Italia


ITALIA, ANNULLATO IL TOUR IN NUOVA ZELANDA DI LUGLIO 2021 PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Lunedì 10 Maggio 2021 10:27

 

FB 1200x900Roma - La Federazione Italiana Rugby può confermare che il tour estivo in Nuova Zelanda originariamente programmato per il mese di luglio 2021, con due test-match contro gli All Blacks il 3 ed il 10 luglio, non avrà luogo. 

La decisione è stata assunta a seguito di consultazioni con World Rugby, New Zealand Rugby Union e con le autorità governative e sanitarie dei due Paesi e dopo aver esplorato ogni possibile alternativa. 

CLICCA QUI PER IL COMUNICATO WORLD RUGBY

Anche nel rugby odierno le tournée estive continuano a rappresentare una preziosa avventura umana e sportiva. Un tour in Nuova Zelanda, la possibilità di sfidare gli All Blacks in due test-match consecutivi, è l’ambizione di ogni giocatrice o giocatore. Per la nostra Nazionale, per i tanti giovani che nelle ultime stagioni si sono affacciati sul palcoscenico internazionale, il tour di questa estate avrebbe rappresentato un eccezionale momento di formazione. Dopo lunghe e costruttive consultazioni tra le nostre Federazioni e le rispettive autorità nazionali, e dopo aver esplorato possibili alternative insieme a World Rugby, abbiamo dovuto prendere atto, nostro malgrado e con nostro profondo dispiacere, di come le condizioni attuali rendessero preferibile per la Nazionale concentrare le energie in vista della serie autunnale.
Il calendario internazionale 2021 ci consentirà di ricevere gli All Blacks nel nostro Paese il prossimo autunno, un appuntamento che già ci vede impegnati per poter offrire al nostro movimento ed ai nostri appassionati una indimenticabile giornata di rugby ed un importante messaggio di ripartenza” 
ha dichiarato il Presidente della FIR, Marzio Innocenti.

 

 
LO STADIO “CARLINI” DI GENOVA CO-INTITOLATO A MARCO BOLLESAN PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Mercoledì 05 Maggio 2021 07:47

Bollesan15Roma - La Federazione Italiana Rugby accoglie con entusiasmo l’unanime decisione del Consiglio Comunale di Genova di co-intitolare lo Stadio “Giacomo Carlini” a Marco Bollesan, l’indimenticato capitano e Commissario Tecnico dell’Italia scomparso lo scorso 12 aprile all’età di 79 anni.

L’impianto del capoluogo ligure assume dunque la denominazione di Stadio “Giacomo Carlini-Marco Bollesan”, in ricordo del velocista ligure che partecipò ai Giochi Olimpici di Amsterdam 1928 e Los Angeles 1932 e dell’unico rugbista italiano inserito nella Walk of Fame del CONI e che, proprio sul prato del “Carlini”, scrisse alcune delle più prestigiose pagine della propria carriera con la maglia del CUS Genova.

Il Presidente Innocenti ha espresso al Sindaco di Genova Marco Bucci ed a tutto il Consiglio Comunale l’apprezzamento dell’intero movimento rugbistico italiano per la scelta di legare inscindibilmente all’impianto simbolo del rugby genovese il nome di uno dei più grandi rugbisti italiani di tutti i tempi ed una delle figure più carismatiche espresse dal movimento.

 
GUINNESS SEI NAZIONI 2022, UFFICIALIZZATO IL CALENDARIO PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Mercoledì 28 Aprile 2021 14:09

calendario seinazioni 2022Dublino – Ufficializzato il calendario del Guinness Sei Nazioni 2022.

Calcio d’inizio in programma sabato 5 febbraio con Irlanda-Galles e Scozia-Inghilterra. Il primo match della Nazionale Italiana Rugby è in calendario domenica 6 febbraio contro la Francia con gli Azzurri che tornano allo Stade de France nella gara di esordio del torneo di rugby più antico del mondo dopo il match combattuto del 2016.

Una settimana più tardi – domenica 13 febbraio – l’Italrugby scenderà in campo per la prima volta nel 2022 allo Stadio Olimpico di Roma affrontando l’Inghilterra. Terzo turno sempre domenicale per la Nazionale che il 27 febbraio farà visita all’Irlanda.

Sabato 12 marzo è in programma la seconda ed ultima partita casalinga del Sei Nazioni contro la Scozia, mentre la chiusura del torneo è in calendario sabato 19 marzo contro i campioni in carica del Galles.

Questo il calendario completo:

I giornata – 5-02.22
Irlanda v Galles
Scozia v Inghilterra
06.02.22
Francia v Italia
 
II giornata – 12.02.22
Galles v Scozia
Francia v Irlanda
13.02.22
Italia v Inghilterra
 
III giornata – 26.02.22
Scozia v Francia
Inghilterra v Galles
27.02.22
Irlanda v Italia
 
IV giornata – 11.03.22
Galles v Francia
12.03.22
Italia v Scozia
Inghilterra v Irlanda
 
V giornata – 19.03.22
Galles v Italia
Irlanda v Scozia
Francia v Inghilterra

 
ITALDONNE, DI GIANDOMENICO DOPO LA SCOZIA: “ORA CONFERMARE LA PRESTAZIONE” PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 17 Aprile 2021 19:27

fotosportit 88323 pr“CONTRO L’IRLANDA PIU’ DISCIPLINA E UNA MIGLIORE CONSERVAZIONE DEL POSSESSO”

Glasgow (Scozia) - “Al di là del risultato, sono soddisfatto di come sia evoluta da una settimana all’altra la nostra prestazione. Ora l’obiettivo è compiere un ulteriore passo avanti la settimana prossima, in una gara che ci pone un traguardo ambizioso come quello del terzo posto nel Torneo” commenta a caldo negli spogliatoi dello Scotstoun di Glasgow il CT azzurro Di Giandomenico dopo il successo sulla Scozia nel terzo turno del Sei Nazioni Femminile.

“Abbiamo concretizzato molto di più di quanto non avessimo fatto la settimana passata contro le inglesi - ha proseguito il tecnico aquilano delle azzurre - e questo è un aspetto estremamente soddisfacente. Al tempo stesso, nella settimana che ci attende, dovremo migliorare sotto il profilo della disciplina e del mantenimento del possesso, due aspetti che oggi sono stati poco efficaci. Anche alcune situazioni di gioco non sono state gestite nel migliore dei modi, più concentrazione e consapevolezza saranno aspetti da sviluppare in vista della gara contro le irlandesi”.

Leggi tutto...
 
LA FIR PIANGE LA SCOMPARSA DI MASSIMO CUTTITTA PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Domenica 11 Aprile 2021 19:34

fotosportit 876 prL’EX CAPITANO E PILONE DELLA NAZIONALE SCOMPARE A 54 ANNI

Roma - E’ stato con il più profondo sgomento che la Federazione Italiana Rugby e l’intero movimento rugbistico nazionale hanno appreso della prematura scomparsa di Massimo Cuttitta, avvenuta domenica 11 aprile ad Albano Laziale all’età di 54 anni per complicazioni insorte a seguito della positività al Covid-19. 

Massimo, Azzurro n. 423, aveva debuttato con l’Italia a Napoli nel 1990 contro la Polonia, indossando poi la maglia della Nazionale in altre sessantanove occasioni sino al 2000, anno del suo ritiro internazionale dopo aver vissuto da protagonista il debutto nel Sei Nazioni contro la Scozia, nell’indimenticabile successo del 5 febbraio al Flaminio. 

In ventidue occasioni, Cuttitta aveva guidato come capitano la Nazionale Italiana Rugby. 

Nato a Latina, ma cresciuto rugbisticamente in Sudafrica al pari del gemello Marcello, Massimo aveva indossato in carriera le maglie de L’Aquila, dell’Amatori Calvisano e del Milan e quella degli Harlequins londinesi, prendendo parte nel mentre a due edizioni della Coppa del Mondo e vestendo in più occasioni il bianconero dei Barbarians.

Conclusa l’esperienza d’Oltremanica, aveva ricoperto il ruolo di giocatore-allenatore per numerosi club italiani - Bologna, Rugby Roma, Alghero e Leonessa - prima di approdare come tecnico degli avanti ad Edimburgo e, da lì, alla federazione scozzese, rilanciando con il proprio lavoro il pack Highlander sulla scena internazionale.

Più recentemente, aveva messo la propria esperienza di allenatore della mischia al servizio di Nazionali emergenti come Romania, Canada e Portogallo, svolgendo incarichi di consulente per i rispettivi staff tecnici.

Tutto il rugby italiano è intimamente toccato dalla scomparsa di Massimo, uno dei simboli della Nazionale che, grazie a una straordinaria generazione di giocatori, conquistò l’accesso al Torneo delle Sei Nazioni con una serie di indimenticabile prestazioni negli Anni ’90” ha dichiarato il Presidente della FIR, Marzio Innocenti.

Non abbiamo avuto la possibilità di condividere la maglia azzurra, ma l’amore per i nostri colori aveva costituito tra noi un forte, naturale legame. Cuttitta non è stato solo un incredibile servitore del rugby italiano ed un eccellente interprete del ruolo di pilone sinistro, ma anche un apprezzato ambasciatore del nostro movimento all’estero, allenatore degli avanti per la Scozia e per altre Nazionali che ha contribuito a portare sul palcoscenico della Rugby World Cup”.

“In questo tragico momento - ha concluso il Presidente federale - i miei pensieri, quelli del Consiglio e di tutto il rugby italiano vanno a Marcello ed a tutta la famiglia Cuttitta, già profondamente toccata pochi giorni fa dalla scomparsa della mamma di Massimo, Marcello e Michele”.

In memoria di Massimo Cuttitta il Presidente federale ha disposto che un minuto di silenzio venga osservato nel prossimo fine settimana prima del calcio d’inizio degli incontri del Campionato Italiano Peroni TOP10.

 


Pagina 1 di 480
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito