Guinness PRO14


DEAN BUDD: “AL BENETTON RUGBY MI SONO SENTITO A CASA, GRAZIE DI TUTTO” PDF Stampa E-mail
Campionati
Venerdì 19 Giugno 2020 12:15

buddcap

Approda a Treviso nel 2012 a 26 anni, catapultato direttamente dal Giappone. Il seconda e terza linea Dean Budd ha collezionato 115 presenze e 14 mete in maglia Benetton Rugby, tanto da divenire il capitano dei biancoverdi per due stagioni (2017-2018 e 2018-2019). Budd a Monigo sarà sempre ricordato come un pilastro della storia recente dei Leoni e otto anni dopo il suo arrivo in Italia ha deciso di ritirarsi.

Dean, giungi a Treviso nel 2012 dal Sol Levante. Come è stato l’approdo al Benetton Rugby?
«Nel 2011 stavo giocando in Giappone con Hottie Louw, un giocatore che ha militato al Benetton Rugby ed è un mio amico. È stata dura perché in Giappone lì il rugby, la cultura, lo stile di vita e le persone sono fantastiche, ma è molto diverso rispetto a qui in Italia. Lui mi ha messo in contatto con Franco Smith, poi sono venuto qua e mi hanno dato un bel benvenuto, abbracciandomi e facendomi sentire subito a casa».

Puoi raccontare come sono stati questi otto anni in biancoverde?
«Alla fine, gli otto anni posso dire che sono stati bellissimi. Sono state delle montagne russe, alcuni punti bassi come livello di performance, come accade dappertutto, e poi gli ultimi tre, quattro anni con Kieran abbiamo trovato veramente il nostro livello di performance, quel professionismo che mancava e la società è messa veramente bene adesso».

Quanto è stato difficile decidere di ritirarsi?
«È stato molto difficile prendere la decisione di ritirarmi. Treviso era casa mia, dopo otto anni qui, ma adesso non so cosa mi aspetterà. Mi sento triste nell’andare via, la mancanza degli amici, della società, del rugby più che altro. Anche lo spritz – sorride – non c’è in Nuova Zelanda. L’altro giorno siamo stati in montagna a bere prosecco e a mangiare bene, è tanto bella la vita qui».

Hai disputato più di 100 gare con i Leoni e sei anche stato capitano. I tifosi biancoverdi ti ricorderanno sempre con affetto.
«È stato un onore giocare più di 100 partite con il Benetton Rugby. È sempre stato il mio obiettivo da quando sono arrivato diventare capitano, è un onore che non dimenticherò mai. Essere il primo fuori dagli spogliatoi a Monigo, sentire il “Leoni” dei tifosi sono cose che rimangono con me per tutta la vita».

Sei anche stato capitano dell’Italrugby.
«Essere il capitano dell’Italia è stato un altro passo che non mi aspettavo, è ancora più bello giocare a quel livello. Ricordo quando ero andato via dalla Nuova Zelanda che ero contento di non giocare mai rugby internazionale. Ma avere l’onore di indossare la maglia dell’Italia, di essere capitano di un gruppo di ragazzi straordinario è stato bellissimo».

Quanto è stato importante l’ambiente trevigiano in questi otto anni?
«La città di Treviso, l’ambiente che c’è qui per il rugby, come mi hanno trattato quando andavo in giro, “Ciao Budd come stai?”, basta un saluto e ti fa sentire veramente a casa. Sono cose che non trovi ovunque, sono veramente uniche».

Hai quindi solidificato un grande rapporto con i tifosi biancoverdi.
«I tifosi sono straordinari qui. Arrivare in Ghirada, trovare cinque, sei persone, Umberto, Roberto e gli altri ogni giorno. Quando piove, col sole, se c’è la tempesta, ci sono sempre al nostro fianco. Quando alcuni giorni non vanno bene tutte le cose, ci sono sempre loro alle nostre spalle. Non dico che danno sempre i consigli che vuoi sentirti dire, ma sono onesti e c’è bisogno anche di questo, non solo una pacca sulla spalla, ma bisogna sentire ogni tanto la prospettiva dei tifosi. Qua a Treviso l’ho trovata».

Qual è la partita che non dimenticherai mai in maglia Benetton Rugby?
«Il ricordo più bello per me è la partita a Ravenhill. Era un periodo difficile, ero in scadenza di contratto, abbiamo giocato contro Ulster e ho segnato tre mete. Una tripletta che succedeva per la seconda volta nella mia vita, ma la prima qui al Benetton e mi ricordo proprio quando ho marcato l’ultima meta nell’angolo per il pareggio della partita. Mi sono sentito proprio a casa in quel momento, l’abbraccio dei compagni di squadra, i sorrisi a 32 denti, mi ricordo come fosse successo ieri».

I momenti più belli vissuti fuori dal campo?
«I ricordi più belli fuori dal campo sono quelli di una mezz’ora, un’ora o anche un’ora mezza dopo un allenamento duro che siamo tutti in spogliatoio parlando di niente e di tutto, risolvevamo ogni nostro problema. Sono questi i momenti più belli, quando sei stanco morto in inverno e sei con i tuoi amici. Le amicizie, proprio le amicizie».

Cosa ti mancherà del rugby giocato?
«Mi mancherà il sabato qua a Treviso, quando giochiamo alle 14.30. Mi sveglio la mattina, mi carico, faccio una passeggiata sotto il sole, torno a casa e gioco un po’ alla playstation per iniziare a concentrarmi. Poi quelle due ore prima della partita, la musica a casa che ti fa concentrare ancora di più. Dopo il tragitto in macchina da casa a Monigo, si vedono i parcheggi pieni, la gente per strada. Dal parcheggio la camminata verso lo stadio ed entrare in spogliatoio. Avevo la routine di salutare ogni persona, ogni giocatore, ogni membro dello staff. Appoggiare la borsa, indossare la maglia, prenderla in mano, guardarla e apprezzarla per un momento, poi la indossi, esci dallo spogliatoio con i ragazzi alle spalle. Sono cose difficili da spiegare, è una sensazione bellissima. Dopo inizia la guerra in campo, dai tutto e quando abbiamo vinto, come sta succedendo spesso negli ultimi anni, è la cosa più bella. Poi quando perdiamo, sapere di avere dato l’anima e il cuore, tutto, ci dà comunque soddisfazione».

Cosa vedi nel tuo futuro?
«È difficile poter dare una risposta sul mio futuro al momento. In giro per il mondo c’è veramente un caos, ci sono limitazioni e non so bene cosa posso fare. Ho sempre avuto nei miei piani quello di fare una vacanza per tutto il mondo, andare a trovare tutti i miei amici, con chi ho giocato, chi ho conosciuto nel mio viaggio di rugby. Per il momento penso che tornerò in Nuova Zelanda, passerò un po’ di tempo libero con la mia famiglia, visto che devo recuperare dopo questi otto anni, e poi deciderò cosa fare».

Puoi mandare un ultimo saluto alla grande famiglia del Benetton Rugby?
«Alla società, allo staff, ai miei compagni di squadra, a tutti i miei amici qua a Treviso e più che altro ai tifosi biancoverdi che sono sempre stati con noi, vi ringrazio per tutto quello che avete fatto per me in questo percorso di otto anni e vi lascio con un cuore pieno e con tanti bei ricordi, grazie mille».

GUARDA L'INTERVISTA ESCLUSIVA

 
ALESSANDRO ZANNI: “SONO STATI UNDICI ANNI INCREDIBILI ED EMOZIONANTI” PDF Stampa E-mail
Campionati
Mercoledì 17 Giugno 2020 10:03

zannimun 1

A 36 anni Alessandro Zanni ha deciso di ritirarsi. Il seconda e terza linea friulano che è diventato una leggenda biancoverde disputando dal 2009 ad oggi 136 presenze in maglia Benetton Rugby, condite da 11 mete. Nel suo curriculum anche 119 caps in maglia Italrugby, per un flanker e un seconda linea tra i migliori in tutta Europa negli ultimi 15 anni. Zanni detiene la memoria storica dell’esperienza dei Leoni nella lega celtica, dato che faceva parte del XV titolare del Benetton Rugby che a Monigo il 4 settembre 2010 ha debuttato nell’allora Magners League. Una continuità di rendimento pazzesca ha caratterizzato le prestazioni di Zanni nell’ultimo decennio, lui che ha anche posseduto i galloni di capitano dei biancoverdi nella stagione 2015/2016 e nell’annata 2016/2017 coadiuvato da Alberto Sgarbi. Alessandro entrerà a far parte dello staff dei preparatori fisici della prima squadra ricoprendo il ruolo di assistente. Gradi di preparatore fisico che Zanni avrà anche nelle giovanili biancoverdi.

Alessandro, alla fine è arrivato il momento di appendere gli scarpini al chiodo. Supponiamo sia stata una decisione difficile…
«Sicuramente quando una carriera finisce è un momento molto duro e difficile perché ti rendi conto che la più grande passione che hai, che è praticare il rugby, dall’oggi al domani non ci sarà più. Io ho iniziato a giocare a rugby nel 1991, sono passati un bel po’ di anni. Pensare da un giorno all’altro di non poter più scendere in campo con i compagni a praticare lo sport che amo è sicuramente una sensazione che mi mette in difficoltà, però l’età avanza ed è giusto fare una scelta per poi proseguire nella propria vita senza questo aspetto che è il rugby».

Sei arrivato al Benetton Rugby nel 2009, a 25 anni. In biancoverde hai vissuto più di dieci anni di carriera. Come sono stati dagli inizi fino ad oggi?
«Sono arrivato al Benetton Rugby nel 2009 con altri compagni da Calvisano. Il primo anno abbiamo subito vinto lo Scudetto, la Coppa Italia e la Supercoppa. È stata una sensazione incredibile perché arrivare in un ambiente nuovo con una tradizione importante come quella del Benetton Rugby è stato sicuramente bello. Sono stati undici anni incredibili, in cui ci sono stati momenti positivi, momenti negativi in cui la squadra si è trovata in difficoltà e i risultati non arrivavano. Però credo che le sensazioni che mi ha lasciato il campo e tutte le partite che ho affrontato insieme ai miei attuali e vecchi compagni mi hanno fatto crescere come persona e mi lasceranno qualcosa dentro per tutto il resto della mia vita».

Quali sono le sensazioni più belle attraversate?
«Momenti belli in questi undici anni ce ne sono tanti. Sicuramente la vittoria dello Scudetto contro Viadana a Padova nel 2010, la prima vittoria in Celtic League contro gli Scarlets, era anche la nostra prima partita in questa competizione e fu qualcosa di speciale. Arrivavamo all’appuntamento non sapendo bene cosa ci aspettasse perché venivamo dal Top10 che non era qualitativamente paragonabile a quello che poi avremmo dovuto affrontare. Eravamo con la voglia di giocare, ma anche ansiosi di vedere a che livello saremmo stati. Credo che quella vittoria ci abbia dato molta fiducia perché da lì, quell’anno, soprattutto in casa, facemmo delle grandi partite. Altri momenti splendidi ce ne sono tanti. La vittoria col Perpignan in Heineken Cup, allora erano i campioni in carica. La vittoria contro Leinster di due anni fa è stata la prima vittoria di una franchigia italiana sul loro campo. Anche l’accesso ai playoff dell’anno scorso è stato un qualcosa di storico. Forse solo noi dello staff e del gruppo di giocatori ci speravamo a inizio anno, però magari i tifosi e gli addetti ai lavori non si aspettavano questo exploit. Arrivare a un obiettivo che ci eravamo prefissati, competere al massimo fino alla partita contro Munster è stato qualcosa di straordinario».

Hai disputato oltre 100 presenze con i Leoni di cui sei stato capitano. Resterai un simbolo nella storia del Benetton Rugby. Cosa ti fa provare?
«Ho giocato più di 100 presenze con la maglia del Benetton, è stato un qualcosa di incredibile se ripenso al passato e alla mia carriera. Ogni partita che ho giocato in maglia biancoverde mi ha dato delle emozioni incredibili e delle sensazioni che porterò con me per sempre. Ho avuto la fortuna per un periodo di essere anche il capitano e di essere il leader di questa squadra e anche se non fu un momento particolarmente positivo, perché privo di risultati e vittorie, lo ricorderò sempre con piacere, perché è stato un periodo che mi ha fatto crescere come persona e come giocatore. Sono emozioni incredibili che conserverò per sempre e fra qualche anno quando mi guarderò indietro sicuramente rivivrò e ripenserò a dei bellissimi momenti».

Sei una leggenda anche per l’Italrugby, avendo registrato oltre 100 caps in nazionale.
«Ho fatto 119 presenze con la maglia della nazionale italiana, anche qua un traguardo importante. Se ripenso al mio primo cap a Prato contro Tonga, all’epoca non avrei mai pensato di poter raggiungere un simile traguardo. La maglia della nazionale è il sogno di ogni giocatore che vive per il rugby, di ogni ragazzino, da quando hai 10 anni fino a quando esordisci in prima squadra. Il fatto di averla potuta indossare con così tanta continuità è un motivo di orgoglio. Anche qui ci sono momenti bellissimi che porterò per sempre dentro, la vittoria contro la Francia nel Sei Nazioni, la vittoria contro l’Irlanda, il mio primo cap e ovviamente anche dei momenti negativi. Però tutto questo è un bagaglio importante che mi servirà nel prosieguo della mia carriera».

Quanto sono stati importanti la città di Treviso, Monigo e l’organizzazione del Benetton Rugby durante questi anni?
«L’ambiente di Treviso, dei tifosi, della società, di tutti gli addetti ai lavori è stato fondamentale per la mia crescita professionale perché Treviso è una città che vive e respira di rugby. Tanti cittadini sono appassionati e si è anche visto negli ultimi anni, dove in un Monigo stracolmo sono venuti numerosi a vedere le partite del Benetton Rugby. Sicuramente è stato un qualcosa di importante, abbiamo un centro splendido che è la Ghirada in cui si possono svolgere in maniera importante tutte le tipologie di allenamento, la palestra e le attività sui campi. Credo che questo abbia dato un grosso contributo alla crescita della squadra e ovviamente allo sviluppo della medesima».

La partita che non dimenticherai mai?
«Una partita che ricordo con piacere e gioia è stata quella contro Connacht nel 2016 perché abbiamo vinto all’ultimo minuto con un calcio di Jayden Hayward da quasi centrocampo e li abbiamo sorpassati praticamente a tempo scaduto. La ricordo perché venivamo da un bruttissimo periodo in cui avevamo subito delle sconfitte in successione e quella partita fu una sorta di liberazione. A fine gara vedere la gioia dei compagni di squadra, contenti di aver ottenuto un risultato, festeggiare dopo aver sofferto così tanto e dopo così tante sconfitte fu qualcosa di veramente liberatorio».

Per te inizia una nuova avventura, dato che diventerai preparatore fisico del Benetton Rugby. Come ti approccerai a questa nuova esperienza?
«Dall’anno prossimo inizierò una nuova avventura con lo staff dei preparatori del Benetton Rugby. Sono molto contento di questa opportunità perché è un ambiente in cui da questo punto di vista posso crescere molto. Lavorerò con persone competenti e che sono di livello internazionale, quindi sono ansioso di iniziare e di dare una mano, dare il mio contributo il più possibile. Ormai la preparazione atletica nel rugby è un qualcosa di fondamentale che va curato nei minimi dettagli, c’è molta attenzione da questo punto di vista perché il rugby è uno sport sempre più in evoluzione e da un punto di vista fisico richiede che i giocatori siano preparati al 100% sul campo, al massimo del loro potenziale fisico. È un’avventura, una scommessa ma sono pronto ad affrontarla con entusiasmo perché è un qualcosa che mi piace e che mi ha sempre affascinato nel periodo in cui ero giocatore».

Vuoi mandare un saluto finale?
«Volevo ringraziare tutti quelli che hanno gravitato intorno a questa squadra, al Benetton Rugby nel corso degli anni, da quando ho avuto la fortuna di trasferirmi qua a Treviso. Dai tifosi a tutte le persone che lavorano per la società perché il contributo di ciascuno di loro è importante per la crescita della squadra, affinché si possano raggiungere i risultati che abbiamo ottenuto l’anno scorso».

 
FABIO ROSELLI E ANDREA MORETTI NUOVI ASSISTENTI ALLENATORI DELLE ZEBRE PDF Stampa E-mail
Campionati
Mercoledì 10 Giugno 2020 11:43

Moretti Bradley Roselli

[Andrea Moretti, Michael Bradley e Fabio Roselli alla Cittadella del Rugby di Parma]

FABIO ROSELLI E ANDREA MORETTI NUOVI ASSISTENTI ALLENATORI DELLE ZEBRE

I DUE TECNICI GUIDERANNO RISPETTIVAMENTE I TREQUARTI E LA MISCHIA DELLA FRANCHIGIA FEDERALE

CONFERMATO IL RESTO DELLO STAFF TECNICO DELLA SQUADRA MULTICOLOR AD ECCEZIONE DEL NEO SKILLS COACH DELLA NAZIONALE CORRADO PILAT

Parma, 10 giugno 2020 – Lo Zebre Rugby Club ufficializza l’ingresso di due nuovi innesti nel proprio staff tecnico. Si tratta di Fabio Roselli e Andrea Moretti, i quali prenderanno il posto rispettivamente di Alessandro Troncon e Carlo Orlandi in qualità di allenatori dei trequarti e della mischia della squadra multicolor.

A nome di tutta la società, l’amministratore unico dello Zebre Rugby Club Andrea Dalledonne rivolge ai due tecnici uscenti un caloroso ringraziamento per l’impegno e la professionalità con cui nelle ultime tre stagioni hanno svolto il loro lavoro al fianco dell’head coach Michael Bradley, contribuendo al raggiungimento di alcuni storici traguardi del club. Ad entrambi va un grosso in bocca al lupo in vista delle rispettive carriere nel mondo ovale.

Come già accaduto nell’estate del 2017 per Troncon e Orlandi, anche Roselli e Moretti approdano al timone della franchigia federale a seguito di un’ottima esperienza di gestione tecnica della Nazionale U20, coronata da diverse vittorie importanti.

I due allenatori hanno infatti guidato gli Azzurrini nel corso di tre edizioni del Sei Nazioni U20 (conclusosi nel 2018 al 4° posto e nel 2019 al 5° posto) e al Mondiale di categoria sempre nel 2018 e nel 2019. Memorabile l’edizione del 2018 del World Rugby Under 20 Championship, chiuso da Lamaro e compagni ad uno storico 8° piazzamento grazie ai due successi contro Scozia e Argentina.

L’ingresso dei due esperti allenatori al fianco di coach Bradley garantirà continuità e sviluppo ad uno dei pilastri del progetto tecnico e societario della franchigia federale: la crescita dei migliori giovani talenti del rugby italiano e, contestualmente, il loro debutto con la nazionale maggiore.

Le parole del team manager Andrea De Rossi: “Sono molto contento dell’arrivo di Fabio e Andrea, sono due persone che conosco bene: ci ho giocato contro e anche insieme, per cui mi fa doppiamente piacere ritrovarli alle Zebre. Dopo aver ringraziato e salutato Orlandi e Troncon, era giusto dare il benvenuto a due allenatori che hanno fatto molto bene con l’Accademia Nazionale “Ivan Francescato” e con la Nazionale U20. Entrambi sono stati protagonisti di un percorso di progressione e di crescita verso l’alto livello per cui penso sia naturale concedere loro questa chance. Sono arrivati qua già da maggio e si sono subito messi a disposizione di Michael e di tutto lo staff tecnico con cui hanno condiviso le prime riunioni. Sono sicuro che faranno bene e che soprattutto non abbiano problemi ad inserirsi poiché conoscono praticamente gran parte dei giocatori, molti dei quali arrivano dall’Accademia e dalla Nazionale U20”.

Per entrambi non si tratterà di un esordio in campionato celtico. Fabio Roselli aveva infatti ricoperto l’incarico di assistente allenatore delle Zebre già nel 2015/16 e nel 2016/17, mentre Andrea Moretti è stato allenatore degli avanti degli Aironi nel 2010/11.

I due allenatori sono già a lavoro alla Cittadella del Rugby di Parma dove, in virtù della loro pluriennale esperienza di gestione tecnica dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato” e successivamente della Nazionale U20, hanno ritrovato tantissimi atleti multicolor cresciuti ai tempi delle giovanili proprio sotto la loro guida.


Fabio Roselli ha costantemente militato come ala per la Rugby Roma -club della sua città natale-, vincendo un campionato italiano (1999/2000) e una Coppa Italia (1997/1998) e totalizzando 550 punti in 220 presenze col club capitolino. Tra il 1995 e il 1999 ha anche indossato la maglia della Nazionale, scendendo in campo in 17 gare ufficiali con gli Azzurri e segnando 5 mete. Con gli Azzurri ha vinto la storica Coppa Fira 1995-1997 e ha partecipato alla Coppa del Mondo del 1999, in scena in Francia e sulle isole britanniche.

Ritiratosi dall’attività agonistica nel 2003, intraprende la sua carriera di tecnico come allenatore del settore giovanile della Rugby Roma, per poi entrare nel 2007 nei ranghi federali come assistente della Nazionale Seven e poi della Nazionale U17. Tecnico di 4° livello FIR e docente allenatore, tra il 2009 e il 2013 è stato responsabile tecnico dell’Accademia zonale di Roma e, successivamente, delle Nazionali U17 e U18. Dal 2013 al 2015, ha fatto parte dello staff tecnico degli Azzurrini come allenatore dei trequarti, selezione che riabbraccerà a partire dal 2017, questa volta come capo allenatore. Già allenatore dei trequarti delle Zebre nelle due stagioni 2015/16 e 2016/17, Roselli ha ricoperto in quello stesso lasso di tempo anche il ruolo di responsabile tecnico dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato”.

Nato e cresciuto rugbisticamente a Mantova, Andrea Moretti ha esordito nel massimo campionato italiano nel 1996 col Petrarca Rugby a seguito di una prima esperienza giovanile in Nuova Zelanda con la maglia del North Shore. Dopo una parentesi stagionale col Worcester nel 2000/01 nella seconda divisione inglese, l’ex n° 2 classe 1972 rientrerà in Italia approdando nelle file del Rugby Calvisano, vincendo la Coppa Italia nel 2003 e il titolo di campione d’Italia nel 2004. Nel 2006 avviene il suo passaggio al Rugby Viadana, club con solleverà nuovamente la Coppa Italia nel 2007 e la Supercoppa Italia nello stesso anno. Esordito con la Nazionale sotto l’allora ct Georges Coste il 26 ottobre 1997 nell’incontro di Coppa Latina contro la Romania, il tallonatore lombardo ha preso parte alla Coppa del Mondo 1999 e al Sei Nazioni 2002; complessivamente, sono 13 i caps collezionati con l’Italia sino al suo congedo dal rugby azzurro nel 2005. Ritiratosi dal rugby giocato al termine della stagione 2007/08, Moretti disputerà la sua ultima partita ufficiale col prestigioso club ad inviti dei Barbarians, scendendo in campo il 9 aprile 2008 nella capitale scozzese contro l’Edinburgh Academicals in occasione del test match organizzato per il 150° anniversario del club locale che milita nella prima divisione nazionale.

Già allenatore degli avanti del Rugby Viadana tra il 2008 e il 2010 e degli Aironi nel 2010/11, il 13 volte Azzurro ha ricoperto il ruolo di capo allenatore del Petrarca Rugby tra il 2012 e il 2015. Conclusa l’esperienza con la società padovana, Moretti entrerà a far parte dello staff tecnico dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato” dove intraprenderà il suo sodalizio tecnico al fianco di Fabio Roselli, il quale proseguirà anche a partire dal 2017, anno in cui il 47enne mantovano assumerà la carica di allenatore della mischia della Nazionale U20.


Di seguito lo staff tecnico per la stagione sportiva 2020/21

Team Manager: Andrea De Rossi

Assistente team manager: Erick Trolli

Direttore tecnico: Michael Bradley

Allenatore degli avanti: Andrea Moretti

Allenatore dei trequarti: Fabio Roselli

Responsabile video analyst: Niccolò Gaetaniello

Video analyst: Flavio Ferraresi

Responsabile preparazione atletica e fisica: Giovanni Biondi

Preparatore atletico: Maicol Maccagnani, Francesco Della Ceca, Giulia Barbieri, Davide Barbieri

Responsabile medico: Rocco Ferrari

Medico: Paolo Ferrari, Cecilia Craviari, Ilaria Spartà, Davide Calzi

Medico nutrizionista: Federico Cioni

Assistente medico nutrizionista: Andrea Barbieri

Responsabile fisioterapia: Matteo Cavalca

Fisioterapista: Matteo Giavarini, Teo Turchi, Federico Usai

 
SEI TALENTUOSI AZZURRINI SOTTO CONTRATTO COME PERMIT PLAYERS PDF Stampa E-mail
Campionati
Martedì 09 Giugno 2020 14:51

slide

Il Benetton Rugby è lieto di ufficializzare il gruppo composto dai 6 permit players, sotto contratto con il club biancoverde, che integreranno la rosa in vista della prossima stagione. Si tratta degli atleti: Filippo AlongiMatteo DrudiRiccardo FavrettoPaolo GarbisiGianmarco Lucchesi Manuel Zuliani, che già hanno cominciato ad allenarsi in Ghirada con il resto del gruppo.

Prosegue quindi in maniera solida e produttiva il progetto intrapreso dal Benetton Rugby, grazie anche all’importante collaborazione dei club di TOP12 e FIR, cominciato tre stagioni fa e che ad oggi ha visto ben 5 atleti: Marco Zanon, Michele Lamaro, Niccolò Cannone, Luca Petrozzi e Joaquin Riera entrare a fare parte a tutti gli effetti della prima squadra biancoverde.

I seguenti atleti si alleneranno settimanalmente presso il centro sportivo de “La Ghirada” con possibilità di essere coinvolti per gli impegni del Benetton Rugby, o contrariamente rilasciati e messi a disposizione dei club di appartenenza.

 

Filippo Alongi (Mogliano Rugby) – 27.04.2000 – 185 cm x 118 kg – Pilone destro

Nato a Pietrasanta in provincia di Lucca, Alongi proviene dal Mogliano Rugby, dopo essere cresciuto nei Titani Rugby di Viareggio ed una parentesi tra le giovanili biancoverdi. È stato anche permit player per le Zebre Rugby nella stagione 2018/2019, collezionando due presenze con la franchigia federale in PRO14, di cui una proprio contro il Benetton.

L’estate scorsa il suo passaggio in TOP12 al Mogliano Rugby e l’inserimento nel roster dei Leoni come giocatore invitato. Nomina che gli ha dato l’opportunità di impacchettare già 4 presenze in maglia biancoverde in Guinness PRO14, di cui un cap da titolare nella vittoria di Newport contro i Dragons del 6 marzo scorso.

Nel suo curriculum anche le avventure in Nazionale Under 18 e 20, con la quale ha disputato gli ultimi Mondiali in Argentina.

 

Matteo Drudi (Accademia Nazionale Ivan Francescato) – 30.09.2000 – 183 cm x 113 kg – Pilone sinistro

Romano, Drudi è cresciuto rugbisticamente nella Tivoli Rugby e nell’Unione Rugby Capitolina, per poi difendere i colori del Frascati Rugby Club. È stato ammesso al primo anno accademico del centro di formazione FIR Under 18 nella stagione 2016/2017.

Invitato un anno fa ad aggregarsi al raduno estivo del Benetton Rugby, Drudi ha rappresentato la nazionale italiana nelle selezioni Under 17, Under 18 e Under 20. Ha partecipato al Mondiale U20 2019 e al Sei Nazioni U20 2019 e 2020, raccogliendo in totale 13 presenze e 3 mete.

 

Riccardo Favretto (Mogliano Rugby) – 18.10.2001 – 200 cm x 105 kg – Seconda Linea

Trevigiano doc, Favretto sin da piccolo si appassiona al rugby andando a vedere i Leoni a Monigo. Sviluppatosi nel vivaio del Silea Rugby, ha giocato con l’U16 di Mogliano e Casale, per poi approdare al Benetton in Under 18, facendo parte anche del Centro di Formazione Permanente U18 di Treviso e della Nazionale Italiana U18. Nel luglio 2019 il passaggio al Mogliano Rugby, dove ha solcato i campi del TOP12 in tre apparizioni. L’estate scorsa ha anche partecipato al raduno estivo dei biancoverdi come giocatore invitato.

Da segnalare inoltre che Favretto ha conseguito 3 caps con la maglia dell’Italia Under 20 nel Sei Nazioni andato in scena quest’anno.

 

Paolo Garbisi (Petrarca Padova) – 26.04.2000 – 183cm x 93kg – Mediano d’apertura

Nativo di Venezia, Garbisi è cresciuto nelle giovanili del Mogliano Rugby e ha esordito nel massimo campionato italiano non ancora maggiorenne, facendosi subito notare. Passato un’estate fa al Petrarca Padova, l’apertura si è immediatamente ritagliato un ruolo da protagonista partendo 8 volte titolare su 9 presenze in TOP12, marcando due mete e mettendo a segno in tutto 77 punti.

Capitano della Nazionale Italiana Under 20, Garbisi ha impreziosito il suo score con la selezione giovanile azzurra di ulteriori 77 punti, conditi da 3 mete. Ha presenziato al Mondiale U20 della scorsa annata e al Sei Nazioni 2019 e 2020, accumulando 13 caps.

 

Gianmarco Lucchesi (Accademia Nazionale Ivan Francescato) – 10.09.2000 – 184 cm x 110 kg – Tallonatore

Toscano, Lucchesi è sportivamente parlando sbocciato nei Lions Amaranto Livorno, dove ha anche effettuato la classica trafila nelle formazioni propaganda. Per tre annate, dal 2015-16 al 2017-18, ha trovato spazio nel Granducato, la franchigia giovanile fondata nel 2015, frutto del lavoro sinergico tra le realtà livornesi dei Lions Amaranto e degli Etruschi. Il tallonatore, tesserato Lions Amaranto Livorno, ha poi militato per due anni di fila in serie A, con l’Accademia Nazionale Ivan Francescato.

Ora sarà un nuovo permit player del Benetton Rugby e può vantare tre presenze al Torneo Sei Nazioni Under 20 di quest’anno.

 

Manuel Zuliani (Accademia Nazionale Ivan Francescato) – 26.04.2000 – 189 cm x 108 kg – Terza Linea

Nato a Castelfranco Veneto, Zuliani è un flanker svezzato inizialmente dai tecnici del vivaio del Rugby Paese. È stato capitano del Benetton Rugby Under 18 due anni fa, per poi essere tra i selezionati alla scuola di sviluppo dell’Accademia Nazionale Ivan Francescato.

Tornato al Rugby Paese, lo scorso gennaio ha impreziosito il suo passaporto rugbistico di un’apparizione in European Challenge Cup con il Calvisano, come permit. Inoltre Zuliani ha totalizzato tre presenze, e una meta, in maglia Italia Under 20 nel Sei Nazioni di quest’anno e di un anno fa.

 

Infine si comunica che l’atleta Charly Trussardi, pur rimanendo sotto contratto con il Benetton Rugby, comincerà una nuova avventura nelle vesti di permit player indossando la maglia rossoblù della Femi-CZ Rugby Rovigo Delta.

Prossimamente verranno inoltre ufficializzati i nomi degli atleti che sempre da permit, non sotto contratto con il Benetton Rugby bensì in accordo con il club proprietario del cartellino del giocatore, si uniranno al gruppo biancoverde.

Queste le parole del direttore sportivo Antonio Pavanello“Comincia proprio in queste settimane un nuovo ciclo anche con i permit players. Inseriamo all’interno del nostro organico sei talentuosi profili che hanno già avuto modo di mettersi in mostra soprattutto con la maglia della Nazionale U20 e per i quali abbiamo grandi aspettative. In particolare per Alongi, Drudi e Favretto è il compimento di un ulteriore step dal momento che lo scorso anno facevano già parte del nostro gruppo di giocatori “invitati””. Pavanello ha poi proseguito sottolineando un aspetto importante: “Nonostante il loro inquadramento come permit, avranno le stesse possibilità del resto della nostra rosa così come dimostrato in passato da chi li ha preceduti, scendendo in campo a dispetto di nostri giocatori fissi. Quella che ci aspetta sarà una stagione ricca di impegni e sono certo che avranno tutti la possibilità di fornire il loro contributo”

 
LA ROSA DELLE ZEBRE SI RINFORZA CON L’ARRIVO DI CINQUE GIOVANI TALENTI DEL RUGBY ITALIANO PDF Stampa E-mail
Campionati
Lunedì 01 Giugno 2020 12:28

casilio passa

[Niccolo Casilio in azione allo Stadio Lanfranchi di Parma - Stefano Delfrate]

I CINQUE ATLETI PROVENGONO DAL MASSIMO CAMPIONATO ITALIANO E HANNO FIRMATO FINO AL 30 GIUGNO 2022

Parma, 1 giugno 2020 – Dopo l’annuncio di Antonio Rizzi, le Zebre continuano a puntare sullo sviluppo dei migliori giovani rugbisti italiani e danno il benvenuto a cinque talentuosi protagonisti del massimo campionato italiano “Peroni Top12”. Si tratta dei tre atleti delle Fiamme Oro Rugby Iacopo Bianchi, Giovanni D’Onofrio e Matteo Nocera e dei due Calvini Nicolò Casilio e Paolo Pescetto. Tutti e cinque hanno già debuttato con la maglia franchigia federale e hanno firmato col club di base a Parma fino al 30 giugno 2022.

Come già in passato, in occasione dell’ufficializzazione del rinnovo di contratto di dodici avanti multicolor, le Zebre sono liete di annunciare l’arrivo dei cinque nuovi innesti in uno stesso scaglione, dando così continuità al progetto di sviluppo tecnico e societario del club.

Siamo molto contenti di rinforzare la rosa delle Zebre con questi cinque giovani promettenti – dichiara il team manager delle Zebre Andrea De Rossi –. Quattro di loro sono cresciuti nei ranghi dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato” e hanno esordito poi con la Nazionale U20, mentre Pescetto ha maturato esperienza all’estero e ha giocato con l’Italia Emergenti, ma rientra anch’egli nell’ambito di quel percorso federale che Zebre, Benetton Rugby e FIR continuano a monitorare. Siamo da anni in contatto con i club del massimo campionato italiano e vediamo con interesse le loro partite domenicali proprio per individuare gli atleti che riteniamo essere pronti al salto di qualità nel rugby internazionale. E’ il caso di questi cinque giocatori che, proprio per il fatto che ricoprono ruoli diversi in campo, andranno ad integrare l’organico delle Zebre. A nome della società ringrazio dunque il Rugby Calvisano e la Polizia di Stato, in particolare il presidente delle Fiamme Oro Rugby il dottor Armando Forgione, per la consueta disponibilità e la proficua collaborazione dimostrata verso le Zebre”.


Nato e cresciuto rugbisticamente a Benevento, Giovanni D’Onofrio si è distinto fin da subito per le sue spiccate doti atletiche, guadagnandosi nel 2016 non ancora diciottenne una chiamata con le Zebre in qualità di permit player. L’esordio dell’ala/estremo con la franchigia federale avvenne il 23 ottobre 2016 a Parma nel 2° turno di Champions Cup perso contro il Connacht. Al termine della stagione 2016/17, il giovane trequarti entrerà a far parte dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato”, mantenendo viva la sua esperienza di permit player con la squadra multicolor e collezionando altre tre presenze in Guinness PRO14 con Castello e compagni: due nel 2017/18 ed una nel 2018/19. Di pari passo è proseguita anche la sua carriera con le giovanili della Nazionale; dopo aver preso parte nel 2017 al Sei Nazioni U20, D’Onofrio ha anche partecipato nel 2017 e ancora nel 2018 al Mondiale di categoria, segnando in quest’ultima edizione ben sei marcature che gli sono valse il titolo di “metaman” del torneo. Messosi in mostra anche con la maglia della nazionale seven, il 21enne beneventano ha militato nel corso delle ultime due stagioni nel massimo campionato italiano con il gruppo sportivo della Polizia di Stato, ritrovando coach Gianluca Guidi che lo fece debuttare con le Zebre.

Le dichiarazioni di Giovanni D’Onofrio: “Sono entusiasta di cominciare questa nuova avventura con le Zebre, squadra che per i giovani come me rappresenta l’apice del movimento italiano. E’ sicuramente un traguardo importante ma è soltanto il punto di partenza per potermi mettermi alla prova verso nuove sfide. Non faccio previsioni di lungo termine, il mio primo obiettivo sarà sicuramente quello di guadagnare la fiducia dei miei nuovi compagni di squadra e di tutto lo staff! Come giocatore, faccio della velocità uno dei miei punti di forza; mi piace cercare gli spazi palla in mano e giocare a disposizione della squadra. Ringrazio di cuore il gruppo sportivo della Polizia di Stato per avermi fatto crescere nel corso di queste ultime due stagioni e per avermi concesso quest’importante chance con le Zebre”.


Dalla società cremisi proviene anche Matteo Nocera, potente pilone destro di 194 cm x 128 kg. Nato a Carpi (MO) il 16 gennaio 1999, il giovane n° 3 ha placcato i suoi primi avversari con la maglia del Modena Rugby 1965, proseguendo quindi il suo percorso di formazione nei ranghi dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato”. Già impiegato da coach Bradley il 2 marzo 2019 nella gara casalinga contro i Glasgow Warriors e lo scorso 21 febbraio a Legnano in occasione della sfida del Milano Rugby Week contro il Munster, il 21enne emiliano ha percorso tutta la trafila delle giovanili della nazionale, prendendo parte al Sei Nazioni U20 e al Mondiale di categoria nel 2018 e nel 2019.

Le dichiarazioni di Matteo Nocera: “Arrivare a giocare con le Zebre è una soddisfazione enorme. E’ il risultato di un lungo percorso iniziato dalle mie prime esperienze con il Rugby Carpi, ma soprattutto è un trampolino di lancio per la mia carriera. Sogno di poter debuttare un giorno con la nazionale maggiore e ce la metterò tutta per farcela! Me lo sono posto come obiettivo personale e mi allenerò sodo per riuscirci, partendo da quelli che credo siano i miei punti di forza: il placcaggio e l’ingaggio in mischia chiusa. Ringrazio la Polizia di Stato e la società delle Fiamme Oro Rugby per avermi seguito e accompagnato nel mio percorso di crescita e per avermi permesso di intraprendere questa nuova avventura con le Zebre”.


 Vecchia conoscenza delle Zebre è anche Iacopo Bianchi, il quale nelle ultime due stagioni ha registrato ben 11 presenze ufficiali ed 1 meta segnata con la formazione multicolor in qualità di permit player. Classe 1998, il terza linea aretino si è affacciato al rugby per la prima volta con la maglia del Vasari Rugby, club della sua città natale con cui vinse il campionato U16 elite. Dopo un’esperienza nelle giovanili della società fiorentina dei Medicei, il 22enne ha esordito nel campionato nazionale di Serie A con i colori dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato”, mettendosi in mostra fino a guadagnarsi un contratto con le Fiamme Oro Rugby a partire dal 2018/19. Il giovane flanker è stato inoltre un punto fisso della mischia degli Azzurrini e ha anch’egli partecipato a due edizioni del Sei Nazioni U20 e del Mondiale di categoria (2017 e 2018). Debutto memorabile per Bianchi al World Rugby Under 20 Championship: il 31 maggio 2017 l’aretino è stato infatti tra i protagonisti del successo sull’Irlanda, firmando in tuffo la meta nata da una splendida invenzione al piede del suo futuro compagno di club Antonio Rizzi.

Le dichiarazioni di Iacopo Bianchi: “Dopo due stagioni da permit player, finalmente posso iniziare questa nuova avventura con le Zebre in maniera definitiva! Devo ammettere che fortunatamente i miei compagni di squadra e lo staff non mi hanno mai fatto notare questa “differenza” e li ringrazio molto per avermi accolto in maniera splendida, con loro mi son trovato bene fin da subito. Per me le Zebre sono infatti una grande famiglia, questa è la prima sensazione che ho avuto quando ho fatto i primi allenamenti. Inoltre, mi piace molto il gioco proposto da coach Bradley, il modo di attaccare e di difendere della squadra. Negli ultimi anni abbiamo dimostrato di poter essere competitivi con chiunque, per cui il mio obiettivo adesso è quello di dare il 100 % e di farmi trovare sempre pronto a disponibile perché penso che presto riusciremo a toglierci molte soddisfazioni in campo. Ringrazio la Polizia di Stato per l’opportunità concessami e per permettermi di vivere quest’importante esperienza”.


Prodotto della storica società dell’Aquila Rugby Club, Nicolò Casilio ha svolto un percorso di crescita analogo a quello degli altri tre Azzurrini, passando nel 2016/17 dalle file dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato” prima di bagnare il suo esordio nel massimo campionato italiano nel 2017/18 con il Rugby Calvisano, club con cui si laureò campione d’Italia il 18 maggio 2019. Già avvicinatosi alla rosa multicolor nell’estate del 2018 come permit player, il 21enne aquilano ha debuttato con le Zebre a Murrayfield il 28 settembre 2019, in occasione della giornata inaugurale di campionato celtico. In campo con l’Italia al Sei Nazioni U20 e al Mondiale di categoria nel 2018, il giovane n° 9 è stato impiegato da coach Bradley in altre 3 gare ufficiali del Guinness PRO14 2019/20.

Le dichiarazioni di Nicolò Casilio: “Ero veramente emozionato quando siamo riusciti a trovare l’accordo. Le Zebre sono una squadra dove tutti noi giovani Italiani sogniamo di arrivare. Per il futuro spero di ritagliarmi il mio spazio e di crescere giorno dopo giorno come persona e come giocatore. Nel gioco penso che il mio punto di forza sia il gioco al piede, ma mi piace anche molto gestire i ritmi della partita. Non vedo l’ora di ricominciare a scendere in campo!”


Non ha infine mai giocato con la nazionale U20, bensì con quella Emergenti Paolo Pescetto, mediano di apertura proveniente anch’egli dal Rugby Calvisano. Cresciuto nelle giovanili del Cus Genova, club della sua città natale dove ha mosso i primi passi anche capitan Castello, il regista venticinquenne si è trasferito nel 2014 in Francia, esordendo nel 2016 nel campionato transalpino di seconda divisione PRO D2 con il Narbona. Nel 2018 il n° 10 ligure è quindi tornato a militare nel suo Paese, laureandosi campione d’Italia con i gialloneri e vincendo anche il titolo di “miglior giocatore” della finale di scudetto colta a scapito del Rugby Rovigo. 

Le dichiarazioni di Paolo Pescetto: “Una volta tornato a giocare in Italia, uno dei miei obiettivi era riuscire ad entrare a far parte delle Zebre. Ora che ce l’ho fatta sono contentissimo, ma soprattutto sono molto desideroso di allenarmi e di integrarmi in questo gruppo che mi è subito parso molto affiatato. Darò sempre il massimo e spero di poter presto dimostrare il mio vero valore in campo!”

 


Pagina 1 di 129

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube

covid-faq-fir

allenati-con-fir

banner cattolica

ticketing2018

banner sitofederugby

 

banner-community-2019

seguici su Spotify


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito