Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

Guinness PRO14
Guinness PRO14


NETTA VITTORIA DEI LEONI CHE SUPERANO GRENOBLE 40 A 14 PDF Print E-mail
Campionati
Saturday, 13 October 2018 21:14
There are no translations available.

 

CM3 5479

Marcatori: 16’ meta Hayward tr. Allan, 23’ meta Ruzza tr. Allan, 40’ meta Cacey tr. Nanette, 47’ meta Allan tr. Allan, 51’ meta Allan tr. Allan, 70’ meta Aulika tr. Nanette, 74’ meta Faiva, 76’ meta Brex tr. Rizzi

Note: 2480 spettatori

 

Benetton Rugby:

15 Jayden Hayward, 14 Iliesa Ratuva Tavuyara, 13 Ignacio Brex, 12 Luca Morisi (55’ Alberto Sgarbi), 11 Tommaso Benvenuti, 10 Tommaso Allan (60’ Antonio Rizzi), 9 Dewaldt Duvenage (67’ Edoardo Gori), 8 Robert Barbieri (c) (55’ Marco Barbini), 7 Marco Lazzaroni, 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Alessandro Zanni (46’ Irné Herbst), 3 Marco Riccioni (40’ Tiziano Pasquali), 2 Luca Bigi (46’ Hame Faiva), 1 Nicola Quaglio (40’ Cherif Traore)

Head coach: Kieran Crowley

Grenoble:

15 Bastien Guillemin (55’ Lolagi Visinia), 14 Lucas Dupont, 13 Pablo Uberti, 12 Junior Rasolea (55’ Taleta Tupuola), 11 Teiva Jacquelain, 10 Ben Lucas, 9 Jeremy Valencot (21’ Theo Nanette), 8 Tai Tuifua (67’ Morgan Vacchino), 7 Dorian Bonnin, 6 Loic Baradel, 5 Killian Geraci (38’ Fabien Alexandre), 4 François Uys, 3 Ali Oz (43’ Halani Aulika), 2 Duncan Casey (c) (67’ Lilian Rossi), 1 Dylan Jacquot (43’ Alexandre Dardet)

Head coach: Stephen Glas

 

Allo Stadio Monigo questo pomeriggio ha avuto inizio l’avventura dei Leoni di coach Crowley in European Rugby Challenge Cup. I biancoverdi, oggi con addosso la seconda maglia biancoblu, cominciano il match subendo leggermente la voglia dei francesi di rendersi da subito pericolosi. Al 6’ è buona la difesa di Barbieri e compagni che tengono fuori dalla zona rossa gli ospiti rispedendoli sulla metà campo.

Al 12’ errore al lancio da parte di Bigi sui 22 avversari ma i Leoni sono bravi a riconquistare l’ovale e a creare difficoltà con Tavuyara. Purtroppo viene commesso in avanti a pochi metri dalla meta. Gli uomini di Crowley si stanziano nei 22 di Grenoble, così al 16’ recuperano l’ovale con Duvenage ed allargano il gioco dalle parti di Hayward che trasforma senza troppe difficoltà. E’ precisa la trasformazione di Allan che porta i suoi sul +7.

Al 23’ altro forcing dei Leoni che si conclude con la seconda marcatura questa volta firmata da Ruzza, la meta viene trasformata con facilità da Allan. Qualche minuto dopo i francesi si riportano nella metà campo biancoblu, fallo commesso dai padroni di casa e mischia per Grenoble proprio sotto i pali dei Leoni. Negli sviluppi del gioco è ottimo l’intercetto di Benvenuti che ferma tutto e permette ai suoi di recuperare terreno.

Nei minuti finali del primo tempo, i francesi insidiano la difesa biancoblu ancora da una mischia sui 5. Questa volta il pack di Grenoble riesce ad andare in meta con Casey, dalla piazzola trasforma Nanette.

La prima frazione di gioco termina 14 a 7 in favore dei Leoni grazie alle mete di Hayward e Ruzza entrambe trasformate da Allan.

L’inizio del secondo tempo è promettente ed i Leoni mostrano sin da subito il desiderio di allungare le distanze. Al 43’ buon break di Hayward dopo un offload di Brex, ma quando l’ovale giunge a Traore il pilone non riesce a tenerlo tra le mani e l’azione sfuma.

Al 47’ ecco che arrivano i punti cercati, l’azione comincia da una formidabile giocata di Negri che si infila nella difesa avversaria e scambia con Morisi che serve uno scattante Allan, il quale prima vola in meta e poi trasforma.

Il numero 10 dei Leoni si ripete quattro minuti più tardi infilandosi in mezzo a Rasolea e Casey, andando così a segnare la doppietta personale che vale il punto di bonus offensivo. I biancoblu mostrano veramente un bel gioco e continuano a cercare la via della meta facendo divertire i 2480 spettatori presenti allo Stadio di Monigo.

Al 70’ Grenoble si porta in touche sui 5m dei Leoni, serie di pick and go ed arriva la seconda meta dei francesi con il pilone Aulika; Nanette trasforma. Gli ultimi minuti del match vedono invece Treviso controllare tranquillamente il gioco e trovare la quinta e la sesta meta con Faiva e Brex, Rizzi dalla piazzola colpisce il palo in occasione della prima trasformazione e centra la seconda.

Il finale parla chiaro, Benetton Rugby batte Grenoble 40 a 14.

 

 
NELL’ESORDIO STAGIONALE IN CHALLENGE CUP LE ZEBRE CEDONO 43-22 A BRISTOL PDF Print E-mail
Campionati
Saturday, 13 October 2018 19:24
There are no translations available.

 

Biagi Bristol Zebre 1819

Le Zebre hanno aperto la loro campagna europea in EPCR Challenge Cup nella tana degli inglesi Bristol Bears, club neopromosso nel massimo campionato inglese. Nella prima sfida del girone 4 gli inglesi, nonostante i tanti cambi rispetto alla formazione scesa in campo 7 giorni fa nella sconfitta contro Worcester, sono partiti subito col piede giusto mettendo sotto pressione la difesa italiana con tanto possesso e buona giocate al largo che hanno fruttato quattro mete nei primi 20 minuti, a sfruttare anche la superiorità numerica per il giallo a Venditti. I bianconeri dopo alcune rimesse nei 22 non sfruttate, si sono messi in luce nel finale del primo tempo con la meta di forza di Bello mentre nella ripresa hanno cambiato pelle prendendo le redini del gioco davanti ai quasi 9000 dell’Ashton Gate Stadium. Anche grazie all’indisciplina dei padroni di casa i bianconeri hanno potuto produrre diversi grattacapi agli inglesi trovando le mete di Castello e Boni e cercando con determinazione la quarta meta fino a tempo scaduto. La positiva ripresa non è però bastata per tornare a Parma con punti per la classifica del girone che vede appunto i Bears ed i francesi dello Stade Rochelais in testa con 5 punti. Sabato al Lanfranchi Castello e compagni cercheranno subito di ribaltare il risultato odierno nella gara di ritorno contro il XV di coach Lam.

Bristol (Inghilterra) – 13 Ottobre 2018

EPCR Challenge Cup 2018/19 – Pool 4, Round 1

Bristol Bears Vs Zebre Rugby Club 43-22 (p.t. 36-10)

Marcatori: 7‘ m Leiua tr Sheedy (7-0); 11’ cp Brummer (7-3); 13‘ m Edwards (12-3); 18‘ m Latta tr Sheedy (19-3); 20‘ m Haining (24-3); 32’ m Edwards tr Sheedy (31-3); 38‘ m Bello tr Brummer (31-10); 40‘ m Armstrong (36-10); s.t. 3‘ m Castello tr Brummer (36-17); 23’ m Uren tr Bedlow (43-17); 34‘ m Boni (43-22);

Bristol Bears: Pincus, Edwards (1’ s.t. Pisi), Hurrell, Piutau S. (cap) (2’ s.t. Bedlow), Leiua, Sheedy, Stirzaker (6’ s.t. Uren); Haining (39’ Smith, 35’ s.t. Thomas D.), Thomas D. (26’ s.t. Heenan), Jeffries, Batley, Latta (35’ s.t. Malton), Armstrong (3’ s.t. Afoa), Malton (22’ s.t. Lindsay), Woolmore (30’ s.t. ThomasY.) All. Lam

Zebre Rugby Club: Di Giulio, Bellini (19’ s.t. Canna), Bisegni, Castello (cap), Venditti (1’ s.t. Boni), Brummer, Palazzani; Sisi, Tuivaiti (6’ s.t. Zilocchi), Tauyavuca, Biagi, Krumov (22’ s.t. Ortis), Bello (17‘ s.t. Tenga), Ceciliani (24‘ Luus), Ah-Nau (1‘ s.t. Lovotti) (Non entrato: Raffaele) All. Bradley

Arbitro: Franck Murphy (Irish Rugby Football Union)

Assistenti: George Clancy e Mark Patton (Irish Rugby Football Union)

TMO: Brian MacNeice (Irish Rugby Football Union)

Calciatori: Sheedy (Bristol Bears) 3/6, Bedlow (Bristol Bears) 1/1, Brummer (Zebre Rugby Club) 4/4, Canna (Zebre Rugby Club) 0/1

Cartellini: al 17° giallo a Venditti (Zebre Rugby Club), al 21° s.t. giallo a Sheedy (Bristol Bears)

Man of the match: Hurrell (Bristol Bears)

Punti in classifica: Bristol Bears 5, Zebre Rugby Club 0

Note: Cielo coperto e vento. Temperatura 20°. Terreno in ottime condizioni. Spettatori 8852. Esordio nelle coppe europee per Brummer e Tuayavuca.

Cronaca: calcio d'inizio italiano con i Bears che giocano alla mano dai propri 22 guadagnando metri fino ai 22 opposti. Dopo quasi 2 minuti di possesso Castello commette in avanti che frutta la prima mischia della sfida. Risalgono le Zebre ma arriva il tenuto contro Tauyavuca. Gioca veloce Bristol che accelera entrando nei 22 italiani. L'azione si chiude con un errore di trasmissione inglese. Palazzani introduce con la mischia bianconera stabile; l'ovale é liberato al piede dal mediano di mischia. Dopo la rimessa l'arbitro irlandese sanziona Ceciliani per un fuorigioco. Il 2° fallo viene calciato in touche ai 5 metri dai Bears col drive fermato dal pack italiano. Sul nuovo assalto é il nazionale samoano Leiua che rompe il placcaggio di Tauyavuca e sguscia in meta sotto i pali. Sheedy trasforma la prima meta della sfida. Dopo una rimessa in attacco arriva il 1° fallo anche dei Bears la carica di Castello é fermata in modo irregolare dagli inglesi. Brummer ci prova da 45 metri in zona centrale e centra i pali al 10°. Si riprende con un altro assalto inglese coi Bears nei 22 con diversi pick & go. Il pallone é poi aperto in modo veloce al largo sinistro dove é Edwards a segnare alla bandierina. Rispondono le Zebre alla mano nella metà campo dei padroni di casa ma il possesso é strappato ai trequarti italiani. Edwards prova a sgusciare ma é fermato. Sulla fase successiva un avanti volontario di Venditti costa il cartellino giallo all’abruzzese. Dopo la rimessa ai 5 metri i Bristol Bears colpiscono in superiorità la franchigia federale segnando con Latta dopo alcuni raccogli e vai. Arriva subito anche la quarta meta inglese con Haining che sfrutta un bel pallone giocato velocemente al largo sinistro accelerando sulla linea laterale sinistra per segnare la meta del bonus. Dopo un'altra rimessa in attacco inglese l'ovale é recuperato con Castello che riesce a strappare 50 metri trovando il 2° fallo degli inglesi. Le Zebre calciano in touche ai 15 metri ma il lancio del neo entrato Luus é rubato. Prima del rientro di Venditti arriva una bella carica di Tuivaiti ma é ancora molto abile la difesa inglese che recupera l'ovale. Risale così Bristol che gioca alla mano da tutte le parti del campo e mette ancora i brividi alla difesa italiana con Piutau e Leiua. Alla mezz’ora crescono le Zebre col possesso del pallone: dopo diverse fasi sul punto d’incontro arriva il 3° fallo inglese. Brummer trova la rimessa ma l'attacco italiano é fermato sui 22 su un errore nel riciclo. Al 32° quinta meta del Bears che ancora col veloce Edwards trovano il varco sul largo destro della difesa dopo aver rotto un placcaggio della linea italiana sulla metà campo. Dopo un ingaggio in mischia chiusa le Zebre sono nei 22 con la bella serpentina di Di Giulio. L'azione si chiude col fallo inglese con un in avanti volontario. Castello decide per la rimessa catturata da Tauyavuca. Il drive é fermato sulla linea con l’arbitro Murphy che chiede aiuto al TMO per accordare la meta. La carica di Bello é giudicata correttamente e così arriva la prima meta nella Challenge Cup per le Zebre col pilone argentino. Brummer trasforma la segnatura per il 31-10 al 38°. Il primo tempo si chiude con la sesta meta inglese: i bianconeri concedono territorio col tenuto fischiato a Tauyavuca. E’ il drive a portare in meta il pilone inglese Armstrong.

Comincia la ripresa a Bristol con due cambi per le Zebre: dentro Boni per Venditti e Lovotti per Ah-Nau. Si riparte con una mischia italiana sulla metà campo. Sull'ingaggio arriva il 1° fallo in mischia a favore delle Zebre. Brummer trova la touche a 10 m dalla meta. Sul vantaggio per un fallo inglese Palazzani innesca Castello con un grubber per segnare sotto i pali. Rapido ribaltamento di fronte con Bristol vicino alla meta ma Pisi perde il possesso a pochi metri dalla segnatura. Entra Zilocchi in terza linea al posto di Tuivaiti con Bristol che ingaggia anticipatamente. Le Zebre possono risalire grazie ad un fuorigioco inglese. Nuova touche ai 10 m per Castello e compagni. Avanza la maul ma il possesso é strappato da Batley e ricalciato in rimessa. Bella e lunga azione alla mano delle Zebre al 50° che avanzano ma non concretizzano all'ingresso dei 22 con Bisegni che per poco non ricicla per Boni. Ci provano i Bears con la bella corsa sull'out desto di Pincus, fermato dai difensori italiani. E’ ancora l'indisciplina inglese a dare opportunità alle Zebre. Il 7° fallo dei Bears regala la rimessa bianconera che purtroppo non é controllata. Ci pensa Palazzani dopo alcune fasi a recuperare l'ovale sporcato da Smith sul punto d’incontro prima di un altro fallo di Bristol in mischia chiusa. Le Zebre optano per il drive e poi per la carica di Zilocchi. I bianconeri giocano bene tante fasi sui 5 metri prima che Bisegni sia portato fuori sull'out destro. Murphy chiede aiuto al TMO con l'in avanti volontario che costa il giallo a Sheedy. Le Zebre però non sfruttano la rimessa in superiorità numerica. Entra Ortis per Krumov con Bristol che accelera sfruttando il gioco rotto trovando la meta in inferiorità con Uren dopo una corsa di 50 metri. Rispondono subito le Zebre che arrivano sui 22 ma Boni non riesce ad innescare il sostegno di Tauyavuca. E' Biagi a recuperare l'ovale con un grillotalpa; l'azione si sviluppa con un'invenzione di Canna al piede per se stesso che lo porta in meta. Il TMO l'annulla per un precedente in avanti. Ristabilita la parità numerica in campo, arriva il terzo fallo in mischia a favore per le Zebre che ci riprovano con la rimessa. Tante cariche bianconere con Canna che ribalta il lato e trova Boni che segna la terza meta italiana. Ancora il TMO protagonista ad annullare un’altra meta per un in avanti, questa volta dei Bears. L’ultima azione parte da una mischia delle Zebre alla determinata ricerca della quarta meta che varrebbe il punto di bonus. Brummer trova un bel break con Palazzani che cerca d'innescarsi da solo al piede, fermato in modo dubbio dalla difesa inglese. Bristol invece di calciare fuori gioca a tempo scaduto e perde l'ovale ma le Zebre non riescono a trovare in varco dopo tanti pericolosi raccogli e vai. Gli ospiti addirittura rischiano di subire la meta inglese; Canna con uno scatto riesce a fermare Pincus ai 5 metri nell’ultimo atto della sfida.

Le Zebre si ritroveranno lunedì 15 Ottobre 2018 alla Cittadella del Rugby di Parma per preparare la prossima gara ufficiale. Sabato prossimo 20 Ottobre i bianconeri ospiteranno gli inglesi Bristol Bears allo Stadio Lanfranchi di Parma nel secondo turno del girone 4 della coppa europea EPCR Challenge Cup.

 


 

EPCR Challenge Cup 2018/19, il calendario della Pool 4: 

Round 1

Sabato 13 Ottobre 2018, ore 15.00 – Bristol Bears vs Zebre Rugby Club 43-22 (5-0)

Sabato 13 Ottobre 2018, ore 15.00 – Enisei-STM vs Stade Rochelais 21-82 (0-5)

Round 2:

Venerdì 19 Ottobre 2019, ore 20.00 - Stade Rochelais vs Enisei-STM 

Sabato 20 Ottobre 2018, ore 15.00 – Zebre Rugby Club vs Bristol Bears

Round 3:

Sabato 8 Dicembre 2018, ore 15.00 – Enisei-STM vs Zebre Rugby Club

Sabato 8 Dicembre 2018, ore 15.00 – Bristol Bears vs Stade Rochelais 

Round 4:

Sabato 15 Dicembre 2018, ore 16.00 – Zebre Rugby Club vs Enisei-STM

Sabato 15 Dicembre 2018, ore 21.00 – Stade Rochelais vs Bristol Bears

Round 5:

Venerdì 11 Gennaio 2019, ore 20.00 – Stade Rochelais vs Zebre Rugby Club

Sabato 12 Gennaio 2019, ore 15.00 – Enisei-STM vs Bristol Bears

Round 6:

Sabato 19 Gennaio 2019, ore 16.00 – Zebre Rugby Club vs Stade Rochelais

Sabato 19 Gennaio 2019, ore 15.00 – Bristol Bears vs Enisei-STM

 

La classifica del girone 4 della Challenge Cup dopo il primo turno: Bristol Bears e Stade Rochelais 5, Zebre Rugby Club e Enisei-STM 0

 

 
CHALLENGE CUP: SCELTI I LEONI PER IL MATCH D’ESORDIO CONTRO GRENOBLE PDF Print E-mail
Campionati
Friday, 12 October 2018 15:58
There are no translations available.

banner sito

Domani pomeriggio ore 15:00 allo Stadio Monigo avrà inizio l’avventura in European Rugby Challenge Cup del Benetton Rugby impegnato contro l’FC Grenoble.

I Leoni, che nello scorso match di Guinness PRO14 vinto contro i Southern Kings hanno perso per infortunio Ioane, McKinley e Steyn, si preparano ad affrontare il club francese che in questo inizio di TOP14 ha collezionato due vittorie e cinque sconfitte nei sette match finora disputati.

La gara verrà diretta dall’arbitro inglese Craig Maxwell Keys e dagli assistenti connazionali Andrew Jackson e Phil Watters.

Coach Crowley cambia tre sole pedine rispetto al XV schierato lo scorso weekend scegliendo una linea dei trequarti che ad estremo vedrà Jayden Hayward coadiuvato nel triangolo allargato dalle ali Ratuva Tavuyara e Tommaso Benvenuti. I centri saranno Ignacio Brex e Luca Morisi che vestiranno rispettivamente le maglie numero 13 e 12.

Apertura affidata a Tommaso Allan e mediana a Dewaldt Duvenage.

Nel pacchetto di mischia la prima linea sarà composta da Nicola Quaglio, Luca Bigi e Marco Riccioni. Seconda linea con Alessandro Zanni e Federico Ruzza. Infine in terza i flanker saranno Sebastian Negri e Marco Lazzaroni, chiuderà il pack con il numero 8 capitan Robert Barbieri.

BENETTON RUGBY:
15 Jayden Hayward, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Ignacio Brex, 12 Luca Morisi, 11 Tommaso Benvenuti, 10 Tommaso Allan, 9 Dewaldt Duvenage, 8 Robert Barbieri (C), 7 Marco Lazzaroni, 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Alessandro Zanni, 3 Marco Riccioni, 2 Luca Bigi, 1 Nicola Quaglio.

A disposizione:
16 Hame Faiva, 17 Cherif Traore, 18 Tiziano Pasquali, 19 Irné Herbst, 20 Marco Barbini, 21 Edoardo Gori, 22 Antonio Rizzi, 23 Alberto Sgarbi

Head Coach: Kieran Crowley

Indisponibili: Tomas Baravalle, Giorgio Bronzini, Dean Budd, Angelo Esposito, Ornel Gega, Monty Ioane, Engjel Makelara, Nasi Manu, Ian McKinley, Luca Sperandio, Abraham Steyn, Federico Zani

Arbitro: Craig Maxwell Keys (ENG)
Assistenti: Andrew Jackson (ENG), Phil Watters (ENG)
Citing Commissioner: Wayne Sheridan (IRFU)
TMO: Geoff Warren (ENG)

LIVE – La partita potrà essere seguita testualmente sull’applicazione Benetton Rugby e sulla pagina Twitter ufficiale di Benetton Rugby con l’hashtag #BENvGRE

Clicca qui per scaricare dall’App Store l’app ufficiale del Benetton Rugby per iOS

Clicca qui per scaricare da Google Play l’app ufficiale del Benetton Rugby per Android

BIGLIETTERIA – Le biglietterie dello Stadio Monigo saranno aperte dalle 12:45.

Clicca qui per acquistare i biglietti: https://goo.gl/axpi3W

EVENT SPONSOR – Event sponsor di giornata sarà OROBASILICO, che personalizzerà l’area hospitality e premierà i tifosi estratti al termine del match.

CORRIDOIO – A fare il corridoio nel pre partita e giocare nell’intervallo saranno le categorie Under 10-12 Montebelluna Rugby Junior ADS e Vittorio Veneto Rugby ASD

BABYSITTING GRATUITO (2-10 ANNI) CON POLPETTA dalle ore 13.30 i bambini avranno la possibilità di partecipare ai laboratori ed alle attività con lo staff di Oro Basilico.

 
  • «
  •  Start 
  •  Prev 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  7 
  •  8 
  •  9 
  •  10 
  •  Next 
  •  End 
  • »


Page 1 of 158

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube

ticketing2018

banner live TOP12 neg

Banner Sito Federugby

banner_pdf

 


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito