DUE GIOCATORI RICHIEDENTI ASILO NEO EDUCATORI SVILUPPO RUGBY PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Lunedì 17 Dicembre 2018 12:37

tre roseIl rugby piemontese scrive un’altra bella pagina di sport ed integrazione… e lo fa con una tanto pregevole quanto significativa iniziativa della squadra multietnica de Le Tre Rose o "Tra brose nere", come ormai è simpaticamente chiamata.

 

Nella sessione di corsi federali appena conclusa, utile al conseguimento dell’abilitazione per insegnare e allenare il rugby nelle categorie Propaganda (dai cinque ai dodici anni), tre atleti tesserati per la squadra casalese hanno superato gli esami per il tesseramento quali allenatori E.S.R. (Educatori Sviluppo Rugby). La bella notizia è che dei tre giocatori neo Educatori, due sono richiedenti asilo perfettamente integrati nel progetto rugbistico de Le Tre Rose. Oltre a MOIO Samuele, infatti, hanno superato il corso federale SANNEH Lamin, nato in Gambia il 23.05.1998, alla sua seconda stagione agonistica e - MACALOU Mamadou, nato in Mali il 19.01.1999, tesserato a gennaio 2018.

Ai neo Educatori, tutti, vanno le felicitazioni e gli auguri di un buon lavoro, del Presidente del Comitato Regionale Piemonte della FIR, Giorgio Zublena.

A cura dell'Area Comunicazione CR Piemonte

 

 
TOMMASO CASTELLO AL GASLINI DI GENOVA INSIEME A "RUGBY IN OSPEDALE" PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Martedì 11 Dicembre 2018 19:29

fotosportit 70356 prRoma - Il secondo appuntamento di Rugby in Ospedale per il mese di dicembre organizzato dalla ASD Rugby Portatori di Sorrisi vede coinvolti gli Atleti rappresentati delle Nazionali Italiane accompagnati dai rappresentanti delle squadre seniores maschili e femminili della provincia di Genova presso l’Istituto Giannina Gaslini mercoledì 12 dicembre.

Leggi tutto...
 
UNIONE RUGBY CAPITOLINA, NASCE LA SQUADRA DEL MIXED ABILITY RUGBY PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Martedì 11 Dicembre 2018 15:49

logo mixed abilitly rugbyRoma - Nell'ambito del progetto europeo MIXAR - Mixed Ability Rugby for All, che promuove il gioco del rugby con contatto anche per i disabili e del quale la Federazione Italiana Rugby è capofila, il club Unione Rugby Capitolina ha sancito la nascita della propria prima squadra "mixed". La formazione, composta da atleti con disabilità cognitive, ha fatto il proprio esordio nell'evento "Movember moviment" disputando un match contro l'equipe degli Old Capitolini. È stata una prima volta per tutti, per questo un'esperienza nuova ed emozionante. L'Unione Rugby Capitolina, che sta partecipando attivamente al progetto MIXAR con il tecnico Flavio Favale, si è già data come obiettivo la partecipazione al Torneo Mixed Ability, un vero e proprio mondiale per la disciplina, che si disputerà a Cork nell'estate del 2020.

 
UNIONE RUGBY CAPITOLINA, NASCE LA SQUADRA DEL MIXED ABILITY RUGBY PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Martedì 11 Dicembre 2018 15:46

logo mixed abilitly rugbyRoma - Nell'ambito del progetto europeo MIXAR - Mixed Ability Rugby for All, che promuove il gioco del rugby con contatto anche per i disabili e del quale la Federazione Italiana Rugby è capofila, il club Unione Rugby Capitolina ha sancito la nascita della propria prima squadra "mixed". La formazione, composta da atleti con disabilità cognitive, ha fatto il proprio esordio nell'evento "Movember moviment" disputando un match contro l'equipe degli Old Capitolini. È stata una prima volta per tutti, per questo un'esperienza nuova ed emozionante. L'Unione Rugby Capitolina, che sta partecipando attivamente al progetto MIXAR con il tecnico Flavio Favale, si è già data come obiettivo la partecipazione al Torneo Mixed Ability, un vero e proprio mondiale per la disciplina, che si disputerà a Cork nell'estate del 2020.

 
GROSSETO-PECORE NERE: UNA BELLA GIORNATA DI SPORT ED AMICIZIA PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Martedì 11 Dicembre 2018 10:41

grossetoll Grosseto si è imposto per cinque mete a zero, ma ben più del dato tecnico e delle marcature realizzate nell’arco della partita (un ‘test-match’, visto che nel gioco del rugby non si può mai parlare di ‘amichevole’), quello vissuto in questa ventosa seconda domenica del mese di dicembre è stato un momento di grande partecipazione emotiva.

L’evento, reso possibile grazie alla sensibilità delle direzione e del personale della casa circondariale ‘Le Sughere’ di Livorno, si è consumato sul campo sportivo dello stesso istituto di massima sicurezza. Ad assistere alla partita l’assessore al turismo della Regione Toscana (ex rugbista) Stefano Cioffo, l’assessore allo sport del Comune di Livorno Andrea Morini, il vicepresidente della FIR Nino Saccà, il responsabile FIR per i progetti di responsabilità sociale, Stefano Cantoni, il segretario della stessa Federazione Claudio Perruzza, il referente di FIR per la strategia e responsabilità sociale, Daniela De Angelis, i consiglieri del comitato toscano della FIR Luca Sardelli e Marco Bertotti, in rappresentanza dell’Associazione Amatori Rugby Toscana Arienno Marconi, il garante dei detenuti Giovanni De Peppo, il funzionario dell’area giuridica pedagogica del carcere labronico Patrizia Citti, e, in rappresentanza dei Lions Amaranto Livorno – la società che da quattro anni rende possibile il progetto di una palla ovale da far rotolare all’interno del carcere – il presidente Mauro Fraddanni e l’addetto stampa Fabio Giorgi.

Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 20
 


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito