinness PRO14: 100

Presenze in EPCR Champions Cup:10

Presenze in EPCR Challenge Cup:18

Club precedenti: Bristol Rugby (ENG), Aironi Rugby,Amatori Milano, Grande Milano, I Cavalieri Prato

Instagram:georgebiagi

 

 
I LEONI SONO STRAORDINARI ED ALLO SCADERE CONQUISTANO IL PAREGGIO CONTRO LEINSTER PDF Stampa E-mail
Campionati
Sabato 06 Aprile 2019 23:30

tavuyara

Marcatori: 14’ meta Bigi tr. Allan, 18’ p. Reid, 20’ p. Allan, 25’ p. Frawley, 39’ p. Allan, 48’ meta Lowe tr. Frawley, 54’ meta Ruzza tr. Allan, 63’ meta Byrne tr. Frawley, 80’ meta Tavuyara tr. Allan

Leinster: 15 Barry Daly, 14 Fergus McFadden, 13 Conor O’Brien, 12 Joe Tomane, 11 James Lowe, 10 Noel Reid (22’ Ciaran Frawley), 9 Luke McGrath (c) (76’ Hugh O’Sullivan), 8 Caelan Doris, 7 Max Deegan, 6 Scott Penny, 5 Scott Fardy, 4 Mick Kearney (37’ Jack Dunne), 3 Andrew Porter (56’ Michael Bent), 2 James Tracy, 1 Jack McGrath (56’ Peter Dooley)

Head Coach: Leo Cullen

Benetton Rugby: 15 Jayden Hayward, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Marco Zanon (76’ Antonio Rizzi), 12 Luca Morisi (49’ Albeeto Sgarbi), 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan (c), 9 Dewaldt Duvenage (50’ Tito Tebaldi), 8 Toa Halafihi, 7 Abraham Steyn, 6 Sebastian Negri (4’ Giovanni Pettinelli) (9’ Sebastian Negri) (65’ Giovanni Pettinelli), 5 Federico Ruzza, 4 Irné Herbst (59’ Marco Lazzaroni), 3 Marco Riccioni (55’ Simone Ferrari), 2 Luca Bigi (49’ Tomas Baravalle), 1 Nicola Quaglio (55’ Derrick Appiah)

Head Coach: Kieran Crowley

Alla RDS Arena la gara comincia con i padroni di casa che subito mettono in mostra una delle loro armi migliori: il multifase senza commettere errori, ma i Leoni sono attenti a difendere costringendoli all’errore. Nei minuti seguenti il gioco si sviluppa sulla metà campo con le due squadre che si studiano cercando il momento giusto per attaccare.

Al 10’ buona azione costruita dagli uomini di coach Crowley nel tentativo di entrare dentro i 22 di Leinster, questi commettono fallo ed i biancoverdi scelgono di andare in touche. Dalla rimessa laterale gli irlandesi commettono fallo nuovamente e si torna sui 5m dei Dubliners; la maul avanzante costruita dai Leoni va dritta in meta con Bigi, Allan trasforma.

Poco dopo Leinster accorcia le distanze con il piazzato ravvicinato messo a segno da Reid. I Leoni si riportano subito nella metà campo avversaria conquistando un calcio di punizione, Allan sistema l’ovale sulla piazzola e centra i pali. La reazione dei padroni di casa non si fa attendere, l’appena entrato Frawley aggiunge 3 punti sul tabellone.

Al 28’ i Leoni costringono Leinster al tenuto dentro i 5m, dalla mischia Halafihi prova ad andare in meta ma viene fermato così negli sviluppi dell’azione i biancoverdi vengono fermati irregolarmente. Si riparte ancora con una mischia, nonostante le numerose fasi i Leoni non trovano la via della meta perdendo poi il possesso.

Gli uomini di coach Crowley portano alta la pressione, così il multifase a ridosso della linea di meta avversaria frutta una punizione. Allan indica i pali e li centra.

Alla RDS Arena la prima frazione di gioco termina 13 a 6 in favore dei Leoni.

Nella ripresa Leinster comincia forte trovando il varco per andare in meta con Lowe, Frawley dalla piazzola porta il punteggio in parità. I Leoni macinano gioco e dopo un bel break di Halafihi, Ruzza va in meta portando i suoi nuovamente in vantaggio; Allan è preciso nella trasformazione.

Leinster con il passare dei minuti guadagna terreno di gioco trovando la maniera per andare in touche dentro i 22 biancoverdi. Perfetta la maul avanzante impostata che li conduce oltre la linea di meta con Byrne, Frawley trasforma ed è di nuovo parità.

A dieci minuti dal termine i padroni di casa costruiscono una buona azione e vanno in meta con Frawley, lo stesso trasforma. Capitan Allan e compagni non ci stanno e si tuffano in avanti andando più volte vicini alla linea di meta, a tempo scaduto quando tutto sembrava deciso Tavuyara con una straordinaria azione personale va in meta poi trasformata da Allan,

La gara termina così 27 a 27.

 
I LEONI SONO STRAORDINARI ED ALLO SCADERE CONQUISTANO IL PAREGGIO CONTRO LEINSTER PDF Stampa E-mail
Campionati
Sabato 06 Aprile 2019 23:30

tavuyara

Marcatori: 14’ meta Bigi tr. Allan, 18’ p. Reid, 20’ p. Allan, 25’ p. Frawley, 39’ p. Allan, 48’ meta Lowe tr. Frawley, 54’ meta Ruzza tr. Allan, 63’ meta Byrne tr. Frawley, 80’ meta Tavuyara tr. Allan

Leinster: 15 Barry Daly, 14 Fergus McFadden, 13 Conor O’Brien, 12 Joe Tomane, 11 James Lowe, 10 Noel Reid (22’ Ciaran Frawley), 9 Luke McGrath (c) (76’ Hugh O’Sullivan), 8 Caelan Doris, 7 Max Deegan, 6 Scott Penny, 5 Scott Fardy, 4 Mick Kearney (37’ Jack Dunne), 3 Andrew Porter (56’ Michael Bent), 2 James Tracy, 1 Jack McGrath (56’ Peter Dooley)

Head Coach: Leo Cullen

Benetton Rugby: 15 Jayden Hayward, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Marco Zanon (76’ Antonio Rizzi), 12 Luca Morisi (49’ Albeeto Sgarbi), 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan (c), 9 Dewaldt Duvenage (50’ Tito Tebaldi), 8 Toa Halafihi, 7 Abraham Steyn, 6 Sebastian Negri (4’ Giovanni Pettinelli) (9’ Sebastian Negri) (65’ Giovanni Pettinelli), 5 Federico Ruzza, 4 Irné Herbst (59’ Marco Lazzaroni), 3 Marco Riccioni (55’ Simone Ferrari), 2 Luca Bigi (49’ Tomas Baravalle), 1 Nicola Quaglio (55’ Derrick Appiah)

Head Coach: Kieran Crowley

Alla RDS Arena la gara comincia con i padroni di casa che subito mettono in mostra una delle loro armi migliori: il multifase senza commettere errori, ma i Leoni sono attenti a difendere costringendoli all’errore. Nei minuti seguenti il gioco si sviluppa sulla metà campo con le due squadre che si studiano cercando il momento giusto per attaccare.

Al 10’ buona azione costruita dagli uomini di coach Crowley nel tentativo di entrare dentro i 22 di Leinster, questi commettono fallo ed i biancoverdi scelgono di andare in touche. Dalla rimessa laterale gli irlandesi commettono fallo nuovamente e si torna sui 5m dei Dubliners; la maul avanzante costruita dai Leoni va dritta in meta con Bigi, Allan trasforma.

Poco dopo Leinster accorcia le distanze con il piazzato ravvicinato messo a segno da Reid. I Leoni si riportano subito nella metà campo avversaria conquistando un calcio di punizione, Allan sistema l’ovale sulla piazzola e centra i pali. La reazione dei padroni di casa non si fa attendere, l’appena entrato Frawley aggiunge 3 punti sul tabellone.

Al 28’ i Leoni costringono Leinster al tenuto dentro i 5m, dalla mischia Halafihi prova ad andare in meta ma viene fermato così negli sviluppi dell’azione i biancoverdi vengono fermati irregolarmente. Si riparte ancora con una mischia, nonostante le numerose fasi i Leoni non trovano la via della meta perdendo poi il possesso.

Gli uomini di coach Crowley portano alta la pressione, così il multifase a ridosso della linea di meta avversaria frutta una punizione. Allan indica i pali e li centra.

Alla RDS Arena la prima frazione di gioco termina 13 a 6 in favore dei Leoni.

Nella ripresa Leinster comincia forte trovando il varco per andare in meta con Lowe, Frawley dalla piazzola porta il punteggio in parità. I Leoni macinano gioco e dopo un bel break di Halafihi, Ruzza va in meta portando i suoi nuovamente in vantaggio; Allan è preciso nella trasformazione.

Leinster con il passare dei minuti guadagna terreno di gioco trovando la maniera per andare in touche dentro i 22 biancoverdi. Perfetta la maul avanzante impostata che li conduce oltre la linea di meta con Byrne, Frawley trasforma ed è di nuovo parità.

A dieci minuti dal termine i padroni di casa costruiscono una buona azione e vanno in meta con Frawley, lo stesso trasforma. Capitan Allan e compagni non ci stanno e si tuffano in avanti andando più volte vicini alla linea di meta, a tempo scaduto quando tutto sembrava deciso Tavuyara con una straordinaria azione personale va in meta poi trasformata da Allan,

La gara termina così 27 a 27.

 
LE ZEBRE SPRECANO TRE OPPORTUNITA’ AL PIEDE E LA VITTORIA VA AL CONNACHT PDF Stampa E-mail
Campionati
Sabato 06 Aprile 2019 20:48

 

Mischia Zebre Connacht 1819

Parma (Italia) – 6 Aprile 2019
Guinness PRO14 2018/2019, Round 19

Zebre Rugby Club Vs Connacht 5-6 (p.t. 0-6)

Marcatori:6’ cp Carty (0-3); 22’ cp Carty (0-6); s.t. 3’ m Bellini (5-6);

Zebre Rugby Club:Padovani, Bellini, Bisegni, Boni, Elliott, Brummer, Renton (26‘ s.t. Palazzani); Giammarioli, Mbandà, Tuivaiti (21’ s.t. Brown), Biagi (cap) (31‘ s.t. Krumov), Sisi, Ciccioli (21‘ s.t. Zilocchi); Fabiani (31’ s.t. Ceciliani), Lovotti (19‘ s.t. Rimpelli) (Non entrato: De Battista, Di Giulio) All.Bradley

Connacht: O'Halloran, Leader, Farrell (28’ Daly, 40’ Farrell, 2’ s.t. Daly), Robb, Healy (23’ s.t. Kelleher), Carty, Blade (16’ Marmion, 26’ Blade); Butler (cap), Fainga'a, McKeon (16’ s.t. Copeland), Thornbury (27’ s.t. Mksymiw), Dillane, Robertson-McCoy (21’ s.t. O’Donnell), Heffernan (22’ s.t. Delahunt), Buckley (19’ s.t. McCabe) All.Friend

Arbitro: Ben Blain (Scottish Rugby Union) 

Assistenti: Keith Allen (Scottish Rugby Union) e Andrea Spadoni (Federazione Italiana Rugby)

TMO: Andrew McMenemy (Scottish Rugby Union)
Calciatori:Padovani (Zebre Rugby Club) 0/2, Palazzani (Zebre Rugby Club) 0/1, Carty (Connacht) 2/2
Cartellini:(Zebre Rugby Club), (Connacht)
Man of the match: Fainga’a (Connacht)

Punti in classifica: Zebre Rugby Club 1, Connacht 4

Note: Cielo coperto. Temperatura 13°. Campo in buone condizioni. Spettatori 3500.

Cronaca:Al 6° minuto dopo un lungo multifase Connacht sblocca il parziale col piazzato di Carty dai 22. Faticano le rimesse che regalano un possesso ciascuna con gli irlandesi che guadagnano terreno al 13° grazie al gioco al piede. Da una serie di mischie ai 5 metri Connacht può attaccare grazie alla crescente indisciplina dei bianconeri ma Tuivaiti ruba il possesso al pack di Galway. Contrattacco del Connacht che avanza fino ai 5 metri con Butler al 21° guadagnando il 6° fallo che Carty spedisce in mezzo ai pali. Un'altra rimessa non controllata da un nuovo possesso in attacco ai nero-verdi, fermati ai 10 metri dal placcaggio di Boni. Attaccano alla mano le Zebre al 27° col break di Brown ma l’azione sfuma sui 22. Sull’altro fronte al 33° gli irlandesi commettono fallo. Padovani fa risalire le zebre, multifase termina con in avanti di Sisi in territorio Connacht. Gli irlandesi risalgono il campo. Difesa solida della Franchigia del Nord Ovest che costringe al  tenuto a terra Butler. Il primo tempo si conclude sul 0-6.

Ad inizio ripresa le Zebre vanno in meta: lunga percussione con Mbandà ed il break di Boni: l’azione vede Bellini segnare dopo un raccogli e vai con Padovani che fallisce il sorpasso dalla piazzola. Al 49° l’ottavo fallo italiano sulla difesa di una maul porta Heffernan a lanciare ai 5 metri: dopo un lungo multifase cade la trincea italiana con la meta di Leader alla bandierina destra, annullata dal TMO dopo la pressione del caloroso pubblico del Lanfranchi. Ci credono le Zebre all’ora di gioco con un bel multifase chiuso al piede sui 5 metri dall’ottima pedata di Renton. Pasticcia la rimessa irlandese che concede il turnover al XV del Nord-Ovest che può giocare una mischia ai 5 metri. Il primo fallo a favore sull’ingaggio frutta il piazzato di Padovani che fallisce ancora il sorpasso. Anche Connacht sbaglia la pedata dopo un fallo e non trova la rimessa nei 22 al 67°. Il tenuto dell’attacco ospite da a Biagi e compagni la rimessa in attacco che non viene controllata. Il pack bianconero trova il fallo al centro del campo al 76° che Palazzani calcia largo alla sinistra dell’H del Lanfranchi. Ci riprovano le Zebre con il multifase sulla metà campo col tenuto a Rimpelli che chiude il match a 20 secondi dalla fine.  Arriva solo un punto per le Zebre nonostante una superlativa difesa che per la prima volta sotto la direzione Bradley non concede mete all’avversario in gara ufficiale.

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma lunedì 8 Aprile 2019 in preparazione alla prossima sfida ufficiale. Sabato prossimo 13 Aprile alle ore 18.15 italiane le Zebre giocheranno l’ultima trasferta della stagione di Guinness PRO14 in Galles contro gli Scarlets.

 

 


Pagina 4 di 114

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube

ticketing2018

banner sitofederugby

 

banner-community-2019

seguici su Spotify


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito