O’SHEA: “INTENSITA’ E VOLONTA’ COME A KOBE E CONTRO L’AUSTRALIA” Stampa
Nazionali Azzurre
Giovedì 31 Gennaio 2019 16:33

 

fotosportit 68862 prEdinburgo (Scozia) – Abbiamo preparato questa partita per vincerla, e non potrebbe essere altrimenti. Ma alla squadra, come sempre, ho chiesto di concentrarsi sulla performance. Il risultato è un mio problema. Intensità e volontà sono aspetti nel nostro controllo, mi aspetto di vedere sul campo lo stesso tipo di prestazione che la squadra ha offerto nella vittoria di Kobe sul Giappone e nel Cattolica Test Match di Padova contro l’Australia”.

Il CT azzurro Conor O’Shea analizza le proprie scelte all’Apex Hotel di Edinburgo dopo l’annuncio della formazione che sabato a Murrayfield debutta nel Guinness 6 Nazioni 2019 contro la Scozia.

Siamo migliorati e vogliamo dimostrarlo. Per quanto riguarda i trequarti siamo molto contenti delle scelte fatte, abbiamo alcune assenze come Minozzi, Bellini e Sarto che è rientrato da poco con Leicester Tigers ma abbiamo comunque parecchie opzioni per la linea arretrata” ha detto il tecnico irlandese dell’Italia, al suo terzo Sei Nazioni sulla panchina azzurra.

RIVEDI LA CONFERENZA STAMPA DEL CT

L’opzione con Castello e Morisi centri e Campagnaro ala è un qualcosa di cui abbiamo parlato spesso, poter schierare tutti i migliori sul campo è emozionante e Michele all’ala potrà essere più libero in fase offensiva e palla in mano. E’ un ruolo in cui a livello di Club ha giocato spesso, è un’opzione in più per noi da sfruttare” ha aggiunto O’Shea. 

Pensiamo che, per questa gara, la linea arretrata sia quella migliore possibile, ma abbiamo anche altre opzioni e una buona profondità, con Padovani che parte dalla panchina e altri giocatori come Benvenuti e Padovani non selezionati a lista gara per sabato” ha detto il CT.

Su David Sisi, al debutto internazionale con la maglia numero quattro, il CT ha dichiarato: “Nei due anni dal suo arrivo in Italia David ha giocato bene, con consistenza, e crediamo possa avere un buon equilibrio in seconda con Dean Budd. Zanni ha avuto un piccolo problema fisico, forse avrebbe potuto giocare sabato ma abbiamo preferito non rischiarlo e, al tempo stesso, avere la possibilità di vedere dall’inizio un atleta che potrà essere uno dei numeri quattro del futuro per questa Nazionale, ha un passato da seconda linea e anche nel gioco aperto David potrà dare un contributo al nostro gioco” ha concluso il CT.

Michele Campagnaro, trequarti dei Wasps domani alla sua prima volta da ala per l’Italia dopo essere stato sempre schierato secondo centro in azzurro, ha detto: “E’ stata una settimana intensa, ci siamo allenati bene lunedì e fatto una sessione di grande qualità martedì. Abbiamo fiducia nel nostro gioco e sappiamo cosa vogliamo portare sabato sul campo. Sarà sicuramente dura, la Scozia parte in casa e vorrà dimostrare subito cosa può fare nel Torneo. Da parte nostra c’è sicuramente la voglia di riscattare una sconfitta difficile da digerire come quella del 2018, arrivata a fine partita e che ha lasciato amarezza ma che, d’altro canto, deve ricordarci che se vogliamo possiamo imporci e fare risultato contro questo avversario. Giocare all’ala sarà un po’ diverso per me, ma cercherò di stare il più possibile in mezzo al campo specialmente in attacco e di andare a cercare il gioco e la palla”.