Guinness PRO14


FIR E BENETTON #INSIEME PER ALTRI QUATTRO ANNI PDF Stampa E-mail
Campionati
Giovedì 17 Settembre 2020 10:48

rinnovofirbenettonRINNOVATA LA LICENZA DI GUINNESS PRO14 PER LA FRANCHIGIA VENETA
Roma - 
La Federazione Italiana Rugby e Benetton Rugby sono liete di annunciare di aver raggiunto l’accordo per il rinnovo quadriennale della licenza di partecipazione della franchigia con sede a Treviso al Guinness PRO14.

La franchigia presieduta da Amerino Zatta prenderà parte dunque almeno sino al 30 giugno 2024 al Guinness PRO14 e, in base ai piazzamenti ottenuti in tale competizione, alle Coppe Europee organizzate da European Professional Club Rugby. 

Per ogni stagione sportiva, la FIR verserà a Benetton Rugby un contributo economico di 4.800.000€.

Leggi tutto...
 
I LEONI REAGISCONO E CON SUPER IOANE VINCONO IL DERBY 16-9 PDF Stampa E-mail
Campionati
Lunedì 31 Agosto 2020 15:36

foto-ioane-1-c 2

Marcature: 4′ p. Rizzi, 14′ p. Allan, 18′ p. Rizzi, 21′ meta Ioane, 28′ meta Ioane; 66′ p. Keatley, 71′ p. Rizzi.

Note: 56′ cartellino giallo a Bisegni.  Trasformazioni: Benetton Rugby: 0/2 (Allan 0/2). Punizioni: Zebre Rugby: 3/4 (Rizzi 3/4); Benetton Rugby: 2/2 (Allan 1/1, Keatley 1/1) . Man of the match: Monty Ioane.

Zebre Rugby Club: 

15 Jacopo Trulla, 14 Giulio Bisegni, 13 Federico Mori, 12 Carlo Canna, 11 Mattia Bellini, 10 Antonio Rizzi, 9 Marcello Violi (65′ Guglielmo Palazzani), 8 Renato Giammarioli (59′ Jimmy Tuivaiti), 7 Johan Meyer, 6 Maxime Mbandà (57′ Iacopo Bianchi), 5 Leonard Krumov, 4 Cristian Stoian, 3 Matteo Nocera (4o’ Giosuè Zilocchi), 2 Luca Bigi (Massimo Ceciliani), 1 Danilo Fischetti (45′ Daniele Rimpelli).

A disposizione: 19 Lorenzo Masselli, 22 Tommaso Boni.

Head Coach: Michael Bradley.

Benetton Rugby:

15 Edoardo Padovani, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Ignacio Brex, 12 Tommaso Benvenuti (59′ Marco Zanon), 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan (C) (40′ Ian Keatley), 9 Luca Petrozzi (40′ Callum Braley), 8 Marco Barbini, 7 Marco Lazzaroni, 6 Sebastian Negri (63′ Giovanni Pettinelli), 5 Riccardo Favretto (67′ Manuel Zuliani), 4 Niccolò Cannone, 3 Simone Ferrari (71′ Filippo Alongi), 2 Gianmarco Lucchesi (54′ Tomas Baravalle), 1 Cherif Traore (71′ Ivan Nemer).

Head Coach: Kieran Crowley.

Per il 15esimo round e l’ultima gara della lunghissima stagione 2019/2020 di GuinnessPRO14, il Benetton Rugby fa visita alle Zebre nella “gara 2” dei derby agostani contro la franchigia federale. Al Lanfranchi di Parma – a porte chiuse – i Leoni vogliono chiudere bene la competizione celtica, mantenere il quinto posto nella Conference B dall’assalto di Cardiff e riscattare la sconfitta dello scorso venerdì patita proprio con i Ducali. Nel primo tempo la truppa biancoverde è come un diesel. All’alba del parziale le Zebre sono pericolose, poi però Allan e compagni alzano i giri del motore e con un pack in gran spolvero conquistano punizioni e metri, impensierendo a dismisura la difesa dei Ducali con Ioane mattatore. Nella seconda frazione gli uomini di Crowley resistono, soffrono il giusto e non danno alcuna possibilità alle Zebre di rimontare. Il calcio di Keatley permette infatti al Benetton Rugby di conservare il break di vantaggio e i Leoni vincono 16-9 il derby di fine stagione.

Inizia il match e le Zebre al 4′ guadagnano una punizione da posizione vantaggiosa per un tenuto su Ioane. La franchigia di casa va per i pali e l’ex Rizzi ingrassa il punteggio dei Ducali che vanno sul 3-0. Il Benetton Rugby vuole subito controbattere e alza i giri del motore. La prima mischia della gara vede i Leoni concentrati, dopo di ché al 13′ in una ruck Bigi non rotola via e i biancoverdi hanno un piazzato che Allan converte per il 3-3. Cinque minuti più tardi Lucchesi commette lo stesso fallo e Rizzi riporta le Zebre sopra di tre lunghezze dalla piazzola. Il Benetton Rugby però non demorde, la mischia è potente e prende un’ottima punizione. Si va in touche nei 5 metri avversari, Negri avanza a spron battuto e i Leoni hanno una superiorità numerica, Padovani serve l’ala sinistra Ioane che punta la bandierina e schiaccia la prima meta biancoverde al 21′. Allan è sfortunato dalla piazzola e centra il palo. I biancoverdi sono sul pezzo e acquisiscono vigore. Altra mischia debordante del Benetton Rugby che guadagna metri, poi Padovani e Tavuyara scappano alla difesa delle Zebre con due ottimi offload, i Leoni sono sempre più vicini alla linea delle mete delle Zebre. Brex è tambureggiante ed è vicinissimo a schiacciare l’ovale, ci penserà ancora Ioane, su rimorchio di Petrozzi, a siglare la seconda marcatura di giornata al 28′. Allan non centra i pali e all’intervallo i biancoverdi sono avanti 6-13.

Nella ripresa gli uomini di Crowley cominciano provando ad allungare il vantaggio. La gara si fa nervosa perché entrambe le squadre vogliono la vittoria. Nei trevigiani entrano Braley e Keatley. Le Zebre hanno un piazzato al 47′ che Rizzi fallisce. Da lì è Barbini a salire in cattedra prima con un gran offload e poi propiziando un turnover che consente ai Leoni di avere una punizione. Keatley va in touche dentro i 22 metri dei Ducali. Si innesca una lunga multifase che porta il Benetton Rugby nei 5 dei padroni di casa. Così Bisegni al 56′ è costretto al cartellino giallo per continue penalità commesse dalle Zebre. Il match prosegue a intermittenza e al 66′ i parmensi effettuano un’altra penalità nel breakdown. Il neoentrato Keatley da lunga distanza non fallisce la punizione che vale il 16-6 per il Benetton Rugby.
La franchigia federale reagisce, Tavuyara fa in avanti volontario e Rizzi al 71′ calcia la punizione del 16-9. Crowley esaurisce tutti i cambi inserendo Alongi e Nemer in prima linea, mentre in precedenza erano subentrati in ordine Baravalle, Zanon e Zuliani. Gli ultimi minuti il Benetton mantiene prepotentemente il vantaggio e supera le Zebre 16-9, chiudendo la stagione 2019/2020 di GuinnessPRO14 con il sorriso.

 
LE ZEBRE NON BISSANO IL SUCCESSO CON I LEONI PDF Stampa E-mail
Campionati
Domenica 30 Agosto 2020 21:54

zebre tvago2020Parma (Italia) – 30 agosto 2020
Guinness PRO14 2019/20, Round 15
Zebre Rugby Club Vs Benetton Rugby 9-16 (p.t. 6-13)

Marcatori: 5’ cp Rizzi (3-0); 14’ cp Allan (3-3); 19’ cp Rizzi (6-3); 22’ meta di Ioane (6-8); 28’ meta di Ioane (6-13); s.t. 67’ cp Keatley (6-16); 71’ cp Rizzi (9-16)

Zebre Rugby Club: Trulla, Bisegni (Cap), Mori, Canna, Bellini, Rizzi, Violi (65’ Palazzani), Giammarioli (59’ Tuivaiti), Meyer, Mbandà (57’ Bianchi), Krumov, Stoian (76’ Masselli), Nocera (40’ Zilocchi), Bigi (65’ Ceciliani), Fischetti (46’ Rimpelli); All. Bradley

Benetton Rugby: Padovani, Tavuyara, Brex, Benvenuti (59’ Zanon), Ioane, Allan (Cap) (40’ Keatley), Petrozzi (40’ Braley), Barbini, Lazzaroni, Negri (63’ Pettinelli), Favretto (66’ Zuliani), Cannone, Ferrari (71’ Alongi), Lucchesi (54’ Baravalle), Traorè (71’ Nemer); All. Crowley

Arbitro: Gianluca Gnecchi (Federazione Italiana Rugby)
Assistenti: Andrea Piardi (Federazione Italiana Rugby) e Federico Vedovelli (Federazione Italiana Rugby)
TMO: Marius Mitrea (Federazione Italiana Rugby)

Calciatori: Antonio Rizzi (Zebre Rugby Club) 3/4; Tommaso Allan (Benetton Rugby) 1/3; Ian Keatley (Benetton Rugby) 1/1
Cartellini: 57’ cartellino giallo a Giulio Bisegni (Zebre Rugby Club)
Player of the match: Monty Ioane (Benetton Rugby)
Punti in classifica: Zebre Rugby Club 1, Benetton Rugby 4

Note: Cielo sereno. Temperatura 23°. Terreno in ottime condizioni. Esordio ufficiale con le Zebre per Jacopo Trulla, permit player tesserato con il Rugby Calvisano alla prima presenza in Guinness PRO14. 100° apparizione in campionato celtico per Guglielmo Palazzani, leader di presenze con la franchigia federale (136). Partita disputata in regime di porte chiuse al pubblico.

Cronaca: A distanza di nove giorni dal loro ultimo incontro, Zebre e Benetton Rugby si sono ritrovate sul nuovo manto erboso dello Stadio Lanfranchi di Parma per il 15° ed ultimo turno del Guinness PRO14 2019/20. Nel giorno delle 100 presenze in campionato celtico di Guglielmo Palazzani e dell’esordio con la franchigia federale di Jacopo Trulla (permit player tesserato con il Rugby Calvisano),

Ritmi spezzettati nel primo quarto di gioco che vede entrambe le squadre commettere una penalità per parte. Al 5’ è Rizzi il primo a sbloccare lo score, ma al 14’ arriverà la risposta del Benetton Rugby col piede di Allan che rettifica il parziale sul 3-3.

I Leoni sono padroni del territorio in questo primo frangente, ma prima del 20’ saranno autori di ulteriori due calci di punizione. Dalla stessa posizione di prima, il n° 10 delle Zebre centra nuovamente i pali per il 6-3.

Nella ripresa delle azioni gli ospiti trovano però il corridoio vincente con Ioane. L’ala biancoverde riceve l’ultimo passaggio e segna in tuffo la prima meta del match, eludendo il tentativo di salvataggio di Rizzi. Il calcio di Allan è però impreciso e si resta sul 6-8.

Tempo due minuti e le Zebre sfiorano la marcatura col centro Federico Mori, portato lungo l’out di destra dopo una bella corsa in solitaria. Dopo aver ben difeso sul giovane trequarti del Rugby Calvisano gli ospiti risalgono il campo e trovano la loro seconda meta sempre con Ioane. Allan sbaglia nuovamente dalla piazzola lo score non decolla.

Il primo tempo si chiude sul 6-13. Il XV di coach Bradley soffre la pressione dei cugini ma si salva in più di un’occasione, nonostante la maggiore e crescente indisciplina mostrata prima del rientro negli spogliatoi.

Livelli di intensità più alti ad inizio ripresa, con i multicolor autori di uno splendido intercetto con l’Azzurro Mattia Bellini. Nello sviluppo dell’azione arriverà anche una penalità a favore dei multicolor, ma il tentativo dalla piazzola di Rizzi questa volta è impreciso.

I Leoni monopolizzano possesso e territorio lungo tutti i primi 20’ del secondo tempo, ma le Zebre si salvano in più di un’occasione, condendo però diverse penalità agli ospiti. Al 56’ Bisegni va a sedersi sulla panca dei puniti per 10 minuti, reo di aver commesso il 9° fallo dei suoi.

Brivido al 63’ con Trulla che calcia per se stesso un pallone sporco. Il giovane trequarti vicentino recupera l’ovale, pestando però la linea dell’out di fronte a meta fatta.

In situazione di inferiorità numerica, i giocatori della franchigia federale non subiscono parziali. Lo score si muoverà solamente al 66’, proprio al rientro in campo di Bisegni, col piede di Keatley che punisce l’11° fallo dei rivali in maglia multicolor.

Al 71’ Rizzi risponderà al n° 22 in maglia biancoverde, accorciando il punteggio sempre dalla piazzola sul 9-16.

Negli ultimi minuti del match le Zebre provano a risalire il campo alla mano da una mischia nei loro 22 andando però a commettere un in-avanti su un placcaggio duro su Trulla. Il Benetton Rugby introduce l’ovale in mischia e gestendo l’ovale nell’ultimo possesso, portando a casa la partita sul 9-16.

La prossima settimana le Zebre saranno libere da impegni di campionato e allenamenti. Quindici atleti della rosa della franchigia federale si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma venerdì 4 settembre per il primo giorno del raduno della nazionale maggiore che si chiuderà mercoledì 9 settembre.

 

 

 
SFIDA TUTTA AZZURRA PER IL SECONDO DERBY DI GUINNESS PRO14 PDF Stampa E-mail
Campionati
Domenica 30 Agosto 2020 10:53

 

zebvben2020ritParma - In fondo alla stagione più strana e complessa nei novantuno anni di storia della FIR, il derby d’Italia di questa sera (30 agosto) alle 20 in diretta DAZN al “Lanfranchi” di Parma tra le Zebre RC e la Benetton Rugby scrive la parola fine sul Guinness Pro14 2019/20 delle due franchigie italiane.

Dopo il 13-17 della settimana scorsa a “Monigo” i Leoni di Crowley vanno a caccia della rivincita contro Bisegni e compagni in una sfida che, per quanto ininfluente ai fini della classifica finale di regular season, non è mai come le altre.

Anche a porte chiuse per il pubblico, per Franco Smith e lo staff azzurro della Nazionale la sfida tutta italiana costituisce un’occasione per cercare conferme e novità. Il ritorno all’attività internazionale, in ottobre coi due recuperi del Guinness Sei Nazioni 2020, non è poi così lontano e dei trentasei atleti che dal 4 settembre si ritroveranno a Parma per un raduno di cinque giorni ventotto sono inseriti a lista gara con i multicolor o i biancoverdi. 

Leggi tutto...
 
ALLA RIPRESA VINCONO LE ZEBRE: BENETTON BATTUTA IN CASA 13-17 PDF Stampa E-mail
Campionati
Venerdì 21 Agosto 2020 21:06

violimanofthematchBenvZeb

 

Treviso - Sono le Zebre Rugby Club ad aggiudicarsi la prima partita di giocata in Italia dall’inizio della pandemia: a Monigo la franchigia multicolor guidata da Mike Bradley supera i padroni di casa della Benetton Treviso per 13-17 nella quattordicesima giornata del Guinness PRO14.

Saluta il rugby giocato, tra gli applausi dei compagni di squadra e del personale necessario per la disputa della gara a porte chiuse, il centurione Alessandro Zanni, all'ultimo atto di una indimenticabile carriera che ha visto l'avanti friulano della Benetton vestire la maglia azzurra in 119 occasioni.

Avvio di partita che vede le difese padrone su entrambi i lati del campo. Il Benetton Rugby detta legge nei primi cinque minuti del match, sbloccando anche lo score al 3’ col piede di Garbisi che punisce il lento rotolamento dalla ruck di Mbandà. Le Zebre non si fanno intimorire e strappano tre calci di punizione consecutivi ai Leoni senza però riuscire a capitalizzare il gioco favorevole.

L’indisciplina dei trevigiani non cessa nemmeno nei minuti centrali del primo tempo, ma il XV di coach Bradley è impreciso nei lanci in touche e al 20’ le due formazioni sono di fatto ancora appaiate sul 3-0.

Proprio da una touche in zona d’attacco, i multicolor troveranno la prima meta della sfida! Il lancio di Bigi è impreciso, ma nello sviluppo dell’azione Boni è il più veloce di tutti a schiacciare l’ovale in area di meta. Canna centra i pali e firma il sorpasso dei suoi che ora conducono sul 3-7.

Al 27’ Canna avrebbe la chance di incamerare ulteriori 3 punti da posizione non defilata, ma il calcio è impreciso e il Benetton Rugby rimane ancora incollato nel parziale.

Il n° 10 della Nazionale si redime però al 38’ centrando i pali per il + 7. Il primo tempo su chiude sul 3-10, dopo che il neoentrato Lazzaroni è uscito per un cartellino giallo, punito per il 9° fallo commesso dai suoi.

Nonostante l’inferiorità numerica, è il Benetton Rugby il primo a smuovere lo score nella ripresa. Lo fa al 43’ dalla piazzola col giovane Garbisi.

Girandola di cambi nei primi 10’ del secondo tempo che vede uscire dal campo anche la leggenda Alessandro Zanni, alla sua ultima gara ufficiale di rugby. L’inerzia del match comunque non cambia, mentre sale di contro l’indisciplina da parte di entrambe le squadre.

Le Zebre tentano di cambiare le carte e al 50’ fanno debuttare l’ex di turno Antonio Rizzi, spostando Carlo Canna in posizione di primo centro proprio come in occasione del Sei Nazioni 2020.

L’ex Azzurrino ci prova al 60’ da posizione siderale, benché centrale. Il calcio è di poco impreciso ed è nulla di fatto, ma al 66’ arriverà la marcatura pesante. Gli ospiti macinano metri in maul e dopo una serie di raccogli-e-vai vanno fino in fondo col neoentrato Tuivaiti. Di fronte ai pali, Rizzi non può sbagliare e porta i suoi oltre il break sul 6-17.

Zebre in sofferenza e indisciplinate negli ultimi dieci minuti dell’incontro. I Leoni sono padroni di possesso e territorio in questi frangenti, ma al 75’ vanno a commettere una pesante penalità che fa perdere loro terreno e rifiatare gli ospiti.

Il XV di coach Bradley gestisce le ultime battute del match, subendo però la marcatura allo scadere di Riera. Keatley centra i pali, ma il tempo non basta e i giocatori della franchigia federale si aggiudicano il 14° turno del Guinness PRO14.



Treviso, Stadio “Monigo” - venerdì 21 agosto
Guinness PRO14, XIV giornata
Benetton Rugby v Zebre RC 13-.17
Marcatori: p.t. 2’ cp. Garbisi (3-0); 20’ m. Boni tr. Canna (3-7); 38’ cp. Canna (3-10); s.t. 4’ cp. Garbisi (6-10); 24’ m. Tuivaiti tr. Rizzi (6-17); 42’ m. Riera tr. Keatley (13-17)
Benetton Rugby: Hayward; Sperandio, Riera, Morisi (20’ st. Zanon), Sarto L.; Garbisi (20’ st. Keatley), Duvenage; Steyn, Lamaro (26’ pt. Lazzaroni), Sgarbi (cap); Ruzza, Zanni (10’ st. Zuliani); Alongi (1’ st. Ferrari), Baravalle (1’ st. Lucchesi), Nemer (20’ st. Traore)
all. Crowley
Zebre RC: Biondelli; Elliott (40’ pt. Mori), Bisegni (cap), Boni (15’ st. Rizzi), Bellini; Canna, Violi (20’ st. Palazzani); Licata, Meyer (20’ st. Tuivaiti), Mbandà; Krumov, Sisi; Bello (Zilocchi), Bigi (18’ st. Ceciliani), Rimpelli (Fischetti)
all. Bradley
arb. Piardi (Italia)
Assistenti: Gnecchi e Bottino (Italia)
TMO: Mitrea (Italia)
Cartellini: 38’ pt. giallo Lazzaroni (B); 42’ st. giallo Sisi (Z)
Guinness Man of the Match: Violi (Zebre Rugby Club)
Calciatori: Garbisi (Benetton Rugby) 2/2; Canna (Zebre RC) 2/3; Rizzi (Zebre RC) 1/2; Keatley (Benetton Rugby) .

 

 


Pagina 1 di 131

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube

covid-faq-fir

banner cattolica

ticketing2018

banner sitofederugby

 

banner-community-2019

seguici su Spotify


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito