Guinness PRO14


LE SCELTE DI COACH CROWLEY PER LA GARA CONTRO AGEN PDF Stampa E-mail
Campionati
Venerdì 11 Gennaio 2019 13:27

age

 

 

Dopo le quattro vittorie consecutive in Guinness PRO14, per i Leoni biancoverdi arrivano gli ultimi due turni di European Rugby Challenge Cup decisivi per il passaggio del turno. Due squadre francesi per decidere il destino degli uomini di coach Crowley che domani, allo Stadio Monigo ore 15:00, affronteranno l’Agen Rugby.

A dirigere il match sarà l’arbitro scozzese Ben Blain insieme agli assistenti suoi connazionali Finlay Brown e Hollie Davidson.

Il XV iniziale dei Leoni vedrà sulle ali Ratuva Tavuyara e Monty Ioane, a chiudere il triangolo allargato ad estremo ci sarà Luca Sperandio. Reparto dei centri composto da Marco Zanon e Luca Morisi. In mediana Tito Tebaldi sarà affiancato da Ian McKinley.
Il pacchetto di mischia vedrà in prima linea i piloni Nicola Quaglio e Tiziano Pasuali, insieme al tallonatore Luca Bigi. Seconda linea composta dalla coppia Irné Herbst e capitan Dean Budd. In terza linea agiranno i flanker Sebastian Negri e Marco Lazzaroni, chiuderà il reparto degli avanti con il numero 8 l’esordiente Toa Halafihi.

Benetton Rugby:
15 Luca Sperandio, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Marco Zanon, 12 Luca Morisi, 11 Monty Ioane, 10 Ian McKinley, 9 Tito Tebaldi, 8 Toa Halafihi, 7 Marco Lazzaroni, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd (C), 4 Irné Herbst, 3 Tiziano Pasquali, 2 Luca Bigi, 1 Nicola Quaglio

A disposizione:
16 Tomas Baravalle, 17 Alberto De Marchi, 18 Simone Ferrari, 19 Marco Fuser, 20 Federico Ruzza, 21 Giorgio Bronzini, 22 Antonio Rizzi, 23 Tommaso Iannone

Head Coach: Kieran Crowley

Indisponibili: Derrick Appiah, Robert Barbieri, Marco Barbini, Ornel Gega, Nasi Manu, Giovanni Pettinelli, Marco Riccioni, Abraham Steyn, Federico Zani.

Agen:

15 Loris Tolot, 14 Benito Masilevu, 13 Johann Sadie, 12 Sam Vaka, 11 Fouad Yaha, 10 Léo Berdeu, 9 Hugo Verdu, 8 Loic Hocquet, 7 Yoan Tanga, 6 Facundo Bosch, 5 Tom Murday (C), 4 Andrès Zafra, 3 Alex Burin, 2 Paula Ngauamo, 1 Giorgi Tetrashvli

A disposizione:

16 Marc Barthomeuf, 17 Maxime Radaeli, 18 Xérom Civil, 19 Mickael De Marco, 20 Romain Briatte, 21 Lucas Rubio, 22 Thomas Vincent, 23 Nicolas Metge

Head coach: Philippe Sella

Arbitro: Ben Blain (SRU)
Assistenti: Finlay Brown (SRU), Hollie Davidson (SRU)
TMO: Neil Patterson (WRU)

LIVE – La partita potrà essere seguita testualmente sull’applicazione Benetton Rugby e sulla pagina Twitter ufficiale di Benetton Rugby con l’hashtag #BENvAGE

Clicca qui per scaricare dall’App Store l’app ufficiale del Benetton Rugby per iOS

Clicca qui per scaricare da Google Play l’app ufficiale del Benetton Rugby per Android

BIGLIETTERIA – Le biglietterie dello Stadio Monigo saranno aperte dalle 13:00.

Clicca qui per acquistare i biglietti: https://goo.gl/RXbrhw

EVENT SPONSOR – Event sponsor di giornata sarà PETAS, che personalizzerà l’area hospitality e premierà i tifosi estratti al termine del match.

CORRIDOIO – A fare il corridoio nel pre partita e giocare nell’intervallo saranno le categorie Under 8-10-12 dell’ASD Rugby Paese e Ruggers Tarvisium ASD

BABYSITTING GRATUITO (2-10 ANNI) CON POLPETTA dalle ore 14:30 i bambini avranno la possibilità di partecipare ai laboratori ed alle attività con lo staff di Oro Basilico.

 

 
BIAGI GUIDERA’ LE ZEBRE VENERDI SERA A LA ROCHELLE NELLA SFIDA DI CHALLENGE CUP COI FRANCESI PDF Stampa E-mail
Campionati
Giovedì 10 Gennaio 2019 13:43

 

 Biagi Zebre Bristol 1819

Parma, 10 Gennaio 2019 – Le Zebre hanno lasciato stamane Parma in direzione della costa atlantica della Francia dove domani sera affronteranno lo Stade Rochelais nella coppa europea Challenge Cup. E’ la seconda volta che la franchigia federale sfida i giallo-neri francesi allo Stade Deflandre di La Rochelle, dopo la gara della stagione 2015/16 chiusa con la vittoria dei padroni di casa 27-19. La gara di domani è valida per il quinto e penultimo turno del girone 4 e mette di fronte le prime due forze del girone, separate solo da un punto dopo i primi quattro turni chiusi con tre vittorie per ciascuno.

La sfida di ritorno è prevista sabato 19 Gennaio a Parma, dove la formazione francese è stata sconfitta 25-5 tre anni fa. I padroni di casa arrivano alla sfida dopo la sconfitta a Clermont in Francia, ma occupano sempre la terza posizione del massimo torneo francese TOP14 con dieci successi e quattro sconfitte. I bianconeri invece sono reduci da tre sconfitte consecutive nel Guinness PRO14; due contro il Benetton e quella di domenica scorsa contro i sudafricani Cheetahs al Lanfranchi.

A due turni dalla fine della fase a gironi le due squadre –insieme agli inglesi Bristol Bears che affrontano due volte la cenerentola russa Enisei-STM- sono in lizza per il passaggio del turno che vedrà le prime di ogni girone e le tre migliori seconde qualificarsi per i quarti di finale ad Aprile; traguardo mai raggiunto da una formazione italiana. Sono stati almeno 17 i punti necessari nelle ultime quattro edizioni per qualificarsi alla fase ad eliminazione diretta come terza miglior seconda.

Per l’importante sfida in riva all’Oceano Atlantico lo staff tecnico diretto da coach Bradley ha optato per sei cambi nel XV iniziale, con alcuni atleti che tornano a disposizione dopo aver saltato l’ultima sfida. Forze fresche dall’infermeria dove esce Meyer: il flanker siederà in panchina insieme al compagno di reparto Tauyavuca, a riposo domenica scorsa. Di Giulio invece guadagna la maglia da titolare all’ala al pari del pilone sinistro Ah-Nau. Le altre novità nella formazione inziale riguardano Boni che farà coppia con De Battista nei centri come nell’ultima sfida di coppa vinta a Parma contro i russi il 15 Dicembre. Altresì Brummer partirà titolare all’apertura come Luus in prima linea e Biagi in seconda. L’italo-scozzese sarà alla sua presenza numero 98, la quarantesima nella classifica dei capitani di tutti i tempi del club dove ha nel mirino l’ex compagno Bortolami, leader con 49.

In totale sono sei gli Azzurri selezionati ieri dall’Italia convocati per la sfida di domani sera nella lista gara delle Zebre, quattro titolari con Zilocchi e Canna in panchina. Di contro coach Gibbes –ex conoscenza delle Zebre sulla panchina di Ulster la scorsa stagione- schiera una formazione iniziale con l’ex Allblacks Vito come capitano ed i due piloni freschi di convocazione di Brunel nella Francia per il prossimo Sei Nazioni al pari del centro Doumayrou. L’estremoMurimurivalu difende invece i colori della nazionale di Fiji ed ha sfidato già due volte le Zebre, andando in meta nella gara in Francia.

La formazione dello Zebre Rugby Club che venerdì 11 Gennaio alle ore 20 scenderà in campo contro lo Stade Rochelais allo stade Marcel Deflandre di La Rochelle (Francia) nel quinto turno della European Rugby Challenge Cup:

15 Edoardo Padovani*
14 Paula Balekana
13 Tommaso Boni*
12 Nicolas De Battista
11 Gabriele Di Giulio*
10 Francois Brummer
9 Guglielmo Palazzani
8 Jimmy Tuivaiti,
7 Giovanni Licata*
6 Maxime Mbandà*
5 George Biagi (cap)
4 Samuele Ortis*
3 Eduardo Bello
2 Luhandre Luus*
1 Cruze Ah-Nau

a disposizione
16 Massimo Ceciliani*
17 Daniele Rimpelli*
18 Giosuè Zilocchi*
19 Apisai Tauyavuca
20 Johan Meyer
21 Joshua Renton
22 Jamie Elliott
23 Carlo Canna

All.Michael Bradley

Non disponibili per infortunio: Mattia Bellini, Oliviero Fabiani, Renato Giammarioli*, Leonard Krumov*, Matteo Minozzi*, Marcello Violi*

*è/è stato membro dell’Accademia FIR “Ivan Francescato”

Stade Rochelais: Murimurivalu, Retiere, Plessis-Couillaud, Doumayrou, Andreu, West, Bales; Vito (cap), Gourdon, Liebenberg, Nailiko, Tanguy, Atonio, Orioli, Priso (A disposizione: Forbes, Corbel, Joly, Sazy, Veivuke, Giollot, Lafage, Barry)All. Gibbes

Arbitro: Craig Maxwell-Keys (Rugby Football Union)

Assistenti: Adam Leal e Paul Dix(Rugby Football Union)

TMO: Trevor Fisher(Rugby Football Union)

Nessuna copertura televisiva in Italia della sfida. Diretta testuale del punteggio sull'account Twitter ufficiale delle Zebre Rugby con hashtag della gara #SRvZEB


EPCR Challenge Cup 2018/19 Pool 4, il calendario: 

Round 1

Sabato 13 Ottobre 2018 – Bristol Bears vs Zebre Rugby Club 43-22 (5-0)

Sabato 13 Ottobre 2018 – Enisei-STM vs Stade Rochelais 21-82 (0-5)

Round 2: 

Venerdì 19 Ottobre 2019 - Stade Rochelais vs Enisei-STM 64-26 (5-1)

Sabato 20 Ottobre 2018 – Zebre Rugby Clubvs Bristol Bears 20-17 (4-1)

Round 3:

Sabato 8 Dicembre 2018, ore 15.00 – Enisei-STM vs Zebre Rugby Club 14-31 (0-5)

Sabato 8 Dicembre 2018, ore 15.00 – Bristol Bears vs Stade Rochelais 22-35 (1-5)

Round 4: 

Sabato 15 Dicembre 2018, ore 16.00 – Zebre Rugby Clubvs Enisei-STM 58-14 (5-0)

Sabato 15 Dicembre 2018, ore 21.00 – Stade Rochelais vs Bristol Bears 3-13 (0-4)

Round 5: 

Venerdì 11 Gennaio 2019, ore 20.00 – Stade Rochelais vs Zebre Rugby Club

Sabato 12 Gennaio 2019, ore 15.00 – Enisei-STM vs Bristol Bears

Round 6: 

Sabato 19 Gennaio 2019, ore 16.00 – Zebre Rugby Clubvs Stade Rochelais

Sabato 19 Gennaio 2019, ore 15.00 – Bristol Bears vs Enisei-STM

La classifica del girone 4 della Challenge Cup dopo i primi tre turni: Stade Rochelais 15, Zebre Rugby 14, Bristol Bears 11, Clube Enisei-STM 1


Lo Stade Rochelais (www.staderochelais.com) è uno dei più antichi club francesi fondato nel 1898. Negli anni 2000 i gialloneri della costa atlantica sono risaliti due volte nel massimo campionato transalpino Top14 l’ultima volta nell’estate 2014. Nella stagione 2015-16 sono già stati avversari delle Zebre sempre nella Challenge Cup, con una vittoria per parte. Nella stagione successiva il XV guidato da Collazo ha chiuso la stagione regolare del massimo campionato francese al primo posto, perdendo però la semifinale contro il Tolone. La stagione appena conclusa ha visto i francesi chiudere al settimo posto, ad un passo dai playoff distanti solo due punti. Nella EPCR Champions Cup dell’anno scorso invece hanno vinto il girone 1 davanti a Wasps, Ulster ed Harlequins perdendo però il quarto di finale contro gli Scarlets.

Nei due precedenti:

11/12/2015 – La Rochelle v Zebre Rugby     27-19

19/12/2015 - Zebre Rugby v La Rochelle      25-5

 

 
IL 2019 DELLE ZEBRE SI APRE CON UNA SCONFITTA, I CHEETAHS SUDAFRICANI PASSANO 27-12 A PARMA PDF Stampa E-mail
Campionati
Domenica 06 Gennaio 2019 16:56

  Canna Zebre Cheetahs 1819

  [Un break di Canna nella sfida del Lanfranchi - Amarcord FotoVideo] 

I bianconeri hanno aperto il loro 2019 ospitando a Parma per la seconda volta nella loro storia i sudafricani Cheetahs. La sfida metteva di fronte le due cenerentole del girone A, separate solo da un punto al giro di boa della stagione del Guinness PRO14.Dopo due sconfitte nella passata stagione, le Zebre non sono riuscite a battere per la prima volta il XV di coach Franco Smith –ex conoscenza del rugby italiano a Modena, Bologna e Treviso- vedendo scappare gli avversari in classifica a +6. Ora, dopo l’ultima parentesi del girone 4 della coppa europea EPCR Challenge Cup che vedrà la franchigia federale sfidare due volte in 8 giorni i francesi dello Stade Rochelais, il calendario del Guinness PRO14 proporrà la stessa sfida odierna tra Zebre e Ghepardi a campi invertiti. Infatti il 26 Gennaio il XV di coach Bradley è atteso al Toyota Stadium di Bloemfontein in un’altra sfida decisiva tra le due squadre per la classifica del girone A, con le Zebre alla ricerca del loro secondo successo nell’Emisfero Sud dopo la vittoria contro i Kings colta al Mandela Stadium il 23 Settembre 2017.

Parma (Italia) – 6 Gennaio 2019
Guinness PRO14 2018/2019, Round 13

Zebre Rugby Club Vs Cheetahs 12-27 (p.t. 12-12)

Marcatori:19’ m Van Rensburg tr Shoeman (0-7); 23’ m Maxwane (0-12); 29’ m Padovani (5-12); 32’ m Bisegni tr Canna (12-12); s.t.3’ m Van Rensburg (12-17); 36’ m Venter (12-22);  39’ m Maartens (12-27);

Zebre Rugby Club: Padovani (20’ s.t. Brummer), Balekana, Bisegni, De Battista (13‘ s.t. Boni), Elliott, Canna, Palazzani (1’ s.t. Renton); Tuivaiti, Licata, Mbandà (20’ s.t. Bianchi), Ortis, Sisi (cap.) (18’ s.t. Biagi), Bello (14‘ s.t. Zilocchi); Ceciliani (1’ s.t. Luus), Lovotti (18’ s.t. Rimpelli); All.Bradley

Cheetahs: Jaer, Small-Smith, van Rensburg, Lee, Maxwane (21’ s.t. Paige), Schoeman, Meyer (cap); Maartens, Pokomela (28’ s.t. Fouche), Olivier (28’ s.t. Nonkontwana), du Preez (17’ s.t. Steenkamp), Basson (17’ s.t. Manjezi), Coetzee (17’ s.t. De Bruin), Dweba (31’ s.t. Venter), Nche (17’ s.t. Marais) All.Smith

Arbitro: Dan Jones (Welsh Rugby Union)

Assistenti: Aled Evans (Welsh Rugby Union) e Gianluca Gnecchi (Federazione Italiana Rugby)

TMO: Stefano Roscini (Federazione Italiana Rugby)
Calciatori:Canna (Zebre Rugby Club) 1/2;  Schoeman (Cheetahs) 1/5,
Cartellini:al 34° s.t. giallo a Biagi (Zebre Rugby Club)
Man of the match: Shoeman (Cheetahs)

Punti in classifica: Zebre Rugby Club 0, Cheetahs 5

Note: Cielo sereno. Temperatura 7°. Campo in buone condizioni. Spettatori 1700.

Commento: 

Cronaca: Dopo 10 minuti in cui le Zebre non sfruttano due rimesse nei 22 frutto dell’indisciplina ospite sul punto d’incontro, sono i Cheetahs a colpire. Dopo una mischia l’aggressiva difesa ospite recupera l’ovale e innesca la bella linea di corsa di Van Rensburg che segna al 13°. I ghepardi sono di nuovo nei 22 al 23° con una bella azione avanzante partita da un fallo italiano nei 22 opposti. Faticano le Zebre ad arginare le fasi avanzanti che portano l’ala Maxwane a segnare alla bandierina portando i suoi oltre break. Il XV del Nord-Ovest ricuce al 29°: dopo un break di Maxwane, l’ala sudafricana ricicla per Mbandà col flanker azzurro che innesca il veloce contrattacco che porta in meta Padovani. Le Zebre pareggiano poco dopo: una splendida azione avanzante dai 22 di casa vede De Battista ad accelerare e servire Bisegni per la facile meta sotto i pali. La trasformazione di Canna fissa 12-12 alla mezz’ora. Le Zebre potrebbero chiudere avanti il primo tempo ma un fallo a tempo scaduto viene calciato in touche con l’ovale perso dopo un avanzamento del drive.

Stesso copione del primo tempo ad inizio ripresa con i Cheetahs a segnare alla bandierina al primo assalto e a ritrovare il vantaggio con la meta di Van Rensburg alla bandierina. Le Zebre non riescono a rendersi pericolose con una touche ai 5 metri mentre l’indisciplina zebrata costa territorio al 55°: secondo fallo contro in mischia e Sweba può lanciare due volte nei 22. La maul è fermata con Schoeman che perde l’ovale in avanti sulla linea di meta. Sull’altro versante faticano le Zebre a rendersi pericolose su due lanci di gioco da rimessa quando si arriva all’ora di gioco al Lanfranchi. Le Zebre pagano tanta indisciplina nell’equilibrata sfida di Parma, ma la difesa di casa tiene in partita la franchigia federale fermata al 71° da un passaggio in avanti dopo il break di Canna. I bianconeri chiudono la sfida in 14 a colpa del cartellino giallo sventolato a Biagi dopo cinque falli del pack in pochi minuti tra mischia chiusa e touche. I Cheetahs sfruttano la superiorità trovando la quarta meta col drive segnata da Venter che chiude la sfida del Lanfranchi. A tempo scaduto arriva anche la quinta meta di Maartens che capitalizza un’altra touche ai 5 metri chiudendo il match sul 12-27.

Clicca e ascolta il coach Bradley e capitan Sisi nella conferenza stampa post partita in sala stampa allo Stadio Lanfranchi

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma martedì 8 Gennaio 2019 in vista del match di venerdì 11 Gennaio 2019. I bianconeri saranno impegnati allo Stade Marcel Deflandre di La Rochelle (Francia) contro i francesi dello Stade Rochelais nel quinto turno del girone 4 della EPCR Challenge Cup.

 

 
A MONIGO I LEONI SUPERANO I GLASGOW WARRIORS 20 A 17 PDF Stampa E-mail
Campionati
Sabato 05 Gennaio 2019 19:16

008-7D2 5794

 

 

Marcatori: 13’ meta Budd tr. Allan, 25’ meta Johnson tr. Hastings, 28’ meta Budd, 40’ meta Horne tr. Hastings, 51’ meta Steyn, 62’ p. Hastings, 67’ p. Allan

Note: 3800 spettatori

Benetton Rugby:

15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Tommaso Benvenuti (59’ Marco Zanon), 12 Luca Morisi, 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan (71’ Ian McKinley), 9 Dewaldt Duvenage (71’ Tito Tebaldi), 8 Abraham Steyn, 7 Giovanni Pettinelli (59’ Marco Lazzaroni), 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd (C), 4 Irné Herbst (76’ Federico Ruzza), 3 Simone Ferrari (55’ Tiziano Pasquali), 2 Hame Faiva (19’ Tomas Baravalle) (32’ Hame Faiva ) (55’ Tomas Baravalle), 1 Nicola Quaglio (55’ Cherif Traore)

Head Coach: Kieran Crowley

Glasgow Warriors:

15 Ruairdh Jackson, 14 Robbie Nairn (54’ Lee Jones), 13 Stafford McDowall, 12 Sam Johnson, 11 Niko Matawalu, 10 Adam Hastings (75’ Brandon Thomson), 9 George Horne (54’ Nick Frisby) (63’ George Horne), 8 Adam Ashe, 7 Chris Fusaro (63’ Matt Smith), 6 Ryan Wilson (C), 5 Scott Cummings, 4 Tim Swinson (54’ Rob Harley), 3 Siua Halanukonuka (40’ D’Arcy Rae), 2 Grant Stewart (75’ Kevin Bryce), 1 Jamie Bhatti (54’ Alex Allan)

Head coach: Dave Rennie

Arbitro: Joy Neville (IRFU)
Assistenti: Frank Murphy (IRFU), Gabriel Chirnoaga (FIR)
TMO: Alan Falzone (FIR)

Allo Stadio Monigo nonostante le basse temperature una calorosa cornice di pubblico ha accolto i Leoni biancoverdi nel primo match del 2019.

Gli uomini di coach Crowley sin dai primi minuti sono in controllo del match nel tentativo di imporre il proprio gioco. All’8’ tenuto fischiato dall’arbitro Neville contro Glasgow con Allan che va in touche sui 5 m scozzesi. Dalla rimessa i Leoni raccolgono l’ovale che purtroppo non riescono poi a liberare ed il possesso torna così ai Warriors.

Al 13’ buona occasione all’altezza dei 5 m avversari per i Leoni che tentano un intercetto recuperando l’ovale e provano ad approfittarne grazie anche gli offload di Morisi e Negri. Si torna sulla mischia precedente e dopo una serie di pick and go i Leoni vanno in meta con capitan Budd, Allan trasforma.

Gli scozzesi provano subito a farsi sotto ed al 20’ da una mischia sui 5 m biancoverdi trovano la meta con il centro Jonhson, Hastings trasforma dalla piazzola. Trascorrono alcuni minuti e Budd e compagni replicano con un bellissimo contrattacco sull’out di sinistra condotto da Ioane e Steyn, l’ovale si sposta sulla destra con Benvenuti che trova un ottimo varco. Glasgow commette fallo in ruck ed Allan sceglie così di andare in touche sui 5 m ospiti. Baravalle va al lancio ma Negri subisce fallo e si torna nuovamente in rimessa laterale. Dal tentativo di creare una maul, capitan Budd si stacca, si allunga e va in meta per la seconda volta; Allan dalla piazzola non è preciso.

Al 37’ scozzesi che sfruttano il fuorigioco commesso da Pettinelli per andare in touche sui 5 m dei Leoni. Dal tentativo di gioco, turnover in favore dei Leoni. Allo scadere una più che buona giocata personale di Johnson che gli permette di evitare due avversari e servire Horne permettendogli di andare a schiacciare in meta. Hastings da posizione favorevole trasforma.

Il primo tempo termina con i Glasgow Warriors in vantaggio 14 a 12.

Nella ripresa, precisamente al 47’, gli ospiti ci provano con l’ala Nairn che commette in avanti a ridosso dei 22 m biancoverdi concedendo il possesso ai Leoni.

Al 51’ azione insistita da parte dei padroni di casa che trovano la meta con Steyn, purtroppo non va la trasformazione di Allan. Poco dopo gli ospiti si ripropongono in avanti ma un’ottima difesa dei Leoni, a ridosso della linea di meta, riesce a respingere l’avanzata scozzese. La cosa riesce parzialmente al 61’ quando viene concesso un calcio di punizione che Hastings non sbaglia portando il punteggio in parità.

Al 67’ mischia in favore dei Leoni davanti i pali del Glasgow. Padroni di casa che provano a giocarla ma Esposito commette in avanti. Si torna indietro in virtù del vantaggio concesso in precedenza, i Leoni scelgono di andare per i pali ed Allan fa +3.

Due minuti più tardi Warriors dentro i 22 m biancoverdi che provano con un multifase di andare in meta, ci riescono ma l’ovale è tenuto alto. Così dalla mischia in favore degli scozzesi davanti i pali biancoverdi, gli ospiti provano a giocarla ma commettono in avanti nella trasmissione.

Al 78’ dopo la liberazione di Tebaldi, Glasgow ancora in avanti e ne scaturisce un calcio di punizione in loro favore. Questa volta scelgono i pali ma Thomson fa posizione favorevole calcia fuori.

Sulla ripresa del gioco il calcio di McKinley viene raccolto da Rae che perde il pallone in avanti poi raccolto da un suo compagno di squadra ed è quindi fuorigioco. McKinley prova ad andare per i pali ma il suo calcio è corto.

I Warriors in possesso del gioco provano fase dopo fase a guadagnare terreno ma l’ovale viene poi perso, Baravalle lo raccoglie e lo calcia fuori decretando di fatto la fine del match.

I Leoni superano i Glasgow Warriors 20 a 17.

 

 
DOPO LA RASATURA DEI CAPELLI, I LEONI INDOSSERANNO ANCHE UNA MAGLIA PER NASI MANU PDF Stampa E-mail
Campionati
Venerdì 04 Gennaio 2019 17:33

 

 

001-7D2 5207

Il Benetton Rugby dopo la rasatura dei capelli, che ha visto giocatori e staff biancoverdi compiere un gesto simbolico di assoluta vicinanza al Leone Nasi Manu (operato lo scorso 31 agosto dall’equipe del reparto di urologia dell’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso a causa di una neoformazione all’apparato uro-genitale ed ora sottoposto a cicli di chemioterapia, ndr), ha deciso di non fermarsi qui.

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

Ecco che i Leoni, in vista delle prossime gare casalinghe, vestiranno nel riscaldamento una maglia emblematica sulla quale sono riportati 3 elementi chiave: sul fronte in basso a destra è presente il numero 8, solitamente indossato da Nasi, e sul retro un Leone in stile maori sinonimo di forza e coraggio accompagnato dalla frase anch’essa in maori “Oku Mau Poupou’i Koe Kihe Ngata’anga” che tradotta in italiano significa “Ti supportiamo fino in fondo”.

Al termine della stagione sportiva le maglie verranno messe all’asta ed il ricavato verrà interamente devoluto all’Istituto Oncologico Veneto (nel quale Nasi Manu sta effettuando le sue cure, ndr) per finanziare un progetto destinato alla lotta contro le neoplasie dell’apparato uro-genitale nei casi di ragazzi in giovane età.

 

fronte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

retro

 

 


Pagina 10 di 114
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito