ITALRUGBY, SMITH: "DURA LEZIONE CONTRO IL GALLES. IMPORTANTE ANALISI VIDEO NEI PROSSIMI GIORNI" PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 01 Febbraio 2020 20:52

smith franco gennaio2020Cardiff (Galles) – Termina con un 42-0 in favore del Galles il primo match al Guinness Sei Nazioni dell’Italrugby che al Principality Stadium di Cardiff è stata superata dai campioni in carica del torneo.

“Ci sono state buone cose da parte nostra – ha dichiarato Franco Smith – ma è innegabile che abbiamo commesso degli errori. Dobbiamo sfruttare al meglio le occasioni a nostro favore. Nei punti di incontro abbiamo perso troppo spesso la palla, fattore che deve cambiare nelle prossime partite. Abbiamo giocato contro una delle migliori squadre in questa competizione, se non la più forte. Hanno meritato la vittoria. Adesso con l’analisi video della partita nella prossima settimana possiamo andare a correggere alcuni errori. E’ una dura lezione, ma ci sono anche cose positive”.

“Abbiamo creato spazio per le ali, mosso bene la palla senza concretizzare. I ragazzi stanno assimilando gli schemi step by step. Il Galles con Pivac ha già giocato contro i Barbarians, questa per noi è la prima partita insieme”.

“Nel rugby in Italia alla base c’è un gran lavoro. Ci sono tanti giocatori interessanti. Non è una scusante, ma oggi abbiamo giocato contro una squadra che è arrivata nella semifinale del Mondiale. Sono convinto che questo gruppo in futuro può dire la sua” ha dichiarato Smith.

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELLA CONFERENZA DI SMITH E BIGI

“La squadra ha lavorato duro in campo. I due esordienti hanno fanno una partita di sostanza. Abbiamo concesso qualche calcio piazzato di troppo. Avremo a disposizione la prossima settimana per valutare cosa non ha funzionato e cercare di cambiare direzione” ha sottolineato Luca Bigi, capitano azzurro.

 


Pagina 11 di 477
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito