CONTINENTAL SHIELD, UFFICIALIZZATO IL CALENDARIO 2018/19 PDF Stampa E-mail
Campionati
Giovedì 20 Settembre 2018 11:12

logo epcrAlcuni club da Italia, Georgia e Belgio si affronteranno nel Continental Shield 2018/19 da cui potranno ambire ad aggiudicarsi un pregiato posto nella Challenge Cup.

Quattro rappresentanze del Campionato Italiano di Eccellenza – Argos Rugby Petrarca, Pataro Calvisano, Femi-CZ Rugby Rovigo Delta e GS Fiamme Oro Rugby – saranno affiancate dai RC Locomotive Tbilisi della Georgia e dai rappresentanti belgi del Belgium Rugby Barbarians XV, in due gironi da tre. 

Fare clic QUI  per scaricare i loghi dei club del Continental Shield 

Leggi tutto...
 
TOP12, LE DESIGNAZIONI ARBITRALI DELLA II GIORNATA DI CAMPIONATO PDF Stampa E-mail
Campionati
Mercoledì 19 Settembre 2018 13:52

 

penneRoma - Il CNAR, la Commissione Nazionale Arbitri della FIR, ha reso note le designazioni arbitrali per la seconda giornata del Campionato Italiano TOP12, in calendario sabato 22 settembre.

Esordio stagionale tra le mura amiche per i Campioni in carica dell’Argos Petrarca Rugby che, dopo la vittoria nella stracittadina contro il Valsugana nella prima giornata di campionato, affronteranno nel secondo derby personale della stagione il FEMI-CZ Rovigo reduce da una vittoria sulla Lazio: dirigerà l’incontro Luca Trentin. Altre due sono sfide venete di giornata: il Lafert San Donà ospiterà il Verona, mentre il Mogliano affronterà il Valsugana.

Leggi tutto...
 
SERIE A FEMMINILE: SLITTA AL 2 DICEMBRE LA SETTIMA GIORNATA PDF Stampa E-mail
Campionati
Lunedì 17 Settembre 2018 15:01

 

serie a femminile conferenza 2018 19La Commissione Organizzatrice Gare della FIR ha comunicato lo slittamento della settima giornata del Campionato Nazionale di Serie A Femminile dal 25 novembre al 2 dicembre, data quest’ultima inizialmente prevista come giornata di recupero. Restano, dunque, invariate le date dall’ottava all’ultima giornata della stagione regolare che terminerà il 5 maggio 2019 (barrage 19 maggio; semifinali 26 maggio; finale 1/2 giugno).

Lo spostamento è dovuto alla possibilità da parte della Nazionale Femminile di ospitare un ulteriore test match internazionale nel corso della stagione 2018/19.

CLICCA QUI per scaricare il Calendario Serie A Femminile 2018/19 

 

 
PROVA EROICA DEI LEONI CHE ESCONO SCONFITTI 38 A 29 DAL PARC Y SCARLETS PDF Stampa E-mail
Campionati
Domenica 16 Settembre 2018 05:51

duv

Marcatori: 4’ meta G. Davies tr. Halfpenny, 10’ meta Quaglio tr. Allan, 12’ meta Fonotia tr. Halfpenny, 15’ meta Ferrari tr. Allan, 35’ meta G. Davies, 42’ meta Ioane, 45’ meta Allan tr. Allan, 59’ meta McNicholl tr. Halfpenny, 68’ p. Allan, 79’ meta Prydie tr. Halfpenny.

Note: 26’ rosso a Herbst, 49’ giallo a Faiva

Scarlets:

15 Leigh Halfpenny, 14 Tom Prydie, 13 Kieron Fonotia, 12 Hadleigh Parkes (62’ Paul Asquith), 11 Johnny McNicholl, 10 Dan Jones (47’ Sam Hidalgo-Clyne), 9 Gareth Davies, 8 Blade Thomson, 7 James Davies (17’ Dan Davis), 6 Ed Kennedy, 5 Steve Cummins, 4 Jake Ball (62’ David Bulbring), 3 Samson Lee (52’ Werner Kruger), 2 Ken Owens (C) (66’ Ryan Elias), 1 Phil Price (69’ Wyn Jones)

Head coach: Wayne Pivac

Benetton Rugby:
15 Luca Sperandio, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Marco Zanon (70’ Antonio Rizzi) 12 Luca Morisi, 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan, 9 Dewaldt Duvenage (78’ Giorgio Bronzini), 8 Robert Barbieri (C) (51’ Engjel Makelara), 7 Abraham Steyn, 6 Marco Lazzaroni (54’ Alessandro Zanni)), 5 Marco Fuser (62’ Alberto Sgarbi),, 4 Irné Herbst (4’ Alessandro Zanni) (18’ Irné Herbst), 3 Simone Ferrari (54’ Tiziano Pasquali), 2 Hame Faiva (62’ Marco Barbini), 1 Nicola Quaglio (34’ Cherif Traore)

Head Coach: Kieran Crowley

Al Parc y Scarlets entrambe le squadre cominciano bene ma sono i padroni di casa a passare per primi in vantaggio con la meta di Gareth Davies. Gallesi che recuperano l’ovale sulla metà campo e spostano il gioco sulla sinistra trovando la marcatura del mediano di mischia, Halfpenny trasforma.

Passano pochi minuti ed i Leoni reagiscono conquistando una punizione e portandosi in touche sui 5 m avversari. E’ cosi che al termine di un’azione insistita i biancoverdi trovano la meta con Quaglio, Allan trasforma.

I padroni di casa però rispondono immediatamente con la meta di Fonotia, dalla piazzola Halfpenny colpisce il palo.

I Leoni non mollano e vogliono colmare presto le distanze, con una grande reazione Zanon recupera l’ovale su una ruck dando il via alla volata di Tavuyara. La palla giunge così nelle mani di Ferrari che schiaccia in meta, Allan ancora una volta è preciso.

Al 26’ gli uomini di coach Crowley rimangono in 14 per un fallo commesso da Herbst nella pulizia di una ruck. L’arbitro estrae il cartellino rosso per il seconda linea sudafricano. Dopo pochi istanti i biancoverdi conquistano un calcio di punizione e scelgono di andare per i pali, il calcio di Allan purtroppo è corto.

Gli Scarlets vogliono approfittarne, i Leoni prima mostrano una buona difesa ed evitano il pericolo successivamente però ancora Gareth Davies con un’azione simile a quella vista in occasione della sua prima marcatura ne trova una seconda.

La prima frazione di gioco termina con gli Scarlets in vantaggio 17 a 14

Nella ripresa errore degli Scarlets in costruzione, Duvenage calcia in avanti trovando Ioane che è il più lesto ad intercettare l’ovale e volare in meta. Il calcio di Allan è fuori. I Leoni non si fermano ed al 45’ trovano ancora la via della meta, questa volta la marcatura è di Allan che raccoglie uno splendido assist al piede di Duvenage. Lo stesso n.10 biancoverde trasforma.

Al 49’ i Leoni rimangono temporaneamente in 13 per il giallo a Faiva. Al 56’ un primo attacco degli Scarlets viene respinto dai Leoni, al secondo tentativo però i gallesi vanno in meta con McNicholl e Halfpenny trasforma.

I padroni di casa raddoppiano al 64’ con la meta di Kennedy, l’estremo gallese è preciso dalla piazzola. Allan poco dopo riesce accorciare le distanze dalla piazzola.

A tempo scaduto Scarlets trova la quinta meta con Prydie, la trasformazione di Halfpenny costa un punto ai Leoni.

La gara termina così 38 a 29 in favore dei padroni di casa.

 
SECONDA VITTORIA STAGIONALE AL LANFRANCHI PER LE ZEBRE RUGBY: BLUES SCONFITTI 26 A 24 ALL’ULTIMO MINUTO DI GIOCO PDF Stampa E-mail
Campionati
Sabato 15 Settembre 2018 23:33

 

Tauyavuca Zebre Cardiff 1819

 

Non l’avvio dei sogni per la squadra di Michael Bradley, sotto 21 a 0 primi 10 minuti di gioco. I Blues manifestano fin dal principio le proprie intenzioni, monopolizzando possesso e territorio per tutto il primo quarto d’ora e andando a varcare la linea di meta avversaria in ben tre occasioni. La reazione delle Zebre arriva al 16’ e porta il nome di Carlo Canna, autore di meta e trasformazione. I troppi errori di handling costano caro però ai bianconeri che faticano a trovare continuità nel proprio ritmo offensivo. Ne approfittano i Gallesi che rientrano negli spogliatoi forti di un pesante 7 a 21 nello score. Nella ripresa sono nuovamente gli ospiti a muovere per primi il parziale con un comodo piazzato di Anscombe. Saranno gli ultimi punti dei Britannici. Il finale di gioco è infatti totalmente bianconero, grazie anche al contributo della panchina. Dopo aver schiacciato l’ovale con Meyer (64’) e Brummer (71’), i bianconeri chiuderanno la propria rocambolesca rimonta all’ultimo minuto di gioco con Fabiani. La trasformazione di Canna è imprecisa, ma l’errore non costa caro alle Zebre che vanno a strappare una preziosa vittoria con punto di bonus, imponendosi 26 a 24 sui Cardiff Blues.

Parma (Italia) – 15 Settembre 2018

Guinness PRO14 2018/19, Round 3

Zebre Rugby Club Vs Cardiff Blues 26-24 (p.t. 7-21)

Marcatori: 3’ m Robinson tr Anscombe (0-7); 6’ m Dacey tr Anscombe (0-14); 10’ m Anscombe tr Anscombe (0-21); 16’ m Canna tr Canna (7-21); s.t.53’ cp Anscombe (7-24); 64’ m Meyer tr Canna (14-24); 71’ m Brummer tr Canna (21-24); 80’ m Fabiani (26-24)

Zebre Rugby Club:Padovani, Bellini, Bisegni, Boni (11’ s.t. Castello), Venditti (1’ s.t. Brummer), Canna, Violi (27’ s.t. Palazzani); Giammarioli (22’ Licata), Meyer, Tuivaiti, Biagi (cap) (21’ s.t. Tauyavuca), Sisi, Chistolini (11‘s.t. Zilocchi), Ceciliani (11‘ s.t. Fabiani), Lovotti (21‘ s.t. Rimpelli); All.Bradley

Cardiff Blues:Morgan (34' s.t. Evans); Harries, Smith, Lee-Lo (17' s.t. Millard), Lane; Anscombe, Williams T. (22' s.t. Williams L.); Navidi, Robinson, Turnbull, Thornton (27’ s.t. Cook), Earle (17’ s.t. Williams N.), Lewis (11‘ s.t. Arhip), Dacey (11‘ s.t. Myhill), Thyler (25‘ s.t. Carre); All.Mulvihill

Arbitro: George Clancy (Irish Rugby Football Union)

Assistenti: Johnny Erskine (Irish Rugby Football Union) e Luca Trentin (Federazione Italiana Rugby)

TMO: Stefano Roscini (Federazione Italiana Rugby)

Calciatori: Anscombe (Cardiff Blues) 4/4, Canna (Zebre Rugby Club) 3/4

Man of the match: Carlo Canna (Zebre Rugby Club)

Punti in classifica:  Zebre Rugby Club 5, Cardiff Blues 1

Note: Cielo sereno. Temperatura 23°. Terreno in ottime condizioni. 109° cap per Guglielmo Palazzani, leader assoluto di presenze nella storia della società bianconera.

Cronaca: gli 80’ delle Zebre Rugby cominciano col drop di Carlo Canna. I Blues liberano i propri 22, ma Giammarioli è impreciso in ricezione ed è mischia per la squadra ospite. L’ovale dal pack e i Gallesi feriscono in prima fase col capitano Olly Robinson. Anscombe completa il gioco da 7 punti e al 3’ è già 0 a 7. Chiamati a reagire, i bianconeri si vedono infliggere una seconda pesante marcatura al 6’ dal tallonatore Dacey, pescato da un riciclo di Williams. Anscombe centra i pali ed allunga sul 14 a 0. La ripresa di gioco dei Blues questa volta è più problematica, complice l’aggressività difensiva di Biagi e compagni che difendono la propria metà campo, ripartendo da una touche nei loro 22. Le Zebre provano ad esplorare gli spazi a largo, commettendo però un tenuto-a-terra. Gli avversari rinunciano al piazzato e al 10’ si appoggiano in rimessa laterale. Il lancio è buono, la palla esce e Anscombe beffa la difesa, andando a schiacciare in solitaria sotto i pali. E’ lo stesso numero 10 a trasformare per il 21 a 0. Le Zebre provano a rispondere, ma faticano nel gioco alla mano. Un tenuto-a-terra dei Gallesi concede comunque loro la chance di portarsi per la prima volta all’interno dei 22 avversari. I bianconeri provano a mordere spostando l’ovale lungo entrambi gli out, trovando infine la marcatura con Carlo Canna. Il regista bianconero centra i pali ed accorcia sul 7 a 21. Al quarto d’ora di gioco le Zebre entrano finalmente in partita, impensierendo in più occasioni i rivali con offload e buone linee di corsa. Un break di Bisegni al 18’ accende l’entusiasmo del pubblico, ma l’azione si spegne sull’in-avanti commesso da Biagi. I Britannici ripartono dalla mischia chiusa, ma i bianconeri rispondono “presente” in difesa. I Blues provano a costruire al piede, il calcio di Anscombe però esce direttamente fuori, regalando una touche ai bianconeri al centro del campo. Prima sostituzione per la squadra di Michael Bradley al 21’: fuori Giammarioli dentro Licata, subito propositivo con un’ottima carica avanzante. I padroni di casa provano ad invertire il trend della gara, ma l’indisciplina nei punti d’incontro costa caro e i Gallesi macinano territorio al piede. Il lancio in touche è però storto ed è turnover per Biagi e compagni che ripartono da una mischia chiusa. Canna e Bellini combinano bene, portando l’azione di gioco al limite dei 22 avversari, ma l’in-avanti di Chistolini interrompe il ritmo offensivo. I Blues vincono la battaglia in mischia chiusa, guadagnando una touche nei 22 dei padroni di casa. Biagi ruba il lancio, permettendo al 31' a Boni di attaccare la difesa ospite. Il centro bianconero ricicla per Violi che prova a scappare, calciando per se stesso verso l’area di meta. La retroguardia azzurra rinviene, concedendo però una pericolosa rimessa laterale agli avversari. Biagi è impreciso in ricezione e vanifica l’azione, ma le Zebre dimostrano di aver cambiato marcia, riuscendo a confinare i Gallesi nei loro 22. I Blues si salvano, lucrando sull’indisciplina di Biagi e compagni. Anscombe risale il campo e i Gallesi strappano una mischia chiusa in zona d’attacco, ma le Zebre tornano padrone del possesso nell’ultimo minuto di gioco del primo tempo. Un’ultima fiammata di Licata accende la corsa di Padovani che cerca e trova il sostegno di Violi. La difesa ospite si salva, calciando l’ovale fuori e inducendo l’arbitro al fischio d’interruzione della prima frazione.

Le Zebre danno avvio al proprio secondo tempo ricevendo il drop di Anscombe. I Bianconeri risalgono il campo, cercando immediatamente la marcatura pesante. Canna inventa al piede per Violi, ma il grubber esce dal campo ed  è touche per i Blues. I Gallesi si salvano, ma le Zebre dimostrano di essere uscite dagli spogliatoi con un piglio diverso, rendendosi pericolose a suon di ricicli, andando però a commettere l’ennesimo in-avanti della loro partita al 48’. I Blues guadagnano una penalità in mischia chiusa, l’arbitro indica i pali e alla piazzola si presenta Anscombe. Il calcio è corto e le Zebre possono riprendere a macinare gioco, grazie anche alle nuove forze fresche in campo. Entrano infatti Zilocchi, Fabiani e Castello, rispettivamente per Chistolini, Ceciciliani e Boni. Sono però i rivali a muovere lo score di gara, nuovamente con Anscombe e ancora una volta dalla piazzola. Ospiti oltre il break e avanti 24 a 7 al 54’. Le Zebre non ci stanno e costruiscono per la meta, vanificando però ogni tentativo difensivo sul sealing off di Tuivaiti. Al 59’ arriva il terzo fallo in mischia chiusa per i bianconeri che concedono ai rivali una touche nei 22 offensivi. La difesa del XV del Nord Ovest è battagliera, forzando un tenuto-a-terra al termine di una convincente prova difensiva. Al 63’ è nuovamente chance per le Zebre, nuovamente dentro i 22 avversari dopo una rimessa laterale che punisce l’indisciplina dei Gallesi nel breakdown. Nello sviluppo dell’azione è Meyer a segnare la meta della riapertura dei giochi su una carica nei 5 metri. Canna converte e al 65’ è Zebre 14, Cardiff Blues 24. Al 66’ campo per Guglielmo Palazzani che firma la sua 109° presenza col club bianconero, diventando il giocatore con più caps nella storia delle Zebre. Nell’ultimo quarto i Blues provano a chiudere la pratica, ma i padroni di casa tengono botta in due occasioni in touche. Al 71’ un pallone rubato trasforma l’azione dei bianconeri da difensiva in offensiva. Fabiani carica nei 22 ma viene fermato, l’ovale esce a largo e Padovani sventaglia per Brummer che va a schiacciare la sua prima meta con la maglia delle Zebre Rugby. Canna centra i pali ed accorcia sul 21 a 24, quando il cronometro segna il 73’. Sale l’incitamento del Lanfranchi per i padroni di casa che dovranno però costruire partendo dai propri 22. Castello suona la carica, guadagnando diversi metri in avanzamento. Palazzani libera al piede, il pallone rimane in campo e le Zebre salgono aggressive, inchiodando i rivali nei loro 5 metri. I Blues provano a respirare, ma il calcio è corto e i bianconeri rimangono in zona punti. Il secondo lancio in touche è quello buono e Fabiani va schiacciare all’80’ al termine di una maul ben condotta. Il calcio di Canna è impreciso, così come il drop di ripartenza dei rivali, inducendo il direttore di gara George Clancy al fischio finale per la gioia del pubblico sugli spalti.

Le Zebre si ritroveranno lunedì 17 Settembre 2018 alla Cittadella del Rugby di Parma in vista del 4° turno di Guinness PRO14, in programma sabato 22 Settembre al Rodney Parade di Newport contro i Gallesi Dragons Rugby.

 

 


Pagina 1 di 442

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube

CALENDARIO Guinness PRO14

logo pro14
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR

ticketing2018

banner live TOP12 neg

Banner Sito Federugby

banner_pdf

eccellenza_news

european rugby14

challenge cup

 


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito